Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Rosenfeld, lo storico spugnificio di Trieste verso la quinta generazione:

Rosenfeld, lo storico spugnificio di Trieste verso la quinta generazione

settembre 27, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Tutelare l’ambiente, per tutelare il proprio business. Un gioco win-win molto pragmatico, dove risultano tutti vincitori. Questa è la green economy. Ed è anche la strada intrapresa da una storica azienda di Trieste: la Rosenfeld, spugnificio attivo in città già nel 1896, ai tempi dell’Impero Austro-Ungarico. Commercio, affari e salvaguardia ambientale convivono, grazie all’ accordo stipulato nel 2006 con il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università degli Studi di Trieste ed il Cape Eleuthera Institute delle Bahamas, per realizzare progetti di ricerca sulla biologia e l’accrescimento di alcune pregiate specie di spugne.

L’obiettivo è preservare la mediterranea Spongia officinalis e le tropicali Spongia pertusa e Spongia tubulifera. Il metodo scientifico ce lo spiega Elena Pesle, responsabile aziendale del progetto, che parla di “realizzazione di allevamenti estensivi in particolari aree marine e lo studio, anche in cattività, delle caratteristiche riproduttive di questi organismi”. I benefici ambientali? “La presenza di un gran numero di esemplari concentrati in aree ristrette permetterebbe una massiccia dispersione larvale contribuendo così ad un naturale ripopolamento. Inoltre le strutture adibite all’allevamento potrebbero fungere da artificial reef costituendo cioè nuovi substrati colonizzabili anche da altri organismi, nonché aree di riparo e nursery per diverse specie ittiche, contribuendo così ad elevare la biodiversità dell’area interessata all’allevamento. La ricerca deve ancora dare i suoi risultati, ma siamo orgogliosi del nostro contributo”.

C’è anche una “lotta ambientale” portata avanti in Adriatico: “bisogna avere specchi d’acqua protetti e dedicati per preservare le spugne dagli ancoraggi e altre attività che potrebbero danneggiarle. Abbiamo sensibilizzato i pescatori, con cui abbiamo sempre avuto un grande rapporto di collaborazione – racconta Elena – La realizzazione delle colture si ha prelevando solo parti di esemplari naturali, evitando così la rimozione completa dell’animale. Un metodo che sfrutta la naturale capacità di rigenerazione corporea delle spugne, molte specie, infatti, sono in grado di rigenerare interi organismi partendo anche da piccoli frammenti. Il progetto per gli allevamenti l’ho seguito personalmente e l’azienda l’ha sostenuto economicamente, senza dimenticare l’aiuto arrivato con i fondi europei“.

Sono queste le nuove sfide – ai tempi dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento diffuso – che deve affrontare anche un’impresa dalle radici antiche. L’azienda fu fondata 121 anni fa da Davide Rosenfeld, il quale passò poi il timone ai figli Paolo e Riccardo, che tramandarono il saper fare al figlio Davide, a cui sono successe Ester e Mary, quest’ultima mamma di Elena che, a breve, prenderà le redini di un marchio simbolo di Trieste. Siamo dunque alla quinta generazione. C’è la tecnologia, ma resiste la tradizione basata sui rapporti umani: “conosciamo le famiglie dei pescatori, anche ai Caraibi, andiamo personalmente sui luoghi di pesca a vedere il pescato. E’ un mestiere molto particolare che si tramanda di generazione in generazione, i figli continuano ad esercitarlo come i  padri. Le spugne crescono in profondità e nelle solite zone, fa parte del bagaglio culturale del pescatore conoscere bene questi ambienti. Si raccolgono le spugne, ma rimangono delle cellule che faranno ricrescere le nuove spugne”.

Preservare la materia prima è fondamentale perché “finora non esiste ancora una spugna sintetica con caratteristiche uguali a quelle naturali. Come una maglietta di cotone e una sintetica, al tatto è tutta un’altra sensazione; poi non rilasciano alcuna sostanza, sono delicate e le più indicate per le pelli sensibili. Inoltre sono anallergiche e aiutano a preservare la salute della pelle”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende