Home » Rubriche »Very Important Planet » Roberto Herlitzka: “Dove passava la troupe non cresceva più l’erba”:

Roberto Herlitzka: “Dove passava la troupe non cresceva più l’erba”

settembre 28, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Nella sua carriera è passato attraverso teatro e cinema, cortometraggi e fiction, Shakespeare e Goldoni. Ha interpretato ruoli drammatici, come ad esempio Aldo Moro nel film «Buongiorno, notte» che gli è valso il David di Donatello come miglior attore non protagonista, e ruoli comici, come nella sit-com Boris. Ma mai Roberto Herlitzka era entrato nei panni di un insegnante, come nel film «Il rosso e il blu», diretto da Marco Piccioni, da poco uscito nelle sale italiane.

D) Che cosa l’ha convinta ad accettare il ruolo?

R) Ho trovato molto interessante la sceneggiatura, ricca di finezze, capace di alternare numerosi registri, dal drammatico al comico: ho poi incontrato il regista e ci siamo piaciuti. È stato molto piacevole lavorare con Margherita Buy e Riccardo Scamarcio, due bravissimi artisti e persone speciali, e con tutti i ragazzi che Piccioni e i suoi assistenti hanno selezionato in diverse scuole per formare la classe che si vede nel film: sono straordinari per naturalezza e simpatia. La lavorazione della pellicola è stata felice e così mi pare, dai primi riscontri che abbiamo avuto, sia anche il risultato.

D) Che quadro della scuola emerge dal film?

R) Viene fuori un’immagine non troppo edulcorata, che rende conto dei difetti e dei problemi, soprattutto dello scarso sostegno che riceve. Ma questi temi sono trattati in modo ironico, attraverso accenni, non è un film politico di denuncia. All’inizio, ad esempio, succede che la preside, Margherita Buy, entri a scuola con la carta igienica e la metta nei bagni, e questo rende conto del fatto che i direttori scolastici debbano sopperire con mezzi propri laddove difettano risorse e organizzazione.

D) Che impressione si è fatto di alcuni stereotipi sui giovani, ad esempio che non leggono libri?

R) Purtroppo, spesso finisce per essere così. Passano molto tempo su internet ma leggono poco, non si interessano di quanto accade intorno a loro, sono impoveriti: adesso tutto ciò che vuoi sapere è a portata di click, sul computer, sul telefonino. Sono a rischio di grande degrado perché le menti se non vengono esercitate, deperiscono.

D) Lei ha anche frequentato la televisione, penso in particolare alla fiction Boris…

R) Televisione in realtà ne ho vissuta meno, ma perché non mi hanno chiamato. Dal punto di vista attoriale ricorda il cinema, eccetto il fatto che si gira più in fretta, con meno risorse. Poi mi sono divertito moltissimo nelle riprese di Boris, che racconta in chiave umoristica la vita sui set: è un ritratto fedele, ma parodistico, di quella che è la nostra professione e anzi ho portato un po’ della mia esperienza per condire qualche scena con trovate divertenti.

D) Qual è il suo rapporto con la natura? È una fonte di ispirazione per il suo lavoro?

R) La natura non può non essere presente, soprattutto quando si scrive un testo di valore poetico e letterario, basti pensare a Shakespeare o ad altri autori classici. Il teatro è però un luogo chiuso dove non si vede il sole e quando si cita la natura è attraverso il ricordo, la speranza ma mai attraverso la presenza.

D) Il tema della sostenibilità ambientale è presente sui set?

R) Sicuramente l’impatto ambientale delle produzioni è più limitato rispetto a qualche tempo fa, ma credo sia soprattutto indice di buon senso e di educazione. Una volta dove passava una troupe “non cresceva più l’erba”, sui set venivano abbandonati materiali usati, scarti di lavorazione, rifiuti: adesso questo non accade più.

D) Lei vive a Roma, le piacerebbe abitare in campagna, nel verde?

R) Sono un uomo da città, gli spazi aperti mi entusiasmano come episodio, la natura mi affascina e, allo stesso tempo, mi spaventa. Per esempio l’immagine dell’Africa è talmente grandiosa, uno spettacolo meraviglioso che ci sovrasta, che se ci andassi avrei paura di non riuscire a ritornare. E poi le bellezze costruite dagli uomini un tempo si inserivano perfettamente nel territorio e non prendersene cura vuol dire danneggiare la natura.

D) Per certi versi, Roma ne è un esempio…

R) Roma è la più bella città del mondo ma è maltrattata. Gli uomini che trascurano le proprie opere sono gli stessi che fanno del male alla natura. Personalmente, trovo che l’invasione delle pale eoliche sia uno sfregio totale alla bellezza di certi paesaggi: le colline umbre, pugliesi o toscane, ricoperte di questi strani esseri diventano quasi paesaggi da film di fantascienza. Ammetto che siano ecologicamente utili, ma non si trova un modo per risparmiare questa sofferenza agli occhi e alla mente?

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende