Home » Campioni d'Italia »Greeneria »Rubriche » Ritorno al legno. Negli sci di Kastelaar ecologia e tradizione incontrano le nuove tecnologie:

Ritorno al legno. Negli sci di Kastelaar ecologia e tradizione incontrano le nuove tecnologie

gennaio 23, 2019 Campioni d'Italia, Greeneria, Rubriche

Riportare i materiali naturali espulsi dal processo di modernizzazione dentro la manifattura industriale. Se la plastica e tutti i materiali artificiali – in settori come quello delle attrezzature sportive, per esempio – hanno espulso materie prime come il legno è arrivato il tempo di reintrodurle nella catena produttiva. Lo fanno, già da alcuni anni, alla Kastelaar di Vicenza dove con il legno realizzano racchette da tennis, mazze da golf e soprattutto degli sci iconici: quelli che sembrano ”di una volta” ma hanno in realtà forme e tecnologie contemporanee e sono quindi competitivi e funzionali.

Ne abbiamo parlato con Alberto Brazzale, uno dei soci, che ha dato continuità al sogno di suo nonno Angelo Carli Kastelar che negli anni ’30 del Novecento “forgiava” sci in legno. “Ebbe tre figlie ed era sconsolato a pensare di non avere nessuno che portasse avanti il nome di famiglia: oggi di prodotti (un po’ sono i suoi figli) col nome Kastelaar, ce ne sono sparsi in tutto il mondo. La continuità generazionale, con il tempo e a modo suo, è arrivata. “Nel brand però c’è una A in più rispetto al cognome, è quella di Alberto”, precisa il nipote.

Alberto è l’imprenditore che ha creduto in questa sfida, dopo trent’anni spesi nell’editoria, tutt’altro settore. “Con gli sci ci si sporcano le mani e a me piace“. Lavoro manuale, ma associato a competenze scientifiche e commerciali grazie ad una laurea in strategie di economia aziendale: “Ho sempre avuto un certo interesse verso il design e nel 2005 ho iniziato a far nascere e concretizzare questa idea”. In altri termini: utilizzare il legno, ma in modo innovativo, recuperare i materiali che la modernizzazione ha iniziato a marginalizzare negli anni ’50 per poi espellerli quasi del tutto durante la curva più alta del boom economico. “Dobbiamo partire dall’idea che prima dell’uso dei materiali moderni si facevano comunque ottimi sci, racchette da tennis ecc. E’ quindi possibile recuperare quella saggezza, integrandola con nuovi materiali tecnologici inseriti in piccole quantità, in modo opportuno e con tecnologie avanzate “, spiega Brazzale.

L’esempio concreto è dato proprio dalla composizione degli sci, dove il materiale più antico del mondo e la tradizione di nonno Angelo si fondono e si rafforzano con i materiali dell’industria aeronautica e militare: fibre di carbonio e kevlar in primis. Ma in quantità limitate. “Lo spessore del legno in punta ed in coda passa da poco più di un centimetro a pochi millimetri. Per il composito gli spessori sono più sottili ma con una struttura più robusta”. La novità? “Noi partiamo dalla materia naturale e quella artificiale viene inserita solo dopo e in quantità molto piccole”, precisa Alberto.

Nella scelta del legno vi è una componente ecologica (la materia prima è certificata e arriva da foreste con bollino FSC), ma questa coscienza ambientale non è l’unica ragione, ci sono anche aspetti tecnici e qualitativi determinanti: “Abbiamo scelto il legno perché ci offre la massima quantità di materiale assorbente. Le vibrazioni vengono assorbite molto di più rispetto a quanto si verifica con gli sci moderni. Con questa riduzione lo sci è più gestibile, confortevole, si guadagna in stabilità…E poi il legno è bello da vedere!”. Accanto allo slogan che usano nella comunicazione, “Gli sci più ecologici al mondo“, c’è dietro una scelta di competitività. “Un atleta della nazionale li ha addirittura utilizzati in Coppa del Mondo, abbiamo avuto un buon riscontro”.

Stessa filosofia per le racchette da tennis, dallo stile eccezionale e inconfondibile, che riportano alle immagini vintage dei grandi campioni, dall’ultimo Borg a Gerulaitis, ma con un peso ben diverso dai “macigni” che causavano i noti problemi al gomito e con una morbidezza incredibile nel gioco, grazie a quel superiore assorbimento delle vibrazioni che solo il legno può garantire. E con una forma contemporanea – così come gli sci rispettano le regole del carving…

Dalle prime idee sono passati quasi 14 anni, ma alla Kastelaar ricerca e sviluppo non si fermano e ora è arrivato il tempo di inserire il grafene. Ma sono tanti altri i progetti di questa piccola eccellenza del Nord Est dove ci si appassiona alle proprietà dei materiali. Per esempio Alberto insegue la “follia di realizzare dei driver da golf in legno, ma grandi e leggeri come quelli in titanio, con le stesse prestazioni”. Non mancano poi le incursioni nel campo della mobilità, con le bici in legno (“telaio in legno pieno, lamellare, oppure cave e molto leggere, con un alto grado di assorbimento e una grande morbidezza nella guida”) e le partnership nel settore automotive: “abbiamo collaborato con un’azienda che produce city car per l’utilizzo di parti in legno all’interno del veicolo”. A conferma che il “ritorno al legno” non ha confini, se non quelli della fantasia.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende