Home » Bollettino Europa »Rubriche » Rinnovabili: l’Unione Europea è un leader dal passo troppo lento. Parola di EEA:

Rinnovabili: l’Unione Europea è un leader dal passo troppo lento. Parola di EEA

marzo 21, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

L’Unione Europea, pur restando un attore che gioca “un ruolo di primo piano nello sviluppo di fonti di energia pulita”, ed essendo ai vertici mondiali “per quanto riguarda l’occupazione nel settore delle energie rinnovabili”, procede ancora a passo lento. Troppo lento.

È quanto si legge nel nuovo  rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA) dal titolo “Renewable energy in Europe 2016: recent growth and knock-on effectsche rende una panoramica sull’impatto e la produzione di energia da fonti rinnovabili nel Vecchio Continente.

In effetti, i dati messi in chiaro dall’EEA mostrano che le fonti di energia rinnovabile hanno un ruolo chiave nella transizione energetica dell’Europa e sono complementari alle politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici, migliorando al contempo la sicurezza energetica del Continente. Nel 2014 il consumo finale lordo di energia è stato coperto per il 16% da fonti rinnovabili, quando solo nel 2012 era al 14,3%. Guardando all’era pre-crisi (anno 2005), questo significa una riduzione nella domanda di combustibili fossili di 110 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep), che equivale ad una riduzione lorda delle emissioni di gas serra per 362 milioni di tonnellate (Mt). A subire il maggior tasso di sostituzione è stato infatti il carbone, il combustibile più inquinante.

Un quadro a prima vista brillante, ma che rispecchia una realtà nella quale si affacciano ancora parecchie zone d’ombra. L’EEA riporta, infatti,  che i finanziamenti pubblici in ricerca e sviluppo per le nuove fonti di energia rinnovabile, seppur aumentati tra il 2005 e il 2013, sono cresciuti ad un ritmo più lento rispetto agli anni precedenti. Un dato che rende reale il rischio di “perdere” le tecnologie chiave di domani. Nel campo degli investimenti in tecnologie rinnovabili, l’UE, del resto, è stata già superata nel 2013 dalla Cina.

Nel caso degli impieghi nel settore, nel 2014 le energie rinnovabili contavano oltre un milione di addetti, generando un giro d’affari stimato in circa 143,6 miliardi di euro. Tuttavia, tra il 2013 e il 2014 il numero degli occupati nel settore è diminuito, passando dagli iniziali 1,15 milioni agli attuali 1,11 milioni posti di lavoro (-44 mila unità).

Lo stesso percorso si registra se si scende nel dettaglio di alcuni Stati Membri. Germania, Italia e  Spagna hanno raggiunto la più grande riduzione del consumo domestico di combustibili fossili e delle relative emissioni di gas serra. Questo nel 2013. Tuttavia, se prendiamo il nostro Paese, vediamo che “sta mollando la presa”. L’Italia, dopo anni di relativi successi, si è incamminata su un percorso più simile a quello del resto del Continente.

C’è poi un ulteriore aspetto dello sviluppo sostenibile affrontato nel documento, quello dei flussi di materia. Il direttore esecutivo dell’EEA, Hans Bruyninckx, spiega che attualmente il nostro uso delle risorse naturali “non è sostenibile e sta creando eccessiva pressione sul nostro Pianeta. Abbiamo bisogno di facilitare una transizione verso un’economia circolare”, andando oltre la sola gestione dei rifiuti e il loro riciclo ed intervenendo a monte dei processi produttivi, con investimenti significativi in innovazione. “In Europa e nel mondo – continua Bruyninckx – stiamo consumando ed estraendo più risorse di quanto il nostro pianeta possa ricrearne in un dato momento. Un’economia circolare si sforza di ridurre il ‘flusso’ di nuove risorse, in particolare di quelle risorse non rinnovabili”.

Secondo il direttore dell’EEA, oggi nessun Paese ha centrato il duplice obiettivo “di vivere bene all’interno dei propri limiti naturali, ma ci sono alcuni segnali incoraggianti”. L’Unione Europea ha iniziato a spezzare il legame tra crescita economica e consumo di energia e materiali. Un’ambizione tutt’altro che sufficiente per rimanere ai vertici dell’economia circolare a livello globale. Il benessere dei cittadini UE dipenderà strettamente dalla capacità dell’Europa di “tornare ad accelerare”. Di saper anticipare le mosse sul piano tecnologico e culturale rispetto ad altre realtà come USA o Cina.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende