Home » Bollettino Europa »Rubriche » Rinnovabili: l’Unione Europea è un leader dal passo troppo lento. Parola di EEA:

Rinnovabili: l’Unione Europea è un leader dal passo troppo lento. Parola di EEA

marzo 21, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

L’Unione Europea, pur restando un attore che gioca “un ruolo di primo piano nello sviluppo di fonti di energia pulita”, ed essendo ai vertici mondiali “per quanto riguarda l’occupazione nel settore delle energie rinnovabili”, procede ancora a passo lento. Troppo lento.

È quanto si legge nel nuovo  rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA) dal titolo “Renewable energy in Europe 2016: recent growth and knock-on effectsche rende una panoramica sull’impatto e la produzione di energia da fonti rinnovabili nel Vecchio Continente.

In effetti, i dati messi in chiaro dall’EEA mostrano che le fonti di energia rinnovabile hanno un ruolo chiave nella transizione energetica dell’Europa e sono complementari alle politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici, migliorando al contempo la sicurezza energetica del Continente. Nel 2014 il consumo finale lordo di energia è stato coperto per il 16% da fonti rinnovabili, quando solo nel 2012 era al 14,3%. Guardando all’era pre-crisi (anno 2005), questo significa una riduzione nella domanda di combustibili fossili di 110 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep), che equivale ad una riduzione lorda delle emissioni di gas serra per 362 milioni di tonnellate (Mt). A subire il maggior tasso di sostituzione è stato infatti il carbone, il combustibile più inquinante.

Un quadro a prima vista brillante, ma che rispecchia una realtà nella quale si affacciano ancora parecchie zone d’ombra. L’EEA riporta, infatti,  che i finanziamenti pubblici in ricerca e sviluppo per le nuove fonti di energia rinnovabile, seppur aumentati tra il 2005 e il 2013, sono cresciuti ad un ritmo più lento rispetto agli anni precedenti. Un dato che rende reale il rischio di “perdere” le tecnologie chiave di domani. Nel campo degli investimenti in tecnologie rinnovabili, l’UE, del resto, è stata già superata nel 2013 dalla Cina.

Nel caso degli impieghi nel settore, nel 2014 le energie rinnovabili contavano oltre un milione di addetti, generando un giro d’affari stimato in circa 143,6 miliardi di euro. Tuttavia, tra il 2013 e il 2014 il numero degli occupati nel settore è diminuito, passando dagli iniziali 1,15 milioni agli attuali 1,11 milioni posti di lavoro (-44 mila unità).

Lo stesso percorso si registra se si scende nel dettaglio di alcuni Stati Membri. Germania, Italia e  Spagna hanno raggiunto la più grande riduzione del consumo domestico di combustibili fossili e delle relative emissioni di gas serra. Questo nel 2013. Tuttavia, se prendiamo il nostro Paese, vediamo che “sta mollando la presa”. L’Italia, dopo anni di relativi successi, si è incamminata su un percorso più simile a quello del resto del Continente.

C’è poi un ulteriore aspetto dello sviluppo sostenibile affrontato nel documento, quello dei flussi di materia. Il direttore esecutivo dell’EEA, Hans Bruyninckx, spiega che attualmente il nostro uso delle risorse naturali “non è sostenibile e sta creando eccessiva pressione sul nostro Pianeta. Abbiamo bisogno di facilitare una transizione verso un’economia circolare”, andando oltre la sola gestione dei rifiuti e il loro riciclo ed intervenendo a monte dei processi produttivi, con investimenti significativi in innovazione. “In Europa e nel mondo – continua Bruyninckx – stiamo consumando ed estraendo più risorse di quanto il nostro pianeta possa ricrearne in un dato momento. Un’economia circolare si sforza di ridurre il ‘flusso’ di nuove risorse, in particolare di quelle risorse non rinnovabili”.

Secondo il direttore dell’EEA, oggi nessun Paese ha centrato il duplice obiettivo “di vivere bene all’interno dei propri limiti naturali, ma ci sono alcuni segnali incoraggianti”. L’Unione Europea ha iniziato a spezzare il legame tra crescita economica e consumo di energia e materiali. Un’ambizione tutt’altro che sufficiente per rimanere ai vertici dell’economia circolare a livello globale. Il benessere dei cittadini UE dipenderà strettamente dalla capacità dell’Europa di “tornare ad accelerare”. Di saper anticipare le mosse sul piano tecnologico e culturale rispetto ad altre realtà come USA o Cina.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende