Home » Campioni d'Italia »Rubriche » RIUp, il design che rigenera gli scarti aziendali: dai tessuti ospedalieri alla ceramica:

RIUp, il design che rigenera gli scarti aziendali: dai tessuti ospedalieri alla ceramica

gennaio 20, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Tessuti ospedalieri che si trasformano in sacche e borse. Sono quelle della collezione di design Hos. Un  contributo alla rigenerazione di una parte delle 90 tonnellate di teli verdi che ogni anno  perdono la sterilità  e diventano inservibili e quindi rifiuto negli ospedali italiani. Fino a pochi anni fa erano solo una massa di materia da bruciare, far scomparire o peggio ancora sotterrare in discariche altamente inquinanti. Per fortuna, seppure “a passi felpati”, si vede una svolta nel destino di questi rifiuti, e protagonisti, in questo caso, sono i ragazzi di RIUp, start-up di architetti e designers di Faenza che  per le loro creazioni si affidano alle cooperative sociali. Un tocco verde, un tocco solidale e un tocco economico per arrivare a far quadrare il cerchio della filosofia green economy RIUp, che si basa sulla trasformazione degli scarti aziendali in oggetti di design per la casa.

Incontrare RIUp  non è stato solo un modo di scoprire attività e filosofia aziendale, ma pure un confronto sullo stato della cultura del riuso, riciclo e rigenerazione in Italia. “Attualmente ci sono tante persone,  tanti artisti, tanti creativi  che lavorano sul riuso, ma  spesso è più una moda  che un vero e concreto cambiamento, perché quello che  ne viene fuori è un oggetto unico”, riflette a voce alta Silvia Dal Prato, architetto e CEO di RIUp,  che punta ad altre dimensioni del pianeta rigenerazione. “Vanno bene queste sperimentazioni, cose buone e giuste, ma, ripeto, si tratta di oggetti unici. In altri termini  si tratta di sculture, noi al contrario vogliamo contribuire in modo seriale al sistema del riuso con oggetti funzionali, componibili ed accessibili a tutti. Vogliamo dare un contributo serio a  livello ambientale su un dato reale ed oggettivo come quello prodotto dagli scarti aziendali”. Un problema e una criticità per le aziende che si rivolgono a RIUp. “Qualcuna ci sponsorizza;  noi permettiamo di abbattere i costi di smaltimento e aumentare la visibilità green. Sposano la nostra filosofia che da un risultato zero permette di passare ad una seconda possibilità ed opportunità per gli scarti aziendali”.

I ragazzi hanno ridato nuova vita anche alla ceramica. Non poteva essere diversamente visto che la start-up nasce, vive e sta diventando adulta a Faenza, una delle capitali della ceramica artistica.  L’oggetto di design è complesso e quindi si utilizzano più materiali di scarto contemporaneamente, basta leggere gli “ingredienti” di Lùne che spiega Dal Prato “è una composizione di un tavolino e un pouf  ottenuto dagli scarti cilindrici in cartone, dalla carta da parati mentre i cuscini sono rivestiti con la stoffa dei tessuti ospedalieri e il piano  di mosaico sono tasselli di ceramica recuperata”. Un cocktail ecologicamente sostenibile ma anche bello da vedere. E qui scatta la riflessione critica: “E’ fondamentale adottare un alto sistema di qualità, spesso nel circuito del riciclo si vedono oggetti bruttini… Noi non vogliamo assolutamente fare delle cose kitsch – ripetono i ragazzi di RIUp – è fondamentale rigenerare con qualità”.

Mica facile però coniugare sostenibilità ambientale, produzione seriale e ricerca estetica. “Questa però è la nostra filosofia, che ha preso la prima forma nel 2013 quando siamo stati premiati nel concorso Spinner – (un progetto dell’Emilia Romagna che premia talenti e persone ad alta qualificazione che presentano idee e progetti innovativi, NdR)  – ed è proseguita con le prime collaborazioni con le aziende che credono nella riduzione dell’impatto ambientale delle loro lavorazioni”.

Il design rigenerativo e l’esperienza di RIUp sono stati presentati, in questi anni, a Bologna DesignWeek e a Open Design Trento, mentre attraverso dei concorsi d’idee si è cercato di coinvolgere designers impegnati a confrontarsi con i materiali da rianimare in una nuova funzione. Si parte sempre dalla materia: “Il processo  non parte dal  vogliamo una sedia e cerchiamo gli scarti per la sedia, al contrario partiamo dai problemi ambientali  creati dagli scarti e se poi la ceramica recuperata, per fare un esempio, diventa una sedia o una libreria ci interessa poco. E’ un aspetto marginale”.  Pensiero di Silvia Dal Prato, Rohaya Seck, Martino Ravagli, Francesco Benedetti, Andrea Malpezzi, Laura Agnoletti. I ragazzi di RIUp che analizzano, progettano, fanno costruire e poi vendono, anche on line, i preziosi scarti rivestiti da design.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende