Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Route220: per superare il “medioevo” della mobilità elettrica:

Route220: per superare il “medioevo” della mobilità elettrica

settembre 23, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

E’ come nel Medioevo, quando ogni città aveva la sua moneta. La rete delle colonnine per la ricarica delle auto elettriche in Italia è nella stessa situazione: gli operatori sul territorio nazionale sono almeno 15, ognuno con le proprie colonnine inaccessibili ai clienti degli altri”. Franco Barbieri è il fondatore della start up Route220, che in occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, ha lanciato la sua proposta per creare una rete di punti di ricarica aperta, come prevede anche una direttiva europea del 2014, e primo passo per una maggiore diffusione della mobilità elettrica.

55 anni, un passato nell’industria dell’automotive e nel settore dell’efficienza energetica, proprietario di un’auto elettrica e del primo edificio in classe A della provincia di Milano, Barbieri ha fondato l’azienda un anno e mezzo fa con l’obiettivo di portare l’Italia in Europa anche su questo fronte.

Il punto critico sta in un dettaglio tecnico non di poco conto: “Oggi in Italia per attivare i punti di ricarica, in tutto un migliaio, bisogna sempre autenticarsi con una carta dotata di chip. Ogni gestore rilascia la sua, necessaria per accedere alle sue colonnine. Pensi che per andare da Milano a Bolzano in auto elettrica servono tre o quattro carte diverse. Con un sistema così frammentato, come può un turista venire in Italia in auto elettrica?”. L’idea di Route220, che oggi è incubata nell’hub della green economy Progetto Manifattura, a Rovereto, è “far passare tutto dallo smartphone, sostituendo le tessere con un’unica App che abilita l’autorizzazione e la gestione della transazione per la ricarica attraverso un semplice tap sullo schermo del proprio cellulare”.

Il sistema è già diffuso in diversi Paesi europei, e infatti Route220 – che per il momento in Italia ha solo una colonnina installata proprio a Rovereto – grazie alla collaborazione con la società tedesca Plugsurfing GmbH, attraverso la propria App offre agli iscritti l’accesso a 15.000 colonnine tra Germania, Belgio, Olanda, Austria, Svizzera e Lussemburgo. A cui presto si aggiungeranno anche le stazioni di ricarica di Norvegia e Danimarca. L’applicazione mappa le colonnine, offre per ognuna informazioni e dettagli e, una volta scelta la stazione, consente di abilitarla e avviare la ricarica, pagando con il proprio smartphone.

L’idea, per l’Italia, è puntare prima di tutto sul turismo elettrico in arrivo dall’estero, che ha forti spazi di crescita: “In Europa ci sono 400.000 veicoli elettrici, con una crescita media annua del 75%. Parliamo quindi di un ampio potenziale di clienti e di un target molto interessante, attento all’ambiente, tecnologico, con uno stile di vita sostenibile e, non ultimo, con un’elevata capacità di spesa. L’Europa chiede al nostro Paese di arrivare a 120.000 colonnine entro il 2018, per adesso ne abbiamo solo mille”. E agli automobilisti stranieri potrebbero aggiungersi presto quelli italiani di pari passo con lo sviluppo delle infrastrutture di ricarica: nella nostra penisola oggi le auto immatricolate sono circa 7.500, contro le oltre 35.000 della Germania e le quasi 57.000 dell’Olanda.

Così ristoranti, hotel, monumenti, pubbliche amministrazioni, potranno sfruttare la colonnina come strumento di promozione verso un tipo di clientela interessante: “Offriamo pacchetti che uniscono l’installazione del punto di ricarica accessibile via App alla promozione di questi soggetti sui nostri canali on line, fornendo una piattaforma in grado di abilitare diversi modelli di business”. Barbieri si augura che in una situazione ancora “vergine” come quella italiana prevalga il modello della sharing economy, in cui il ristoratore o l’albergatore, per esempio, offre la ricarica (il cui valore va da 1 a 2 euro) in cambio del pasto o del pernottamento. “La stessa auto elettrica promuove uno stile di turismo più lento, meno mordi e fuggi: per ricaricare le batterie servono da 20 a 90 minuti, tempo che l’automobilista può impiegare per visitare il luogo dove si trova e lasciare un po’ di ricchezza sul territorio”. Allo stesso tempo, però, potranno esserci gestori che decidono di far pagare la ricarica, come avviene comunemente all’estero: “Nella nostra mappa ci saranno tutti, ognuno può scegliere le modalità di gestione che preferisce”. E sulla mappa il proprietario dell’auto potrà anche vedere quali tra le colonnine di ricarica vicine a lui sono alimentate a energie rinnovabili: “Anche questo aspetto diventerà nel tempo un vantaggio competitivo”.

L’approdo sul mercato della start up arriva dopo un anno e mezzo di sperimentazioni, studi di mercato e delle colonnine, che vengono prodotte in Europa su progetto di Route220, e un investimento iniziale di mezzo milione di euro. L’idea alla base dell’azienda è nata dall’osservazione di un’esigenza di mercato insoddisfatta: “Oggi le case automobilistiche non forniscono ai proprietari di auto elettriche un supporto adeguato dopo la vendita. Gli stessi proprietari di veicoli elettrici sono limitati negli spostamenti, perché non ci sono punti di ricarica. Per questo la sfida principale per noi è migliorare l’esperienza degli utenti”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende