Home » Campioni d'Italia »Rubriche » RIUp, il design che rigenera gli scarti aziendali: dai tessuti ospedalieri alla ceramica:

RIUp, il design che rigenera gli scarti aziendali: dai tessuti ospedalieri alla ceramica

gennaio 20, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Tessuti ospedalieri che si trasformano in sacche e borse. Sono quelle della collezione di design Hos. Un  contributo alla rigenerazione di una parte delle 90 tonnellate di teli verdi che ogni anno  perdono la sterilità  e diventano inservibili e quindi rifiuto negli ospedali italiani. Fino a pochi anni fa erano solo una massa di materia da bruciare, far scomparire o peggio ancora sotterrare in discariche altamente inquinanti. Per fortuna, seppure “a passi felpati”, si vede una svolta nel destino di questi rifiuti, e protagonisti, in questo caso, sono i ragazzi di RIUp, start-up di architetti e designers di Faenza che  per le loro creazioni si affidano alle cooperative sociali. Un tocco verde, un tocco solidale e un tocco economico per arrivare a far quadrare il cerchio della filosofia green economy RIUp, che si basa sulla trasformazione degli scarti aziendali in oggetti di design per la casa.

Incontrare RIUp  non è stato solo un modo di scoprire attività e filosofia aziendale, ma pure un confronto sullo stato della cultura del riuso, riciclo e rigenerazione in Italia. “Attualmente ci sono tante persone,  tanti artisti, tanti creativi  che lavorano sul riuso, ma  spesso è più una moda  che un vero e concreto cambiamento, perché quello che  ne viene fuori è un oggetto unico”, riflette a voce alta Silvia Dal Prato, architetto e CEO di RIUp,  che punta ad altre dimensioni del pianeta rigenerazione. “Vanno bene queste sperimentazioni, cose buone e giuste, ma, ripeto, si tratta di oggetti unici. In altri termini  si tratta di sculture, noi al contrario vogliamo contribuire in modo seriale al sistema del riuso con oggetti funzionali, componibili ed accessibili a tutti. Vogliamo dare un contributo serio a  livello ambientale su un dato reale ed oggettivo come quello prodotto dagli scarti aziendali”. Un problema e una criticità per le aziende che si rivolgono a RIUp. “Qualcuna ci sponsorizza;  noi permettiamo di abbattere i costi di smaltimento e aumentare la visibilità green. Sposano la nostra filosofia che da un risultato zero permette di passare ad una seconda possibilità ed opportunità per gli scarti aziendali”.

I ragazzi hanno ridato nuova vita anche alla ceramica. Non poteva essere diversamente visto che la start-up nasce, vive e sta diventando adulta a Faenza, una delle capitali della ceramica artistica.  L’oggetto di design è complesso e quindi si utilizzano più materiali di scarto contemporaneamente, basta leggere gli “ingredienti” di Lùne che spiega Dal Prato “è una composizione di un tavolino e un pouf  ottenuto dagli scarti cilindrici in cartone, dalla carta da parati mentre i cuscini sono rivestiti con la stoffa dei tessuti ospedalieri e il piano  di mosaico sono tasselli di ceramica recuperata”. Un cocktail ecologicamente sostenibile ma anche bello da vedere. E qui scatta la riflessione critica: “E’ fondamentale adottare un alto sistema di qualità, spesso nel circuito del riciclo si vedono oggetti bruttini… Noi non vogliamo assolutamente fare delle cose kitsch – ripetono i ragazzi di RIUp – è fondamentale rigenerare con qualità”.

Mica facile però coniugare sostenibilità ambientale, produzione seriale e ricerca estetica. “Questa però è la nostra filosofia, che ha preso la prima forma nel 2013 quando siamo stati premiati nel concorso Spinner – (un progetto dell’Emilia Romagna che premia talenti e persone ad alta qualificazione che presentano idee e progetti innovativi, NdR)  – ed è proseguita con le prime collaborazioni con le aziende che credono nella riduzione dell’impatto ambientale delle loro lavorazioni”.

Il design rigenerativo e l’esperienza di RIUp sono stati presentati, in questi anni, a Bologna DesignWeek e a Open Design Trento, mentre attraverso dei concorsi d’idee si è cercato di coinvolgere designers impegnati a confrontarsi con i materiali da rianimare in una nuova funzione. Si parte sempre dalla materia: “Il processo  non parte dal  vogliamo una sedia e cerchiamo gli scarti per la sedia, al contrario partiamo dai problemi ambientali  creati dagli scarti e se poi la ceramica recuperata, per fare un esempio, diventa una sedia o una libreria ci interessa poco. E’ un aspetto marginale”.  Pensiero di Silvia Dal Prato, Rohaya Seck, Martino Ravagli, Francesco Benedetti, Andrea Malpezzi, Laura Agnoletti. I ragazzi di RIUp che analizzano, progettano, fanno costruire e poi vendono, anche on line, i preziosi scarti rivestiti da design.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende