Home » Rubriche »Very Important Planet » Roberto Soldatini, il direttore d’orchestra che vive in barca:

Roberto Soldatini, il direttore d’orchestra che vive in barca

ottobre 3, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Direttore d’orchestra, compositore e violoncellista. Roberto Soldatini, classe 1960, romano, ha fatto una scelta di vita che gli ha permesso di coniugare due grandi passioni: la musica e il mare. Attualmente, infatti, vive su Denecia, la sua barca a vela, alternando ogni anno sei mesi di navigazione in solitario a sei mesi in porto per svernare. Da pochi mesi è uscito in libreria La musica del mare, che racconta come è nata questa sua scelta e come l’ha realizzata. Lo abbiamo intervistato proprio nei giorni in cui a Genova si tiene il 54° Salone Nautico.

D) Soldatini, lei ha fatto una scelta di vita molto “green” ma sicuramente inconsueta, cosa l’ha portata a questa decisione?

R) Certamente è particolare, ma da quando l’ho fatta sento spesso dirmi: “è sempre stato il mio sogno”. Quindi ho scoperto che in realtà è una scelta che vorrebbero fare in molti. Per quanto mi riguarda è stata determinata da un insieme di fattori. Il desiderio di libertà e quello di ritorno all’essenziale. La voglia di viaggiare, con i ritmi della natura, del vento. La necessità di vivere a contatto con la natura. Il bisogno di cercare me stesso, nell’infinito del mare, ma anche negli incontri con la gente che vi naviga.

D) Come è nato il suo amore per il mare?

R) In realtà da ragazzo ero più “montanaro”. E ricordo ancora con nostalgia le vacanze sulle Alpi svizzere con i miei genitori. Poi ho frequentato a lungo una persona che amava molto il mare che mi ha contagiato. Ma penso fosse una parte di me che aspettava solo di emergere. E poi è venuta la passione per le barche…

D) Che legame c’è fra il suo amore per il mare e l’amore per la musica?

R) Il legame tra il mare e la musica è uno degli argomenti del libro. È una scoperta che non mi sento di rivelare a chi ha intenzione di leggerlo. Ma non è solo di questo che racconto. Infatti, cosa curiosa, nelle librerie sono indecisi su come collocare “La musica del mare”. Lo trovo nel settore dei viaggi, in quello della musica, in quello della vela e addirittura in quello della narrativa!

D) Quanto si sente legato all’ambiente? Qual è l’aspetto che le piace di più?

R) Nelle mie rotte vado alla ricerca di armonia. Quell’armonia che si trova dove l’uomo rispetta l’ambiente, conservandolo il più intatto possibile.

D) Quali sono le azioni quotidiane che compie per rispettarlo?

R) Vivere su una barca, che come mezzo di propulsione sfrutta il vento, è già di per sé una scelta in sintonia con l’ambiente. Inoltre ho dei pannelli solari, che suppliscono a tutti i fabbisogni energetici. E appena avrò i soldi per acquistarlo, monterò il dissalatore, che converte l’acqua salata in acqua dolce. Ovviamente per lavare, quando scarico direttamente in mare, uso saponi biodegradabili.

D) Quali sono le difficoltà di uno stile di vita come il suo? E quali invece gli aspetti piacevoli?

R) Quelle che per le persone abituate a una vita sedentaria possono sembrare difficoltà per me non lo sono. Il bilancio di oltre quattro anni di vita sull’acqua è solo positivo. E di piacevole c’è tutto. Dall’addormentarsi cullato dal lieve rollio della barca in porto, allo svegliarsi tuffandosi nell’acqua cristallina di una baia con gli occhi ancora chiusi. Dal fare colazione nel pozzetto riscaldato dal sole primaverile con il panorama del Vesuvio, al leggere un libro in inverno al caldo, ascoltando il ticchettio della pioggia sulla coperta. E poi c’è la comodità di viaggiare portandosi ovunque la propria casa al completo, senza dover fare, né portare, le valigie. Con il rischio di scordarsi sempre qualcosa.

D) Navigando in mare così a lungo, qual è la cosa peggiore che ha visto dal punto di vista ambientale? E quale la più bella?

R) La più bella: i corridoi di stuoie sulla spiaggia pubblica di Koroni, in Grecia. Conducono a delle capanne dove ci sono dei piccoli cartelli con su scritto a mano: “Per favore non disturbate le tartarughe quando depongono le uova”. Mentre, ahimè, le cose peggiori le ho viste in Italia. Le nostre coste sono deturpate. Tornando dall’Egeo, dove i greci hanno un gran rispetto delle loro isole, l’impatto con gli scempi italiani è duro da digerire. Ma c’è chi ci fa concorrenza. Quest’anno ho voluto passare per l’Albania. È da poco che in quel paese lasciano entrare e ho voluto avventurarmici. Le coste sono belle e selvagge, ma gli albanesi vi riversano di tutto, senza il minimo rispetto. Si trova immondizia ovunque e l’acqua è maleodorante. Gli uomini sono gli unici esseri viventi capaci di magnificare la natura e invece di rispettarla la stuprano. Ovunque, in ogni modo.

D) Tre aggettivi per il mare che vive ogni giorno…

R) Posso riassumerli in una sola parola: armonia.

D) Se dovesse scegliere un pezzo musicale per descrivere il mare quale sceglierebbe?

R) Quando mi siedo a prua e osservo il mare, sempre uguale e diverso al tempo stesso, mi viene in mente la scrittura di Bach, dove cellule tematiche apparentemente uguali si auto rigenerano continuamente, come le onde. In particolare il Preludio dalla Suite n.1 in Sol Maggiore per violoncello solo.

D) Ha un sogno nel cassetto che deve ancora realizzare con la sua barca a vela?

R) Io e Denecia (la mia barca) vorremo poter essere utili per monitorare, migliorare l’ambiente. Ma non so ancora come. Di sicuro mi nauseano tutte quelle operazioni che nascondono secondi fini. Fini di lucro. Specchietti per le allodole, che servono a finanziare navigazioni di velisti imprenditori…

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende