Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Rilegno: cassette per la frutta bio, pallet, mobili e altre storie di economia circolare:

Rilegno: cassette per la frutta bio, pallet, mobili e altre storie di economia circolare

settembre 18, 2019 Campioni d'Italia, Rubriche

La cassetta di melanzane parte dalla Sicilia, arriva nei mercati di Milano, Bologna ecc. per poi finire trasformata in un pannello che compone la cucina di un grande marchio mobiliere italiano. Il legno così salta la discarica e non diventa rifiuto, salta il termovalorizzatore e non diventa anidride carbonica. Il viaggio della nostra cassetta è dunque circolare, una metafora di quell’economia che punta a non lasciare rifiuti in terra e in mare e a ridurre le emissioni nocive in atmosfera.

Il nuovo paradigma ha bisogno però di metodi, organizzazione, logistica e anche cultura del riciclo. In Italia, a promuovere e mettere in pratica questi concetti, nella filiera del legno, è Rilegno, il Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi di legno, che da anni “mette a sistema” gli sforzi collettivi per non buttare via nulla di prezioso.

Rilegno è protagonista di un’opera di valorizzazione che si rinnova costantemente con nuovi progetti. Uno dei più recenti vede le cassette di legno diventare l’involucro (sostenibile) di frutta e verdura bio, come ci racconta il presidente Nicola Semeraro. Si tratta di una nuova linea di prodotto immessa sul mercato da una grande insegna della GDO che punta, come sottolinea Semeraro, “a ridisegnare la tradizionale cassetta di legno per il mondo del biologico”, in un perfetto connubio legno&bio. “Una cassetta riutilizzabile”, ovviamente, precisa Semeraro che ci recita anche lo slogan: “Viaggia con la natura, viaggia con il legno!” .

Del resto qualche dubbio che la plastica possa “rilasciare” contaminanti sul cibo che confeziona molti consumatori ce l’hanno da tempo. Finora le istituzioni internazionali incaricate di approfondire la questione lo escludono, ma intanto proseguono gli studi scientifici sul tema. E Assoimballaggi e Rilegno, con le loro ricerche, dimostrano che le cassette in legno risultano avere l’impatto ambientale più basso dal punto di vista emissivo, in termini cioè di gas ad effetto serra, eutrofizzazione, acidificazione, rilascio di smog fotochimico.

L’incremento nell’uso del legno per il packaging è un ritorno alla tradizione, ma con ampio uso delle nuove tecnologie: “Vogliamo pensare ad un imballaggio che non si limiti ad essere contenitore di merci, ma possa agire come fonte di dati rispetto ai contenuti”, spiega Semeraro, facendo riferimento ad uno strumento che racconterà, grazie ad un microchip, la storia della frutta che si sta portando a casa. “Stiamo sviluppando, insieme all’Università di Parma, uno studio di fattibilità per l’implementazione della tecnologia a supporto della logistica e sostenibilità ambientale degli imballaggi di legno”. In altri termini: un investimento forte sulla tracciabilità del prodotto.

Queste le nuove frontiere, ma non bisogna dimenticare il lavoro che Rilegno porta avanti nella quotidianità: nel 2018 “sono state 1.932.583 le tonnellate raccolte e avviate a riciclo, con una percentuale del 63% nel riciclo degli imballaggi di legno, ben oltre il target fissato dall’Unione Europea al 30% per il 2030!”. “Abbiamo segnato un incremento dei volumi del 7,74% sull’anno precedente – prosegue Semeraro – mentre è da primato la percentuale del 63% nel riciclo degli imballaggi: significa che su 3 milioni di tonnellate di immesse sul mercato quasi due si recuperano”. Ovvero, due imballaggi su tre salvati da discarica ed inceneritore.

Il riciclo interessa pallet, imballaggi industriali, imballaggi ortofrutticoli e per alimenti, ovvero il mondo dell’industria e della produzione ad ampio raggio. Nello specifico, il 95% del materiale recuperato viene utilizzato per la produzione di pannelli truciolari destinati ai mobilieri, poi pallet block, pasta di legno per le cartiere e compost. Infine le cassette per l’ ortofrutta, che attraverso il loro riuso permettono di risparmiare altro legno vergine. Anche i cittadini fanno la loro parte nel sistema. Sono infatti ben 642.470 le tonnellate recuperate attraverso la raccolta urbana che vedono tra i più importanti protagonisti gli oltre 4.500 Comuni che aderiscono al format di Rilegno.

La rigenerazione dei pallet, in particolare, è un modello di efficienza dell’economia circolare del legno. Anche qui parlano i numeri: 780.000 tonnellate recuperate, che corrispondono a circa 56 milioni di pallet usati che vengono ripristinati per la loro funzione originaria e, dunque, reimmessi sul mercato. Il cerchio funziona. Per i nuovi pallet poi si usa legno riciclato. Un altro cerchio che si chiude.

La riduzione di impatto ambientale è evidente: “evitare il passaggio nei termovalorizzatori significa congelare l’anidride carbonica. Il risparmio che generiamo nel consumo di CO2 è pari a quasi un milione di tonnellate”, precisa il Presidente del consorzio.

C’è poi anche una ricaduta sociale positiva data dall’allargamento della filiera. L’Italia importa oltre 9 miliardi di euro in legno ogni anno, quantità che vengono in parte compensate dal riciclo, che oltre a ridurre i camion su strada crea lavoro. E’ il bello della green economy! Ancora numeri: Rilegno si traduce in 2.000 consorziati, 416 piattaforme di raccolta private, 13 impianti di riciclo, 4.541 comuni convenzionati per un numero di abitanti che supera i 42 milioni. Un sistema che, secondo la ricerca “ Il sistema circolare della filiera legno per una nuova economia” realizzata dal Politecnico di Milano, genera un impatto economico stimabile in circa 1,4 miliardi di euro all’anno e 6.000 posti di lavoro”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende