Home » Rubriche »Very Important Planet » Roberto Herlitzka: “Dove passava la troupe non cresceva più l’erba”:

Roberto Herlitzka: “Dove passava la troupe non cresceva più l’erba”

settembre 28, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Nella sua carriera è passato attraverso teatro e cinema, cortometraggi e fiction, Shakespeare e Goldoni. Ha interpretato ruoli drammatici, come ad esempio Aldo Moro nel film «Buongiorno, notte» che gli è valso il David di Donatello come miglior attore non protagonista, e ruoli comici, come nella sit-com Boris. Ma mai Roberto Herlitzka era entrato nei panni di un insegnante, come nel film «Il rosso e il blu», diretto da Marco Piccioni, da poco uscito nelle sale italiane.

D) Che cosa l’ha convinta ad accettare il ruolo?

R) Ho trovato molto interessante la sceneggiatura, ricca di finezze, capace di alternare numerosi registri, dal drammatico al comico: ho poi incontrato il regista e ci siamo piaciuti. È stato molto piacevole lavorare con Margherita Buy e Riccardo Scamarcio, due bravissimi artisti e persone speciali, e con tutti i ragazzi che Piccioni e i suoi assistenti hanno selezionato in diverse scuole per formare la classe che si vede nel film: sono straordinari per naturalezza e simpatia. La lavorazione della pellicola è stata felice e così mi pare, dai primi riscontri che abbiamo avuto, sia anche il risultato.

D) Che quadro della scuola emerge dal film?

R) Viene fuori un’immagine non troppo edulcorata, che rende conto dei difetti e dei problemi, soprattutto dello scarso sostegno che riceve. Ma questi temi sono trattati in modo ironico, attraverso accenni, non è un film politico di denuncia. All’inizio, ad esempio, succede che la preside, Margherita Buy, entri a scuola con la carta igienica e la metta nei bagni, e questo rende conto del fatto che i direttori scolastici debbano sopperire con mezzi propri laddove difettano risorse e organizzazione.

D) Che impressione si è fatto di alcuni stereotipi sui giovani, ad esempio che non leggono libri?

R) Purtroppo, spesso finisce per essere così. Passano molto tempo su internet ma leggono poco, non si interessano di quanto accade intorno a loro, sono impoveriti: adesso tutto ciò che vuoi sapere è a portata di click, sul computer, sul telefonino. Sono a rischio di grande degrado perché le menti se non vengono esercitate, deperiscono.

D) Lei ha anche frequentato la televisione, penso in particolare alla fiction Boris…

R) Televisione in realtà ne ho vissuta meno, ma perché non mi hanno chiamato. Dal punto di vista attoriale ricorda il cinema, eccetto il fatto che si gira più in fretta, con meno risorse. Poi mi sono divertito moltissimo nelle riprese di Boris, che racconta in chiave umoristica la vita sui set: è un ritratto fedele, ma parodistico, di quella che è la nostra professione e anzi ho portato un po’ della mia esperienza per condire qualche scena con trovate divertenti.

D) Qual è il suo rapporto con la natura? È una fonte di ispirazione per il suo lavoro?

R) La natura non può non essere presente, soprattutto quando si scrive un testo di valore poetico e letterario, basti pensare a Shakespeare o ad altri autori classici. Il teatro è però un luogo chiuso dove non si vede il sole e quando si cita la natura è attraverso il ricordo, la speranza ma mai attraverso la presenza.

D) Il tema della sostenibilità ambientale è presente sui set?

R) Sicuramente l’impatto ambientale delle produzioni è più limitato rispetto a qualche tempo fa, ma credo sia soprattutto indice di buon senso e di educazione. Una volta dove passava una troupe “non cresceva più l’erba”, sui set venivano abbandonati materiali usati, scarti di lavorazione, rifiuti: adesso questo non accade più.

D) Lei vive a Roma, le piacerebbe abitare in campagna, nel verde?

R) Sono un uomo da città, gli spazi aperti mi entusiasmano come episodio, la natura mi affascina e, allo stesso tempo, mi spaventa. Per esempio l’immagine dell’Africa è talmente grandiosa, uno spettacolo meraviglioso che ci sovrasta, che se ci andassi avrei paura di non riuscire a ritornare. E poi le bellezze costruite dagli uomini un tempo si inserivano perfettamente nel territorio e non prendersene cura vuol dire danneggiare la natura.

D) Per certi versi, Roma ne è un esempio…

R) Roma è la più bella città del mondo ma è maltrattata. Gli uomini che trascurano le proprie opere sono gli stessi che fanno del male alla natura. Personalmente, trovo che l’invasione delle pale eoliche sia uno sfregio totale alla bellezza di certi paesaggi: le colline umbre, pugliesi o toscane, ricoperte di questi strani esseri diventano quasi paesaggi da film di fantascienza. Ammetto che siano ecologicamente utili, ma non si trova un modo per risparmiare questa sofferenza agli occhi e alla mente?

Marco Bobbio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende