Home » Bollettino Europa »Rubriche » Risparmio energetico: verso l’etichetta di efficienza anche per pc e data center:

Risparmio energetico: verso l’etichetta di efficienza anche per pc e data center

marzo 4, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Nell’Unione Europea è tempo di tornare a parlare di risparmio energetico. Il Vecchio Continente è, infatti, ad un punto cruciale per quanto riguarda la Direttiva Ecodesign, la legislazione disegnata per promuovere la progettazione e la commercializzazione di apparecchi con un ridotto consumo energetico.

Pubblicata dalla Commissione UE il 6 luglio del 2005, la Direttiva, chiamata anche EuP – Energy using Products, il 20 novembre 2009 è stata sostituita da una nuova versione (2009/125/CE). La modifica più importante risiede nel fatto che l’ambito di applicazione, ossia i “Prodotti che consumano energia”, è stato ampliato allo scopo di comprendere “prodotti connessi all’energia” e la norma viene oggi abbreviata con “Direttiva ErP”. Lo scopo è, naturalmente, ridurre il consumo di energia e altri impatti ambientali negativi.

L’obiettivo per il 2020 è una riduzione del 12% del consumo del 2007, un risultato ancora molto lontano. Per fare un esempio sull’entità del risparmio energetico possibile, basta guardare alle stime previste per alcuni dispositivi ancora da standardizzare con le nuove regole. I trasformatori elettrici, ad esempio, consumano in Europa 80 TWh (terawattora) di energia elettrica, e 34 milioni di tonnellate di CO2. Non attuando alcuna misura, nel 2020 queste due cifre dovrebbero arrivare a 92 TWh e a 39 Mt. Dare una forte sterzata verso l’efficienza energetica vorrebbe, quindi, dire essere all’avanguardia nel contrasto ai cambiamenti climatici e nella definizione di eco-misure di sostenibilità a livello mondiale. Senza dimenticare i benefici in termini di risparmio economico per i cittadini. Da uno studio di ECOFYS, dal titolo “Saving energy: bringing down Europe’s energy prices for 2020 and beyond”, si stima in 250 miliardi di Euro l’anno il risparmio complessivo ottenibile in Europa attraverso politiche di efficienza energetica. Un dato ottenuto considerando un arco temporale da qui al 2030.

Purtroppo però, la Direttiva ha tempi molto lenti. Per ora solo pochi prodotti hanno recepito gli standard nuovi per essere messi sul mercato; hanno, cioè, completato l’iter che porta alla standardizzazione delle modalità produttive e dei livelli di consumo massimo permessi, nonché alla commercializzazione con le nuove etichette energetiche. La maggioranza delle quali riguarda, ad oggi, gli elettrodomestici, di cui l’Italia, dopo la Germania, è il più grande produttore d’Europa. Tuttavia, il Parlamento Europeo sarà a breve chiamato a stabilire i nuovi standard di efficienza energetica di server e personal computer. Le associazioni ambientaliste europee, tra le quali anche Legambiente, chiedono agli Eurodeputati standard più stringenti di quelli proposti dalla Commissione Europea, per ottenere risparmi seri e consistenti. Il documento attuale, infatti, che le case di produzione dovrebbero adottare entro il 2014, propone standard di consumo che la maggior parte dei computer di casa o da ufficio in commercio hanno già applicato dal 2011. Parametri sostanzialmente vecchi. Si tratta dei consumi durante le fasi di stand-by o di pausa, non quelli col computer in uso, proprio per non porre limiti alla qualità delle performance del prodotto. C’è, inoltre, da notare che per i computer non esiste neanche l’etichetta energetica per aiutare il consumatore ad indirizzarsi verso i dispositivi più “risparmiosi”. In concreto, si propone di puntare almeno al 20% in meno di consumo energetico (50% per le schede grafiche) quando il computer è in pausa o in stand-by, e di introdurre misure di attenzione verso lo smaltimento dei pc, l’impiego di materie riciclate nella produzione e la diminuzione di sostanze tossiche al loro interno. Tutte istanze ad oggi assenti nella bozza della Commissione.

Quella che si propone è quindi una regolamentazione del settore più coraggiosa, in grado di presentare ai grandi produttori soluzioni convincenti in modo tale da spingerli ad abbracciare soluzioni green ICT, anche in termini di server e data storage, vista soprattutto la grande e rapida diffusione del cloud computing.

Tuttavia, le iniziative in tema di risparmio energetico, soprattutto legato alle tecnologie informatiche, non si arrestano qui. La Commissione Europea ha, infatti, diffuso un Codice di Condotta volontario sull’efficienza energetica dei Data Center. Un programma rivolto a tutti gli operatori di Data Center che intende dimostrare l’impegno di un’azienda nei confronti dell’efficienza energetica dei sistemi ICT. Il Codice di Condotta comprende anche un documento sulle migliori prassi. L’adesione al Codice, al momento, è volontaria.

L’economia 2.0 non è infatti a costo zero dal punto di vista energetico, ma pare, tuttavia, che chi lavora in questo campo non ne sia così consapevole. Lo rivela una ricerca di Emerson Network Power condotta su 341 professionisti. Dalla quale emerge che il 43% di loro non è a conoscenza degli obiettivi energetici europei del programma 20-20-20, che prevede di ottenere entro il 2020 la riduzione delle emissioni di gas serra almeno del 20%, la generazione del 20% dell’energia consumata mediante fonti rinnovabili, la riduzione del 20%dell’uso di energia primaria rispetto ai livelli proiettati. Il sondaggio ha anche rilevato che soltanto il 21% ha già adottato iniziative per uniformarsi ai requisiti. E il 63% di coloro che sono consapevoli di tali requisiti esprimono preoccupazione per l’effetto che il nuovo Codice avrà sull’attività del Data Center.

Il sondaggio di Emerson Network Power rivela però anche alcune note positive. La conoscenza degli obiettivi UE, per esempio, ha indotto quasi tre professionisti del settore su cinque (il 57%) a utilizzare apparecchiature IT più efficienti in termini di consumo energetico. Il 72% indica che l’efficienza energetica è una delle più importanti valutazioni da fare quando si acquistano apparecchiature per il Data Center. Inoltre, le difficoltà sollevate da questi obiettivi non hanno comunque indotto a valutare il trasferimento del Data Center in Paesi con meno restrizioni: soltanto il 3% ha, infatti, adottato questa strategia. Oltre un quarto delle aziende interpellate, infine, può già contare su iniziative ecologiche in ambito aziendale. L’indagine ha anche considerato l’energia rinnovabile: la metà degli intervistati ha indicato nell’energia solare la fonte preferita di energia rinnovabile per alimentare il Data Center primario, ma ha anche affermato che il costo è la principale causa della mancata adozione di fonti rinnovabili di energia.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende