Home » Bollettino Europa »Rubriche » Rinnovabili: l’Unione Europea è un leader dal passo troppo lento. Parola di EEA:

Rinnovabili: l’Unione Europea è un leader dal passo troppo lento. Parola di EEA

marzo 21, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

L’Unione Europea, pur restando un attore che gioca “un ruolo di primo piano nello sviluppo di fonti di energia pulita”, ed essendo ai vertici mondiali “per quanto riguarda l’occupazione nel settore delle energie rinnovabili”, procede ancora a passo lento. Troppo lento.

È quanto si legge nel nuovo  rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA) dal titolo “Renewable energy in Europe 2016: recent growth and knock-on effectsche rende una panoramica sull’impatto e la produzione di energia da fonti rinnovabili nel Vecchio Continente.

In effetti, i dati messi in chiaro dall’EEA mostrano che le fonti di energia rinnovabile hanno un ruolo chiave nella transizione energetica dell’Europa e sono complementari alle politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici, migliorando al contempo la sicurezza energetica del Continente. Nel 2014 il consumo finale lordo di energia è stato coperto per il 16% da fonti rinnovabili, quando solo nel 2012 era al 14,3%. Guardando all’era pre-crisi (anno 2005), questo significa una riduzione nella domanda di combustibili fossili di 110 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep), che equivale ad una riduzione lorda delle emissioni di gas serra per 362 milioni di tonnellate (Mt). A subire il maggior tasso di sostituzione è stato infatti il carbone, il combustibile più inquinante.

Un quadro a prima vista brillante, ma che rispecchia una realtà nella quale si affacciano ancora parecchie zone d’ombra. L’EEA riporta, infatti,  che i finanziamenti pubblici in ricerca e sviluppo per le nuove fonti di energia rinnovabile, seppur aumentati tra il 2005 e il 2013, sono cresciuti ad un ritmo più lento rispetto agli anni precedenti. Un dato che rende reale il rischio di “perdere” le tecnologie chiave di domani. Nel campo degli investimenti in tecnologie rinnovabili, l’UE, del resto, è stata già superata nel 2013 dalla Cina.

Nel caso degli impieghi nel settore, nel 2014 le energie rinnovabili contavano oltre un milione di addetti, generando un giro d’affari stimato in circa 143,6 miliardi di euro. Tuttavia, tra il 2013 e il 2014 il numero degli occupati nel settore è diminuito, passando dagli iniziali 1,15 milioni agli attuali 1,11 milioni posti di lavoro (-44 mila unità).

Lo stesso percorso si registra se si scende nel dettaglio di alcuni Stati Membri. Germania, Italia e  Spagna hanno raggiunto la più grande riduzione del consumo domestico di combustibili fossili e delle relative emissioni di gas serra. Questo nel 2013. Tuttavia, se prendiamo il nostro Paese, vediamo che “sta mollando la presa”. L’Italia, dopo anni di relativi successi, si è incamminata su un percorso più simile a quello del resto del Continente.

C’è poi un ulteriore aspetto dello sviluppo sostenibile affrontato nel documento, quello dei flussi di materia. Il direttore esecutivo dell’EEA, Hans Bruyninckx, spiega che attualmente il nostro uso delle risorse naturali “non è sostenibile e sta creando eccessiva pressione sul nostro Pianeta. Abbiamo bisogno di facilitare una transizione verso un’economia circolare”, andando oltre la sola gestione dei rifiuti e il loro riciclo ed intervenendo a monte dei processi produttivi, con investimenti significativi in innovazione. “In Europa e nel mondo – continua Bruyninckx – stiamo consumando ed estraendo più risorse di quanto il nostro pianeta possa ricrearne in un dato momento. Un’economia circolare si sforza di ridurre il ‘flusso’ di nuove risorse, in particolare di quelle risorse non rinnovabili”.

Secondo il direttore dell’EEA, oggi nessun Paese ha centrato il duplice obiettivo “di vivere bene all’interno dei propri limiti naturali, ma ci sono alcuni segnali incoraggianti”. L’Unione Europea ha iniziato a spezzare il legame tra crescita economica e consumo di energia e materiali. Un’ambizione tutt’altro che sufficiente per rimanere ai vertici dell’economia circolare a livello globale. Il benessere dei cittadini UE dipenderà strettamente dalla capacità dell’Europa di “tornare ad accelerare”. Di saper anticipare le mosse sul piano tecnologico e culturale rispetto ad altre realtà come USA o Cina.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende