Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Route220: per superare il “medioevo” della mobilità elettrica:

Route220: per superare il “medioevo” della mobilità elettrica

settembre 23, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

E’ come nel Medioevo, quando ogni città aveva la sua moneta. La rete delle colonnine per la ricarica delle auto elettriche in Italia è nella stessa situazione: gli operatori sul territorio nazionale sono almeno 15, ognuno con le proprie colonnine inaccessibili ai clienti degli altri”. Franco Barbieri è il fondatore della start up Route220, che in occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, ha lanciato la sua proposta per creare una rete di punti di ricarica aperta, come prevede anche una direttiva europea del 2014, e primo passo per una maggiore diffusione della mobilità elettrica.

55 anni, un passato nell’industria dell’automotive e nel settore dell’efficienza energetica, proprietario di un’auto elettrica e del primo edificio in classe A della provincia di Milano, Barbieri ha fondato l’azienda un anno e mezzo fa con l’obiettivo di portare l’Italia in Europa anche su questo fronte.

Il punto critico sta in un dettaglio tecnico non di poco conto: “Oggi in Italia per attivare i punti di ricarica, in tutto un migliaio, bisogna sempre autenticarsi con una carta dotata di chip. Ogni gestore rilascia la sua, necessaria per accedere alle sue colonnine. Pensi che per andare da Milano a Bolzano in auto elettrica servono tre o quattro carte diverse. Con un sistema così frammentato, come può un turista venire in Italia in auto elettrica?”. L’idea di Route220, che oggi è incubata nell’hub della green economy Progetto Manifattura, a Rovereto, è “far passare tutto dallo smartphone, sostituendo le tessere con un’unica App che abilita l’autorizzazione e la gestione della transazione per la ricarica attraverso un semplice tap sullo schermo del proprio cellulare”.

Il sistema è già diffuso in diversi Paesi europei, e infatti Route220 – che per il momento in Italia ha solo una colonnina installata proprio a Rovereto – grazie alla collaborazione con la società tedesca Plugsurfing GmbH, attraverso la propria App offre agli iscritti l’accesso a 15.000 colonnine tra Germania, Belgio, Olanda, Austria, Svizzera e Lussemburgo. A cui presto si aggiungeranno anche le stazioni di ricarica di Norvegia e Danimarca. L’applicazione mappa le colonnine, offre per ognuna informazioni e dettagli e, una volta scelta la stazione, consente di abilitarla e avviare la ricarica, pagando con il proprio smartphone.

L’idea, per l’Italia, è puntare prima di tutto sul turismo elettrico in arrivo dall’estero, che ha forti spazi di crescita: “In Europa ci sono 400.000 veicoli elettrici, con una crescita media annua del 75%. Parliamo quindi di un ampio potenziale di clienti e di un target molto interessante, attento all’ambiente, tecnologico, con uno stile di vita sostenibile e, non ultimo, con un’elevata capacità di spesa. L’Europa chiede al nostro Paese di arrivare a 120.000 colonnine entro il 2018, per adesso ne abbiamo solo mille”. E agli automobilisti stranieri potrebbero aggiungersi presto quelli italiani di pari passo con lo sviluppo delle infrastrutture di ricarica: nella nostra penisola oggi le auto immatricolate sono circa 7.500, contro le oltre 35.000 della Germania e le quasi 57.000 dell’Olanda.

Così ristoranti, hotel, monumenti, pubbliche amministrazioni, potranno sfruttare la colonnina come strumento di promozione verso un tipo di clientela interessante: “Offriamo pacchetti che uniscono l’installazione del punto di ricarica accessibile via App alla promozione di questi soggetti sui nostri canali on line, fornendo una piattaforma in grado di abilitare diversi modelli di business”. Barbieri si augura che in una situazione ancora “vergine” come quella italiana prevalga il modello della sharing economy, in cui il ristoratore o l’albergatore, per esempio, offre la ricarica (il cui valore va da 1 a 2 euro) in cambio del pasto o del pernottamento. “La stessa auto elettrica promuove uno stile di turismo più lento, meno mordi e fuggi: per ricaricare le batterie servono da 20 a 90 minuti, tempo che l’automobilista può impiegare per visitare il luogo dove si trova e lasciare un po’ di ricchezza sul territorio”. Allo stesso tempo, però, potranno esserci gestori che decidono di far pagare la ricarica, come avviene comunemente all’estero: “Nella nostra mappa ci saranno tutti, ognuno può scegliere le modalità di gestione che preferisce”. E sulla mappa il proprietario dell’auto potrà anche vedere quali tra le colonnine di ricarica vicine a lui sono alimentate a energie rinnovabili: “Anche questo aspetto diventerà nel tempo un vantaggio competitivo”.

L’approdo sul mercato della start up arriva dopo un anno e mezzo di sperimentazioni, studi di mercato e delle colonnine, che vengono prodotte in Europa su progetto di Route220, e un investimento iniziale di mezzo milione di euro. L’idea alla base dell’azienda è nata dall’osservazione di un’esigenza di mercato insoddisfatta: “Oggi le case automobilistiche non forniscono ai proprietari di auto elettriche un supporto adeguato dopo la vendita. Gli stessi proprietari di veicoli elettrici sono limitati negli spostamenti, perché non ci sono punti di ricarica. Per questo la sfida principale per noi è migliorare l’esperienza degli utenti”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende