Home » Bollettino Europa »Rubriche » Risparmio energetico: verso l’etichetta di efficienza anche per pc e data center:

Risparmio energetico: verso l’etichetta di efficienza anche per pc e data center

marzo 4, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Nell’Unione Europea è tempo di tornare a parlare di risparmio energetico. Il Vecchio Continente è, infatti, ad un punto cruciale per quanto riguarda la Direttiva Ecodesign, la legislazione disegnata per promuovere la progettazione e la commercializzazione di apparecchi con un ridotto consumo energetico.

Pubblicata dalla Commissione UE il 6 luglio del 2005, la Direttiva, chiamata anche EuP – Energy using Products, il 20 novembre 2009 è stata sostituita da una nuova versione (2009/125/CE). La modifica più importante risiede nel fatto che l’ambito di applicazione, ossia i “Prodotti che consumano energia”, è stato ampliato allo scopo di comprendere “prodotti connessi all’energia” e la norma viene oggi abbreviata con “Direttiva ErP”. Lo scopo è, naturalmente, ridurre il consumo di energia e altri impatti ambientali negativi.

L’obiettivo per il 2020 è una riduzione del 12% del consumo del 2007, un risultato ancora molto lontano. Per fare un esempio sull’entità del risparmio energetico possibile, basta guardare alle stime previste per alcuni dispositivi ancora da standardizzare con le nuove regole. I trasformatori elettrici, ad esempio, consumano in Europa 80 TWh (terawattora) di energia elettrica, e 34 milioni di tonnellate di CO2. Non attuando alcuna misura, nel 2020 queste due cifre dovrebbero arrivare a 92 TWh e a 39 Mt. Dare una forte sterzata verso l’efficienza energetica vorrebbe, quindi, dire essere all’avanguardia nel contrasto ai cambiamenti climatici e nella definizione di eco-misure di sostenibilità a livello mondiale. Senza dimenticare i benefici in termini di risparmio economico per i cittadini. Da uno studio di ECOFYS, dal titolo “Saving energy: bringing down Europe’s energy prices for 2020 and beyond”, si stima in 250 miliardi di Euro l’anno il risparmio complessivo ottenibile in Europa attraverso politiche di efficienza energetica. Un dato ottenuto considerando un arco temporale da qui al 2030.

Purtroppo però, la Direttiva ha tempi molto lenti. Per ora solo pochi prodotti hanno recepito gli standard nuovi per essere messi sul mercato; hanno, cioè, completato l’iter che porta alla standardizzazione delle modalità produttive e dei livelli di consumo massimo permessi, nonché alla commercializzazione con le nuove etichette energetiche. La maggioranza delle quali riguarda, ad oggi, gli elettrodomestici, di cui l’Italia, dopo la Germania, è il più grande produttore d’Europa. Tuttavia, il Parlamento Europeo sarà a breve chiamato a stabilire i nuovi standard di efficienza energetica di server e personal computer. Le associazioni ambientaliste europee, tra le quali anche Legambiente, chiedono agli Eurodeputati standard più stringenti di quelli proposti dalla Commissione Europea, per ottenere risparmi seri e consistenti. Il documento attuale, infatti, che le case di produzione dovrebbero adottare entro il 2014, propone standard di consumo che la maggior parte dei computer di casa o da ufficio in commercio hanno già applicato dal 2011. Parametri sostanzialmente vecchi. Si tratta dei consumi durante le fasi di stand-by o di pausa, non quelli col computer in uso, proprio per non porre limiti alla qualità delle performance del prodotto. C’è, inoltre, da notare che per i computer non esiste neanche l’etichetta energetica per aiutare il consumatore ad indirizzarsi verso i dispositivi più “risparmiosi”. In concreto, si propone di puntare almeno al 20% in meno di consumo energetico (50% per le schede grafiche) quando il computer è in pausa o in stand-by, e di introdurre misure di attenzione verso lo smaltimento dei pc, l’impiego di materie riciclate nella produzione e la diminuzione di sostanze tossiche al loro interno. Tutte istanze ad oggi assenti nella bozza della Commissione.

Quella che si propone è quindi una regolamentazione del settore più coraggiosa, in grado di presentare ai grandi produttori soluzioni convincenti in modo tale da spingerli ad abbracciare soluzioni green ICT, anche in termini di server e data storage, vista soprattutto la grande e rapida diffusione del cloud computing.

Tuttavia, le iniziative in tema di risparmio energetico, soprattutto legato alle tecnologie informatiche, non si arrestano qui. La Commissione Europea ha, infatti, diffuso un Codice di Condotta volontario sull’efficienza energetica dei Data Center. Un programma rivolto a tutti gli operatori di Data Center che intende dimostrare l’impegno di un’azienda nei confronti dell’efficienza energetica dei sistemi ICT. Il Codice di Condotta comprende anche un documento sulle migliori prassi. L’adesione al Codice, al momento, è volontaria.

L’economia 2.0 non è infatti a costo zero dal punto di vista energetico, ma pare, tuttavia, che chi lavora in questo campo non ne sia così consapevole. Lo rivela una ricerca di Emerson Network Power condotta su 341 professionisti. Dalla quale emerge che il 43% di loro non è a conoscenza degli obiettivi energetici europei del programma 20-20-20, che prevede di ottenere entro il 2020 la riduzione delle emissioni di gas serra almeno del 20%, la generazione del 20% dell’energia consumata mediante fonti rinnovabili, la riduzione del 20%dell’uso di energia primaria rispetto ai livelli proiettati. Il sondaggio ha anche rilevato che soltanto il 21% ha già adottato iniziative per uniformarsi ai requisiti. E il 63% di coloro che sono consapevoli di tali requisiti esprimono preoccupazione per l’effetto che il nuovo Codice avrà sull’attività del Data Center.

Il sondaggio di Emerson Network Power rivela però anche alcune note positive. La conoscenza degli obiettivi UE, per esempio, ha indotto quasi tre professionisti del settore su cinque (il 57%) a utilizzare apparecchiature IT più efficienti in termini di consumo energetico. Il 72% indica che l’efficienza energetica è una delle più importanti valutazioni da fare quando si acquistano apparecchiature per il Data Center. Inoltre, le difficoltà sollevate da questi obiettivi non hanno comunque indotto a valutare il trasferimento del Data Center in Paesi con meno restrizioni: soltanto il 3% ha, infatti, adottato questa strategia. Oltre un quarto delle aziende interpellate, infine, può già contare su iniziative ecologiche in ambito aziendale. L’indagine ha anche considerato l’energia rinnovabile: la metà degli intervistati ha indicato nell’energia solare la fonte preferita di energia rinnovabile per alimentare il Data Center primario, ma ha anche affermato che il costo è la principale causa della mancata adozione di fonti rinnovabili di energia.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

febbraio 21, 2019

Ponte Morandi: rischio amianto nell’abbattimento. Esposto alla Procura di Genova

Il Comitato ‘Liberi Cittadini di Certosa’ sostenuto dall’ONA (Osservatorio Nazionale Amianto) e assistito e difeso dal suo Presidente, Avv. Ezio Bonanni, ha presentato ieri mattina alla Procura della Repubblica di Genova un dettagliato esposto che fa riferimento al potenziale rischio amianto e presenza di polveri nocive in relazione al tragico crollo del ponte del 14 agosto 2018 che, oltre [...]

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

febbraio 20, 2019

Zeolite cubana: un sistema naturale per proteggere i cereali immagazzinati

Le infestazioni in magazzino sono uno dei problemi che più colpisce la filiera agroalimentare italiana. Dal campo alla tavola, il danno provocato durante lo stoccaggio rischia di compromettere intere produzioni. Per risolvere questa problematica l’azienda di San Marino Bioagrotech srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, ha introdotto sul [...]

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende