Home » Campioni d'Italia »Greeneria »Rubriche » Ritorno al legno. Negli sci di Kastelaar ecologia e tradizione incontrano le nuove tecnologie:

Ritorno al legno. Negli sci di Kastelaar ecologia e tradizione incontrano le nuove tecnologie

gennaio 23, 2019 Campioni d'Italia, Greeneria, Rubriche

Riportare i materiali naturali espulsi dal processo di modernizzazione dentro la manifattura industriale. Se la plastica e tutti i materiali artificiali – in settori come quello delle attrezzature sportive, per esempio – hanno espulso materie prime come il legno è arrivato il tempo di reintrodurle nella catena produttiva. Lo fanno, già da alcuni anni, alla Kastelaar di Vicenza dove con il legno realizzano racchette da tennis, mazze da golf e soprattutto degli sci iconici: quelli che sembrano ”di una volta” ma hanno in realtà forme e tecnologie contemporanee e sono quindi competitivi e funzionali.

Ne abbiamo parlato con Alberto Brazzale, uno dei soci, che ha dato continuità al sogno di suo nonno Angelo Carli Kastelar che negli anni ’30 del Novecento “forgiava” sci in legno. “Ebbe tre figlie ed era sconsolato a pensare di non avere nessuno che portasse avanti il nome di famiglia: oggi di prodotti (un po’ sono i suoi figli) col nome Kastelaar, ce ne sono sparsi in tutto il mondo. La continuità generazionale, con il tempo e a modo suo, è arrivata. “Nel brand però c’è una A in più rispetto al cognome, è quella di Alberto”, precisa il nipote.

Alberto è l’imprenditore che ha creduto in questa sfida, dopo trent’anni spesi nell’editoria, tutt’altro settore. “Con gli sci ci si sporcano le mani e a me piace“. Lavoro manuale, ma associato a competenze scientifiche e commerciali grazie ad una laurea in strategie di economia aziendale: “Ho sempre avuto un certo interesse verso il design e nel 2005 ho iniziato a far nascere e concretizzare questa idea”. In altri termini: utilizzare il legno, ma in modo innovativo, recuperare i materiali che la modernizzazione ha iniziato a marginalizzare negli anni ’50 per poi espellerli quasi del tutto durante la curva più alta del boom economico. “Dobbiamo partire dall’idea che prima dell’uso dei materiali moderni si facevano comunque ottimi sci, racchette da tennis ecc. E’ quindi possibile recuperare quella saggezza, integrandola con nuovi materiali tecnologici inseriti in piccole quantità, in modo opportuno e con tecnologie avanzate “, spiega Brazzale.

L’esempio concreto è dato proprio dalla composizione degli sci, dove il materiale più antico del mondo e la tradizione di nonno Angelo si fondono e si rafforzano con i materiali dell’industria aeronautica e militare: fibre di carbonio e kevlar in primis. Ma in quantità limitate. “Lo spessore del legno in punta ed in coda passa da poco più di un centimetro a pochi millimetri. Per il composito gli spessori sono più sottili ma con una struttura più robusta”. La novità? “Noi partiamo dalla materia naturale e quella artificiale viene inserita solo dopo e in quantità molto piccole”, precisa Alberto.

Nella scelta del legno vi è una componente ecologica (la materia prima è certificata e arriva da foreste con bollino FSC), ma questa coscienza ambientale non è l’unica ragione, ci sono anche aspetti tecnici e qualitativi determinanti: “Abbiamo scelto il legno perché ci offre la massima quantità di materiale assorbente. Le vibrazioni vengono assorbite molto di più rispetto a quanto si verifica con gli sci moderni. Con questa riduzione lo sci è più gestibile, confortevole, si guadagna in stabilità…E poi il legno è bello da vedere!”. Accanto allo slogan che usano nella comunicazione, “Gli sci più ecologici al mondo“, c’è dietro una scelta di competitività. “Un atleta della nazionale li ha addirittura utilizzati in Coppa del Mondo, abbiamo avuto un buon riscontro”.

Stessa filosofia per le racchette da tennis, dallo stile eccezionale e inconfondibile, che riportano alle immagini vintage dei grandi campioni, dall’ultimo Borg a Gerulaitis, ma con un peso ben diverso dai “macigni” che causavano i noti problemi al gomito e con una morbidezza incredibile nel gioco, grazie a quel superiore assorbimento delle vibrazioni che solo il legno può garantire. E con una forma contemporanea – così come gli sci rispettano le regole del carving…

Dalle prime idee sono passati quasi 14 anni, ma alla Kastelaar ricerca e sviluppo non si fermano e ora è arrivato il tempo di inserire il grafene. Ma sono tanti altri i progetti di questa piccola eccellenza del Nord Est dove ci si appassiona alle proprietà dei materiali. Per esempio Alberto insegue la “follia di realizzare dei driver da golf in legno, ma grandi e leggeri come quelli in titanio, con le stesse prestazioni”. Non mancano poi le incursioni nel campo della mobilità, con le bici in legno (“telaio in legno pieno, lamellare, oppure cave e molto leggere, con un alto grado di assorbimento e una grande morbidezza nella guida”) e le partnership nel settore automotive: “abbiamo collaborato con un’azienda che produce city car per l’utilizzo di parti in legno all’interno del veicolo”. A conferma che il “ritorno al legno” non ha confini, se non quelli della fantasia.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende