Home » Rubriche »Very Important Planet » Roger Ranko, l’artista “indifferenziato” che colleziona scarti:

Roger Ranko, l’artista “indifferenziato” che colleziona scarti

febbraio 19, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Negli anni settanta in Galizia non era facile trovare oggetti abbandonati per strada, ma quando Roger Ranko in quegli anni si trasferisce in Italia scopre il nostro “usa e getta” e inizia l’attività di raccolta. L’inizio della sua carriera di “artista indifferenziato” che lo porta a specializzarsi nella second life degli oggetti. Rigenerare i “rifiuti” è la sua missione e non a caso il suo atelier trova spazio in un ex capannone industriale di Sesto San Giovanni rigenerato in polo culturale: il MAGE. Ma Roger è stato anche direttore artistico della Cascina Sant’Ambrogio, crea storie fotografiche, video eco-differenziati e realizza giardini verticali.

D Roger, artista indifferenziato. Quando nasce la tua missione di rianimare e ridare vita agli scarti?

R) Sono cresciuto in Spagna, in Galizia, dove negli anni 70 non c’erano gli oggetti e gli oggettini che invece si trovavano buttati  per strada in Italia. Quando mi sono trasferito a Parma sono rimasto colpito dal modo di come se ne liberava la gente, un gesto ricco di maleducazione e che non capivo. Per me erano delle cose preziose ed è nato un gioco che continua ancora: cercare delle figure, come si fa con le nuvole, in un pezzo di ferro o di legno  ed immaginare cosa può diventare.

D) Quali sono i materiali che più recuperi, collezioni, trasformi?

R) Da sempre, anche in forma patologica,  ho recuperato scarpe, indumenti, pastiglie dei freni, specchietti delle automobili e tanti altri scarti. Per tanto tempo ho conservato questi oggetti rotti e poi ho iniziato ad assemblarli e così diventavano sempre più preziosi. A Milano ho lavorato tanto negli allestimenti e le ditte, quando si andava a smontare, dicevano di buttare via tutto. Per me era una pazzia e ho sempre portato a casa un sacco di roba, ho dovuto affittare anche 3 box per conservare tutto.

D) Cosa fai con  tutti questi scarti?

R) Per fortuna dal 2014 ho a disposizione uno spazio da 2.000 metri quadrati. Un atelier per poter lavorare tutta questa roba – con un team composto da me, l’architettto Fabrizio d’Alessio e altri due collaboratori – un sito di archeologia industriale: bulloneria negli anni trenta, poi magazzino generale dello stabilimento Falck Concordia negli anni 60, recuperato dal Comune di Sesto San Giovanni con il Politecnico di Milano. Oggi è diventato il MAGE, un polo culturale dove ospitare artisti, artigiani, creativi e organizzare mostre. Sono delle aree magiche, ricche di storia – negli anni quaranta scioperarono contro il regime fascista – e oggi sono rigenerate. Non entrerei mai in uno stabilimento nuovo!

D) Riciclare, recuperare ma anche rigenerare con la natura in ambiente urbano. Hai progettato e realizzato dei giardini pensili a Milano.

R) Il primo giardino verticale lo abbiamo realizzato nel 2008, poi un altro nel 2010 a Corso di via Ticinese. Un intervento in un parcheggio degradato, con i frontespizi presi di mira da writers, non sempre bravi. Aveva anche dei problemi dal punto di vista igienico perché era uno spazio buio e quindi ci facevano di tutto. Si sono ridate al quartiere queste due pareti che prima erano alla mercé di chiunque. Ma in questa direzione ho lavorato anche per la sede di un’azienda di arredamento di via Tortona, sempre a Milano, con la creazione negli spazi della struttura di moquette di prato verde, erba vera, naturalmente.

D) Da artigiano con partita IVA ad artista indifferenziato. Un passaggio anche per lanciare messaggi, credi che  il riciclaggio sia da  inserire tra le materie da insegnare a scuola?

R) C’è molta maleducazione in giro, nel quotidiano. La gente non si rende conto, fa delle cose impossibili come, per esempio, buttare l’olio nel lavandino! E’ fondamentale partire dalle scuole. Ho un bimbo di 9 anni e anche le maestre spesso non hanno idea di cosa insegnare sul tema. E’ vero che esistono dei programmi, non mancano politiche di sensibilizzazione ma non è mai sufficiente, serve un salto di qualità. Mi piacerebbe tantissimo entrare nelle scuole e raccontare, attraverso il mio lavoro,  come recuperare gli oggetti. Azioni per aumentare la consapevolezza sull’importanza dell’ambiente.

D) Quali tue opere ritieni maggiormente significative?

R) Un’opera a cui tengo molto è il “Cetaceo urbano“… Un giorno durante una passeggiata riflessiva a Milano ho notato ad un incrocio un occhio incastonato nell’asfalto, mi sembrava fuori luogo, e ho pensato ad un cetaceo, che lontano dal suo habitat, perlustrava segretamente la città per capire cosa stava succedendo alla terra. Ne è nata una storia fotografica. Poi “Lei”, esposta nel negozio Alessi di Milano dove dal 16 marzo al 14 aprile saranno esposte “Le Galinette”, una creazione di 2 metri composta da molle di materasso d’epoca. Poi mi hanno chiesto un’opera sulla multiculturalità e ho creato “Mappamondo Infame” dove non emigrano le persone ma i continenti: l’Africa che si sposta al Polo Sud e la Groelandia all’Equatore.

D) Il tuo contributo  quotidiano alla difesa dell’ambiente?

R) Faccio la differenziata su tutto, spesso quando vedo per strada qualcosa che mi disturba la raccolgo. Sto anche molto attento al consumo dell’acqua, ma il mio punto debole è l’alimentazione. E’ difficile conciliare la spesa migliore al supermercato, luogo da bandire, e questa resta una sfida. Mi hanno regalato da poco un’auto, ma consuma poco e la uso solo quando piove o devo trasportare grossi carichi. Alla fine viaggio sempre in bicicletta,  ne recupero tante nelle discariche  e poi le metto a posto.

Gian Basilio Nieddu


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende