Home » Rubriche »Very Important Planet » Roger Ranko, l’artista “indifferenziato” che colleziona scarti:

Roger Ranko, l’artista “indifferenziato” che colleziona scarti

febbraio 19, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Negli anni settanta in Galizia non era facile trovare oggetti abbandonati per strada, ma quando Roger Ranko in quegli anni si trasferisce in Italia scopre il nostro “usa e getta” e inizia l’attività di raccolta. L’inizio della sua carriera di “artista indifferenziato” che lo porta a specializzarsi nella second life degli oggetti. Rigenerare i “rifiuti” è la sua missione e non a caso il suo atelier trova spazio in un ex capannone industriale di Sesto San Giovanni rigenerato in polo culturale: il MAGE. Ma Roger è stato anche direttore artistico della Cascina Sant’Ambrogio, crea storie fotografiche, video eco-differenziati e realizza giardini verticali.

D Roger, artista indifferenziato. Quando nasce la tua missione di rianimare e ridare vita agli scarti?

R) Sono cresciuto in Spagna, in Galizia, dove negli anni 70 non c’erano gli oggetti e gli oggettini che invece si trovavano buttati  per strada in Italia. Quando mi sono trasferito a Parma sono rimasto colpito dal modo di come se ne liberava la gente, un gesto ricco di maleducazione e che non capivo. Per me erano delle cose preziose ed è nato un gioco che continua ancora: cercare delle figure, come si fa con le nuvole, in un pezzo di ferro o di legno  ed immaginare cosa può diventare.

D) Quali sono i materiali che più recuperi, collezioni, trasformi?

R) Da sempre, anche in forma patologica,  ho recuperato scarpe, indumenti, pastiglie dei freni, specchietti delle automobili e tanti altri scarti. Per tanto tempo ho conservato questi oggetti rotti e poi ho iniziato ad assemblarli e così diventavano sempre più preziosi. A Milano ho lavorato tanto negli allestimenti e le ditte, quando si andava a smontare, dicevano di buttare via tutto. Per me era una pazzia e ho sempre portato a casa un sacco di roba, ho dovuto affittare anche 3 box per conservare tutto.

D) Cosa fai con  tutti questi scarti?

R) Per fortuna dal 2014 ho a disposizione uno spazio da 2.000 metri quadrati. Un atelier per poter lavorare tutta questa roba – con un team composto da me, l’architettto Fabrizio d’Alessio e altri due collaboratori – un sito di archeologia industriale: bulloneria negli anni trenta, poi magazzino generale dello stabilimento Falck Concordia negli anni 60, recuperato dal Comune di Sesto San Giovanni con il Politecnico di Milano. Oggi è diventato il MAGE, un polo culturale dove ospitare artisti, artigiani, creativi e organizzare mostre. Sono delle aree magiche, ricche di storia – negli anni quaranta scioperarono contro il regime fascista – e oggi sono rigenerate. Non entrerei mai in uno stabilimento nuovo!

D) Riciclare, recuperare ma anche rigenerare con la natura in ambiente urbano. Hai progettato e realizzato dei giardini pensili a Milano.

R) Il primo giardino verticale lo abbiamo realizzato nel 2008, poi un altro nel 2010 a Corso di via Ticinese. Un intervento in un parcheggio degradato, con i frontespizi presi di mira da writers, non sempre bravi. Aveva anche dei problemi dal punto di vista igienico perché era uno spazio buio e quindi ci facevano di tutto. Si sono ridate al quartiere queste due pareti che prima erano alla mercé di chiunque. Ma in questa direzione ho lavorato anche per la sede di un’azienda di arredamento di via Tortona, sempre a Milano, con la creazione negli spazi della struttura di moquette di prato verde, erba vera, naturalmente.

D) Da artigiano con partita IVA ad artista indifferenziato. Un passaggio anche per lanciare messaggi, credi che  il riciclaggio sia da  inserire tra le materie da insegnare a scuola?

R) C’è molta maleducazione in giro, nel quotidiano. La gente non si rende conto, fa delle cose impossibili come, per esempio, buttare l’olio nel lavandino! E’ fondamentale partire dalle scuole. Ho un bimbo di 9 anni e anche le maestre spesso non hanno idea di cosa insegnare sul tema. E’ vero che esistono dei programmi, non mancano politiche di sensibilizzazione ma non è mai sufficiente, serve un salto di qualità. Mi piacerebbe tantissimo entrare nelle scuole e raccontare, attraverso il mio lavoro,  come recuperare gli oggetti. Azioni per aumentare la consapevolezza sull’importanza dell’ambiente.

D) Quali tue opere ritieni maggiormente significative?

R) Un’opera a cui tengo molto è il “Cetaceo urbano“… Un giorno durante una passeggiata riflessiva a Milano ho notato ad un incrocio un occhio incastonato nell’asfalto, mi sembrava fuori luogo, e ho pensato ad un cetaceo, che lontano dal suo habitat, perlustrava segretamente la città per capire cosa stava succedendo alla terra. Ne è nata una storia fotografica. Poi “Lei”, esposta nel negozio Alessi di Milano dove dal 16 marzo al 14 aprile saranno esposte “Le Galinette”, una creazione di 2 metri composta da molle di materasso d’epoca. Poi mi hanno chiesto un’opera sulla multiculturalità e ho creato “Mappamondo Infame” dove non emigrano le persone ma i continenti: l’Africa che si sposta al Polo Sud e la Groelandia all’Equatore.

D) Il tuo contributo  quotidiano alla difesa dell’ambiente?

R) Faccio la differenziata su tutto, spesso quando vedo per strada qualcosa che mi disturba la raccolgo. Sto anche molto attento al consumo dell’acqua, ma il mio punto debole è l’alimentazione. E’ difficile conciliare la spesa migliore al supermercato, luogo da bandire, e questa resta una sfida. Mi hanno regalato da poco un’auto, ma consuma poco e la uso solo quando piove o devo trasportare grossi carichi. Alla fine viaggio sempre in bicicletta,  ne recupero tante nelle discariche  e poi le metto a posto.

Gian Basilio Nieddu


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende