Home » Rubriche »Very Important Planet » S.O.S. Ambiente: le riciclette della tata Francesca Valla:

S.O.S. Ambiente: le riciclette della tata Francesca Valla

maggio 29, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Conosciuta come Tata Francesca, Francesca Valla è una delle protagoniste del programma televisivo S.O.S Tata in onda su Fox life e su La7. Insegnante, scrittrice e formatrice, Francesca condivide la sua professionalità e la sua esperienza del mondo infantile in mille modi diversi: dalla partecipazione a programmi televisivi, alla pubblicazione di libri, fino all’impegno sociale partecipando a iniziative legate a Save the Children e alla Fondazione Ariel, per esempio.

D) Francesca, come ha scoperto la sua passione per il lavoro a fianco dei bambini?

R) Fin da quando ero bambina avevo questa attenzione verso gli altri, soprattutto per i più piccoli. Poi ho deciso di fare l’insegnante e mi sono appassionata con l’esperienza, trovo che sia una fortuna lavorare con i bambini, perché spesso le dinamiche si invertono, sono loro a insegnare a noi adulti. Ti danno indicazioni molto chiare su come ti devi comportare.

D) Quanto pensa che ci sia ancora da migliorare nelle tecniche di educazione infantile utilizzate oggi?

R) Secondo me la cosa importante è riflettere su come stiamo con i bambini. Spesso ci concentriamo sugli aspetti cognitivi, sul linguaggio, ma la forma di attenzione da mettere a fuoco è l’ascolto, accettare quello che il bambino ci comunica. Noi insegnanti, educatori, genitori dovremmo confrontarci di più sull’educare. Tenendo molti incontri di formazione, io mi rendo conto che questi appuntamenti diventano occasioni per confrontarsi sulle modalità educative, momenti di crescita che ci portano a riflettere, a prendere una pausa dalla continua fretta e corsa in cui ci troviamo per pensare al passato e costruire il futuro. Più che cercare la modalità educativa perfetta, sono questi momenti di riflessione che servono. Ovviamente ci sono dei principi di base che ognuno deve tenere in considerazione sempre: l’ascolto, l’accettazione e il prendersi cura sono i pilastri per l’educazione di un bambino.

D) Quanto l’ambiente è tenuto, oggi, in considerazione nell’educazione scolastica infantile? Quanto c’è ancora da fare?

R) I bambini sono naturalmente vicini all’ambiente, sono molto più sensibili dei grandi. Noi adulti dobbiamo stare attenti, perché insegniamo anche con i cattivi esempi. È importantissima l’educazione al benessere psicofisico e, quindi, anche al rispetto dell’ambiente che ci circonda. Quando vengono impartite lezioni sui comportamenti ambientali corretti da tenere, i bambini li riproducono in modo preciso. Per questo io sono molto fiduciosa nei loro confronti, affidiamoci a loro, possono davvero cambiare il mondo.

D) Che tipo di sensibilità ambientale riconosce fra i genitori di oggi?

R) Pur usando molto la tecnologia, in tante occasioni diverse, dal lavoro a casa, quando entro in contatto con la natura io mi rilasso e sto bene. Confrontandomi spesso con altre mamme, percepisco lo stesso bisogno, una necessità generale di tornare alla natura. Credo che i genitori, proprio perché amano i loro figli, siano portati a rispettare anche l’ambiente circostante, sono due cose che vanno di pari passo. Ovviamente, non possono fare che bene tutte le iniziative sociali, culturali e scolastiche promosse a favore della sensibilità ambientale, ogni momento diventa un’occasione per imparare qualcosa in più.

D) Quanto l’educazione al cibo passa anche dall’educazione all’ambiente e viceversa?

R) Attraverso il cibo passa tutto. Prima di essere nutrimento, il cibo è relazione, ci racconta l’ambiente che ci circonda, il rapporto con i genitori, l’attenzione che abbiamo verso l’ambiente, ci racconta tutto. Io sono a favore delle ricette a km 0,  per usare al massimo il cibo che abbiamo in casa, che non deve essere visto come scarto ma come occasione di creatività. Scherzosamente le chiamo le riciclette. È un modo per nutrire la relazione, ma anche per dare attenzione all’ambiente.

D) Qual è il suo rapporto personale con l’ambiente?

R) Adoro stare in mezzo alla natura, è una realtà molto preziosa che la velocità del nostro tempo non ci permette di apprezzare come si dovrebbe…

D) Quali sono le piccole azioni quotidiane che compie per rispettarlo?

R) Cerco di usare poco i detersivi per salvaguardare l’acqua, di cui limito al minimo indispensabile anche i consumi. Poi passo dalla raccolta differenziata, che è un segno di educazione e rispetto, all’uso della carta riciclata. L’insegnamento che voglio trasmettere a mia figlia è che ogni angolo della Terra è nostro, dobbiamo imparare a rispettarlo e a condividerlo con gli altri in modo civile, educato e pulito.

D) Ha realizzato diversi progetti nell’ambito educativo, ha mai pensato di realizzarne qualcuno a tematica ambientale?

R) In realtà a scuola, nelle ore di scienze, spesso ci occupiamo di educare i bambini anche realizzando dei progetti dedicati a temi ambientali specifici. La cosa meravigliosa è che loro apprendono in modo preciso i comportamenti insegnati e li riportano a casa, educando a loro volta i genitori. Se noi amiamo i bambini e abbiamo la possibilità di stare con loro è un’occasione per educarci tutti.

D) Quanto l’educazione al rispetto ambientale diventa anche strumento di educazione a valori sociali più ampi?

R) L’ambiente è legato profondamente all’aspetto sociale e relazionale, avere una forma di rispetto verso l’ambiente ci mette in contatto con  gli altri. Se tutti fossimo attenti alla natura, potremmo fare molto anche dal punto di vista relazionale, creando nuove occasioni di confronto. Se noi amiamo i nostri figli e ci prendiamo cura di loro, teniamo anche al loro futuro e cerchiamo di far trascorrere loro una vita in un ambiente che garantisca il loro benessere psicofisico. Per questo sono fermamente convinta che amare i propri figli e amare l’ambiente coincidano!

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende