Home » Rubriche »Very Important Planet » Rosa Jijón, un infarto emozionale davanti al paesaggio dell’Antartide:

Rosa Jijón, un infarto emozionale davanti al paesaggio dell’Antartide

Maria Rosa Jijón, artista ecuadoriana residente a Roma da molti anni, è rientrata da poche settimane da una residenza artistica in Antartide. Vincitrice di un bando del ministero della Cultura del suo Paese, ha trascorso 18 giorni nella base scientifica Pedro Vicente Maldonado, insieme a una squadra di studiosi e militari. Qui ha raccolto immagini e impressioni sul luogo, la natura e le attività dei ricercatori. Ha lavorato sull’immaginario della conquista dell’ultimo baluardo di terra libera, legandolo all’aspetto anche fisico e psicologico dell’immersione in un contesto ambientale avverso. Riflessioni che hanno preso via via corpo nel suo blog Archivo del Hielo o de como superar el terror al blanco (“Archivio del Ghiaccio o di come superare il terrore del bianco”, ndr). In questo momento, in collaborazione con l’artista Paúl Rosero, anche lui vincitore del bando, sta preparando una mostra sull’Antartide che debutterà in Ecuador tra alcuni mesi e toccherà gli altri Paesi dell’America Latina, per arrivare, forse, anche in Italia.

D) Maria Rosa, come è stato il primo impatto con un ambiente così diverso da quello in cui viviamo ogni giorno, come l’Antartide?

R) E’ stato molto bello prendere un aereo dalla fine del mondo e sapere che stavo andando in un’isola di ghiaccio, lontana da tutto. Per entrare e uscire dall’Antartide ci ho messo quattro giorni: bisogna passare dal Cile e, arrivati a Punta Arenas, aspettare che ci siano condizioni meteo favorevoli per partire in aereo e atterrare sull’isola. Quando sono arrivata, ho avuto un “infarto emozionale” per la bellezza del paesaggio. In Antartide tutto dipende dal clima e da altre persone che devono tutelarti: è un impatto veramente forte, rafforzato dal bianco che è dominante.

D) Nel titolo del suo blog parla del “terrore del bianco”. Cosa intende con questa espressione?

R) E’ una sensazione che identifica una terra incognita, sconosciuta, ancora da scoprire. Ma il bianco è anche quello che non dobbiamo conquistare ed esplorare, ma solo rispettare. Di fronte ad esso dobbiamo fare un nuovo esercizio mentale di umiltà, mettendosi non nei panni del conquistatore, ma dalla parte del ghiaccio. È un patrimonio di tutti, che si impone come un grande sciamano pieno di saggezza: l’approccio non può essere quello di sfruttarlo per l’utilità che se ne può trarre. Bisogna fare un passo indietro e anche le arti visive, in questo senso, possono attirare l’attenzione su comportamenti di dominio inaccettabili.

D) Per la sua esperienza diretta, ha visto delle differenze nell’approccio di diversi Paesi a questo luogo?

R) Sì, assolutamente. La base cinese, per esempio, è gigantesca: non ha strutture basse e rosse come le altre basi, ma palazzoni bianchi di quattro piani, che hanno un impatto ambientale abbastanza forte. Al contrario, gli stati del Sud America hanno un approccio molto più mite: collaborano condividendo le infrastrutture e mettendo in comune i risultati delle ricerche. L’Ecuador negli ultimi anni è riuscito anche a chiudere l’80% dei sentieri turistici in Antartide. In quest’ottica di rispetto e tutela si colloca anche l’idea delle residenze artistiche, l’interesse allo sguardo poetico su questo luogo così delicato che un artista può restituire.

D) Ci sono anche differenze di genere, secondo lei, nell’approcciarsi ad ambienti così fragili?

R) Sì. Le donne sono andate in Antartide sono alla fine degli anni Cinquanta, quasi un secolo dopo gli uomini, e non hanno mai voluto conquistarla. Hanno rinunciato fin dall’inizio alla presenza territoriale, considerandola invece un luogo di condivisione.

D) Come ha interpretato nel suo lavoro artistico il tema della conquista di questa terra?

R) Attraverso una serie di “azioni territoriali”. Considerando che piantare la bandiera è il gesto-simbolo di ogni conquista, ho cercato di rovesciarne il senso: ho portato con me delle bandiere antartiche, di vari colori, e ho chiesto ai vari componenti della stazione di piantarne una. È un gesto al contrario, per far capire che su quella terra non possono esserci mire di singoli stati: è un bene comune.

D) Come è stato trovarsi a lavorare insieme a scienziati e militari?

R) Arte e scienza sono due mondi che non si incontrano spesso, ma in realtà abbiamo scoperto dei punti d’incontro importanti. Il metodo di lavoro, per esempio, ci avvicina: entrambi uscivamo per raccogliere prove, e poi rientravamo per vedere loro i campioni, e io le immagini girate. Dagli scienziati ho raccolto molte informazioni che sto utilizzando nella preparazione della mostra, mentre alcuni di loro si sono interessati ai piccoli droni che ho usato per catturare immagini dall’alto. Una tecnologia che potrebbe rivelarsi utile anche per la ricerca.

D) Non è la prima volta che si dedica a temi ambientali. Su cosa si è concentrata in passato?

R) Sono molto interessata a raccontare i paradossi dello sviluppo, che si porta via interi territori. Nel 2011 ho portato alla Biennale di Venezia il progetto “Paradoja Manta Manaos, sulla via omonima, un percorso alternativo al canale di Panama che si sta portando via la natura e con essa i diritti dei popoli indigeni. Penso che l’arte possa offrire uno sguardo poetico su quello che ci stanno togliendo. Nel 2003, con “Il popolo dell’acqua”, ho seguito le battaglie dei cittadini della Val di Lemme, tra Liguria e Piemonte, che protestavano contro la costruzione di un nuovo acquedotto.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende