Home » Campioni d'Italia »Rubriche » RIUp, il design che rigenera gli scarti aziendali: dai tessuti ospedalieri alla ceramica:

RIUp, il design che rigenera gli scarti aziendali: dai tessuti ospedalieri alla ceramica

gennaio 20, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Tessuti ospedalieri che si trasformano in sacche e borse. Sono quelle della collezione di design Hos. Un  contributo alla rigenerazione di una parte delle 90 tonnellate di teli verdi che ogni anno  perdono la sterilità  e diventano inservibili e quindi rifiuto negli ospedali italiani. Fino a pochi anni fa erano solo una massa di materia da bruciare, far scomparire o peggio ancora sotterrare in discariche altamente inquinanti. Per fortuna, seppure “a passi felpati”, si vede una svolta nel destino di questi rifiuti, e protagonisti, in questo caso, sono i ragazzi di RIUp, start-up di architetti e designers di Faenza che  per le loro creazioni si affidano alle cooperative sociali. Un tocco verde, un tocco solidale e un tocco economico per arrivare a far quadrare il cerchio della filosofia green economy RIUp, che si basa sulla trasformazione degli scarti aziendali in oggetti di design per la casa.

Incontrare RIUp  non è stato solo un modo di scoprire attività e filosofia aziendale, ma pure un confronto sullo stato della cultura del riuso, riciclo e rigenerazione in Italia. “Attualmente ci sono tante persone,  tanti artisti, tanti creativi  che lavorano sul riuso, ma  spesso è più una moda  che un vero e concreto cambiamento, perché quello che  ne viene fuori è un oggetto unico”, riflette a voce alta Silvia Dal Prato, architetto e CEO di RIUp,  che punta ad altre dimensioni del pianeta rigenerazione. “Vanno bene queste sperimentazioni, cose buone e giuste, ma, ripeto, si tratta di oggetti unici. In altri termini  si tratta di sculture, noi al contrario vogliamo contribuire in modo seriale al sistema del riuso con oggetti funzionali, componibili ed accessibili a tutti. Vogliamo dare un contributo serio a  livello ambientale su un dato reale ed oggettivo come quello prodotto dagli scarti aziendali”. Un problema e una criticità per le aziende che si rivolgono a RIUp. “Qualcuna ci sponsorizza;  noi permettiamo di abbattere i costi di smaltimento e aumentare la visibilità green. Sposano la nostra filosofia che da un risultato zero permette di passare ad una seconda possibilità ed opportunità per gli scarti aziendali”.

I ragazzi hanno ridato nuova vita anche alla ceramica. Non poteva essere diversamente visto che la start-up nasce, vive e sta diventando adulta a Faenza, una delle capitali della ceramica artistica.  L’oggetto di design è complesso e quindi si utilizzano più materiali di scarto contemporaneamente, basta leggere gli “ingredienti” di Lùne che spiega Dal Prato “è una composizione di un tavolino e un pouf  ottenuto dagli scarti cilindrici in cartone, dalla carta da parati mentre i cuscini sono rivestiti con la stoffa dei tessuti ospedalieri e il piano  di mosaico sono tasselli di ceramica recuperata”. Un cocktail ecologicamente sostenibile ma anche bello da vedere. E qui scatta la riflessione critica: “E’ fondamentale adottare un alto sistema di qualità, spesso nel circuito del riciclo si vedono oggetti bruttini… Noi non vogliamo assolutamente fare delle cose kitsch – ripetono i ragazzi di RIUp – è fondamentale rigenerare con qualità”.

Mica facile però coniugare sostenibilità ambientale, produzione seriale e ricerca estetica. “Questa però è la nostra filosofia, che ha preso la prima forma nel 2013 quando siamo stati premiati nel concorso Spinner – (un progetto dell’Emilia Romagna che premia talenti e persone ad alta qualificazione che presentano idee e progetti innovativi, NdR)  – ed è proseguita con le prime collaborazioni con le aziende che credono nella riduzione dell’impatto ambientale delle loro lavorazioni”.

Il design rigenerativo e l’esperienza di RIUp sono stati presentati, in questi anni, a Bologna DesignWeek e a Open Design Trento, mentre attraverso dei concorsi d’idee si è cercato di coinvolgere designers impegnati a confrontarsi con i materiali da rianimare in una nuova funzione. Si parte sempre dalla materia: “Il processo  non parte dal  vogliamo una sedia e cerchiamo gli scarti per la sedia, al contrario partiamo dai problemi ambientali  creati dagli scarti e se poi la ceramica recuperata, per fare un esempio, diventa una sedia o una libreria ci interessa poco. E’ un aspetto marginale”.  Pensiero di Silvia Dal Prato, Rohaya Seck, Martino Ravagli, Francesco Benedetti, Andrea Malpezzi, Laura Agnoletti. I ragazzi di RIUp che analizzano, progettano, fanno costruire e poi vendono, anche on line, i preziosi scarti rivestiti da design.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende