Home » Campioni d'Italia »Rubriche » RIUp, il design che rigenera gli scarti aziendali: dai tessuti ospedalieri alla ceramica:

RIUp, il design che rigenera gli scarti aziendali: dai tessuti ospedalieri alla ceramica

gennaio 20, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Tessuti ospedalieri che si trasformano in sacche e borse. Sono quelle della collezione di design Hos. Un  contributo alla rigenerazione di una parte delle 90 tonnellate di teli verdi che ogni anno  perdono la sterilità  e diventano inservibili e quindi rifiuto negli ospedali italiani. Fino a pochi anni fa erano solo una massa di materia da bruciare, far scomparire o peggio ancora sotterrare in discariche altamente inquinanti. Per fortuna, seppure “a passi felpati”, si vede una svolta nel destino di questi rifiuti, e protagonisti, in questo caso, sono i ragazzi di RIUp, start-up di architetti e designers di Faenza che  per le loro creazioni si affidano alle cooperative sociali. Un tocco verde, un tocco solidale e un tocco economico per arrivare a far quadrare il cerchio della filosofia green economy RIUp, che si basa sulla trasformazione degli scarti aziendali in oggetti di design per la casa.

Incontrare RIUp  non è stato solo un modo di scoprire attività e filosofia aziendale, ma pure un confronto sullo stato della cultura del riuso, riciclo e rigenerazione in Italia. “Attualmente ci sono tante persone,  tanti artisti, tanti creativi  che lavorano sul riuso, ma  spesso è più una moda  che un vero e concreto cambiamento, perché quello che  ne viene fuori è un oggetto unico”, riflette a voce alta Silvia Dal Prato, architetto e CEO di RIUp,  che punta ad altre dimensioni del pianeta rigenerazione. “Vanno bene queste sperimentazioni, cose buone e giuste, ma, ripeto, si tratta di oggetti unici. In altri termini  si tratta di sculture, noi al contrario vogliamo contribuire in modo seriale al sistema del riuso con oggetti funzionali, componibili ed accessibili a tutti. Vogliamo dare un contributo serio a  livello ambientale su un dato reale ed oggettivo come quello prodotto dagli scarti aziendali”. Un problema e una criticità per le aziende che si rivolgono a RIUp. “Qualcuna ci sponsorizza;  noi permettiamo di abbattere i costi di smaltimento e aumentare la visibilità green. Sposano la nostra filosofia che da un risultato zero permette di passare ad una seconda possibilità ed opportunità per gli scarti aziendali”.

I ragazzi hanno ridato nuova vita anche alla ceramica. Non poteva essere diversamente visto che la start-up nasce, vive e sta diventando adulta a Faenza, una delle capitali della ceramica artistica.  L’oggetto di design è complesso e quindi si utilizzano più materiali di scarto contemporaneamente, basta leggere gli “ingredienti” di Lùne che spiega Dal Prato “è una composizione di un tavolino e un pouf  ottenuto dagli scarti cilindrici in cartone, dalla carta da parati mentre i cuscini sono rivestiti con la stoffa dei tessuti ospedalieri e il piano  di mosaico sono tasselli di ceramica recuperata”. Un cocktail ecologicamente sostenibile ma anche bello da vedere. E qui scatta la riflessione critica: “E’ fondamentale adottare un alto sistema di qualità, spesso nel circuito del riciclo si vedono oggetti bruttini… Noi non vogliamo assolutamente fare delle cose kitsch – ripetono i ragazzi di RIUp – è fondamentale rigenerare con qualità”.

Mica facile però coniugare sostenibilità ambientale, produzione seriale e ricerca estetica. “Questa però è la nostra filosofia, che ha preso la prima forma nel 2013 quando siamo stati premiati nel concorso Spinner – (un progetto dell’Emilia Romagna che premia talenti e persone ad alta qualificazione che presentano idee e progetti innovativi, NdR)  – ed è proseguita con le prime collaborazioni con le aziende che credono nella riduzione dell’impatto ambientale delle loro lavorazioni”.

Il design rigenerativo e l’esperienza di RIUp sono stati presentati, in questi anni, a Bologna DesignWeek e a Open Design Trento, mentre attraverso dei concorsi d’idee si è cercato di coinvolgere designers impegnati a confrontarsi con i materiali da rianimare in una nuova funzione. Si parte sempre dalla materia: “Il processo  non parte dal  vogliamo una sedia e cerchiamo gli scarti per la sedia, al contrario partiamo dai problemi ambientali  creati dagli scarti e se poi la ceramica recuperata, per fare un esempio, diventa una sedia o una libreria ci interessa poco. E’ un aspetto marginale”.  Pensiero di Silvia Dal Prato, Rohaya Seck, Martino Ravagli, Francesco Benedetti, Andrea Malpezzi, Laura Agnoletti. I ragazzi di RIUp che analizzano, progettano, fanno costruire e poi vendono, anche on line, i preziosi scarti rivestiti da design.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende