Home » Rubriche »Very Important Planet » Rosalba Forciniti, la medaglia di bronzo che vorrebbe respirare aria più pulita:

Rosalba Forciniti, la medaglia di bronzo che vorrebbe respirare aria più pulita

ottobre 5, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Alle Olimpiadi di Londra 2012 Rosalba Forciniti ha vinto una bellissima medaglia di bronzo nel judo, categoria 52 chilogrammi. Da allora il suo telefono squilla di continuo fra chi le chiede di partecipare a un progetto per promuovere lo sport, all’inaugurazione di una scuola o qualche stage con giovani allievi di judo.

Lo scorso fine settimana Forciniti era ad Alba per un allenamento agonistico all’interno dell’evento “Aspettando Alba Città Europea dello Sport 2013”. Una breve pausa dalle meritate vacanze che durano dalla fine dei Giochi. Infatti, mentre risponde alle domande di Greenews è già tornata nella sua Calabria, si trova in mezzo al vento, nel Parco Nazionale della Sila. “Qui il panorama è davvero splendido – dice – non c’è modo migliore per sentirsi vicino alla natura”.

D) Rosalba, una sportiva del suo livello non avrà molto tempo per dedicarsi alla cura dell’ambiente o a contemplare paesaggi…

R) Purtroppo no. Quando mi alleno non c’è quasi il tempo per fare altro, e anche adesso che sono in vacanza fra stage, appuntamenti e cerimonie ho davvero poche occasioni per concentrarmi su temi ambientali. Certo, ogni volta che ne ho la possibilità torno a casa, su  montagne come queste, ed è sempre bellissimo.

D) Le Olimpiadi di Londra avevano promesso di essere “green” e sostenibili. Lei che esperienza ne ha avuto?

R) C’era tanto smog… (Ride) A parte gli scherzi, ho visto molto poco, della città e dell’organizzazione. Prima della gara sono stata quasi sempre al Villaggio Olimpico cercando di riposarmi e concentrarmi. I giorni successivi li ho passati al palazzetto, a fare il tifo per i compagni di squadra. In pratica ho visto solo qualche palazzone nei brevi trasferimenti. Voglio tornarci, però, e capire un po’ meglio la città.

D) Più in generale, che ti po di consapevolezza sui temi ambientali pensa ci sia nel mondo dello sport?

R) Non molta. Ho qualche dubbio che ci sia un legame diretto fra sport ed ecologia. Anche se forse sarebbe il caso di rifletterci su. Per esempio: respirare aria pulita quando ci si allena all’aperto dovrebbe essere una delle prime preoccupazioni di un atleta, dovremmo impegnarci perché questo avvenga.

D) Pensa che gli sportivi potrebbero essere importanti per promuovere l’attenzione e la cura per l’ambiente?

R) Certamente sì. Anche se non tutti hanno la visibilità dei calciatori, o il potere d’influenza dei politici, alla fine gli sportivi sono comunque personaggi pubblici: penso che dovremmo essere veri portabandiera di certe istanze.

D) Ad Alba, ad esempio, è andata a incontrare molti giovani. bisogna cominciare da lì?

R) Dobbiamo essere d’esempio. Non solo per i giovani, spesso sono proprio i più grandi ad avere comportamenti sbagliati…

D) Le hanno mai chiesto di fare da testimonial per qualche campagna o promozione?

R) A breve poserò per alcune foto che andranno in un calendario di un’associazione che aiuta i bambini con sindrome di Down. Ma ho anche un progetto mio: ricordate la maglietta che indossavo il giorno della medaglia? Diceva, in inglese: “Le brave ragazze vanno in paradiso, quelle cattive vanno a Londra”. È piaciuta a tante persone così ho deciso di produrne un cero numero, venderle e con il ricavato portare generi alimentari alle popolazioni di Haiti, colpite dal terremoto e dagli uragani.

D)  Un forte interesse per il sociale, dunque…

R) E anche per l’ambiente. Purtroppo come dicevo il tempo è davvero poco, e quello che non passo ad allenarmi lo uso per studiare: sono iscritta a Scienze Politiche. Penso che quando smetterò con il judo avrò molte più occasioni per dedicarmi a questo genere di cose. Ma è ancora presto, diamo tempo al tempo.

Matteo Acmè

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende