Home » Rubriche »Very Important Planet » S.O.S. Ambiente: le riciclette della tata Francesca Valla:

S.O.S. Ambiente: le riciclette della tata Francesca Valla

maggio 29, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Conosciuta come Tata Francesca, Francesca Valla è una delle protagoniste del programma televisivo S.O.S Tata in onda su Fox life e su La7. Insegnante, scrittrice e formatrice, Francesca condivide la sua professionalità e la sua esperienza del mondo infantile in mille modi diversi: dalla partecipazione a programmi televisivi, alla pubblicazione di libri, fino all’impegno sociale partecipando a iniziative legate a Save the Children e alla Fondazione Ariel, per esempio.

D) Francesca, come ha scoperto la sua passione per il lavoro a fianco dei bambini?

R) Fin da quando ero bambina avevo questa attenzione verso gli altri, soprattutto per i più piccoli. Poi ho deciso di fare l’insegnante e mi sono appassionata con l’esperienza, trovo che sia una fortuna lavorare con i bambini, perché spesso le dinamiche si invertono, sono loro a insegnare a noi adulti. Ti danno indicazioni molto chiare su come ti devi comportare.

D) Quanto pensa che ci sia ancora da migliorare nelle tecniche di educazione infantile utilizzate oggi?

R) Secondo me la cosa importante è riflettere su come stiamo con i bambini. Spesso ci concentriamo sugli aspetti cognitivi, sul linguaggio, ma la forma di attenzione da mettere a fuoco è l’ascolto, accettare quello che il bambino ci comunica. Noi insegnanti, educatori, genitori dovremmo confrontarci di più sull’educare. Tenendo molti incontri di formazione, io mi rendo conto che questi appuntamenti diventano occasioni per confrontarsi sulle modalità educative, momenti di crescita che ci portano a riflettere, a prendere una pausa dalla continua fretta e corsa in cui ci troviamo per pensare al passato e costruire il futuro. Più che cercare la modalità educativa perfetta, sono questi momenti di riflessione che servono. Ovviamente ci sono dei principi di base che ognuno deve tenere in considerazione sempre: l’ascolto, l’accettazione e il prendersi cura sono i pilastri per l’educazione di un bambino.

D) Quanto l’ambiente è tenuto, oggi, in considerazione nell’educazione scolastica infantile? Quanto c’è ancora da fare?

R) I bambini sono naturalmente vicini all’ambiente, sono molto più sensibili dei grandi. Noi adulti dobbiamo stare attenti, perché insegniamo anche con i cattivi esempi. È importantissima l’educazione al benessere psicofisico e, quindi, anche al rispetto dell’ambiente che ci circonda. Quando vengono impartite lezioni sui comportamenti ambientali corretti da tenere, i bambini li riproducono in modo preciso. Per questo io sono molto fiduciosa nei loro confronti, affidiamoci a loro, possono davvero cambiare il mondo.

D) Che tipo di sensibilità ambientale riconosce fra i genitori di oggi?

R) Pur usando molto la tecnologia, in tante occasioni diverse, dal lavoro a casa, quando entro in contatto con la natura io mi rilasso e sto bene. Confrontandomi spesso con altre mamme, percepisco lo stesso bisogno, una necessità generale di tornare alla natura. Credo che i genitori, proprio perché amano i loro figli, siano portati a rispettare anche l’ambiente circostante, sono due cose che vanno di pari passo. Ovviamente, non possono fare che bene tutte le iniziative sociali, culturali e scolastiche promosse a favore della sensibilità ambientale, ogni momento diventa un’occasione per imparare qualcosa in più.

D) Quanto l’educazione al cibo passa anche dall’educazione all’ambiente e viceversa?

R) Attraverso il cibo passa tutto. Prima di essere nutrimento, il cibo è relazione, ci racconta l’ambiente che ci circonda, il rapporto con i genitori, l’attenzione che abbiamo verso l’ambiente, ci racconta tutto. Io sono a favore delle ricette a km 0,  per usare al massimo il cibo che abbiamo in casa, che non deve essere visto come scarto ma come occasione di creatività. Scherzosamente le chiamo le riciclette. È un modo per nutrire la relazione, ma anche per dare attenzione all’ambiente.

D) Qual è il suo rapporto personale con l’ambiente?

R) Adoro stare in mezzo alla natura, è una realtà molto preziosa che la velocità del nostro tempo non ci permette di apprezzare come si dovrebbe…

D) Quali sono le piccole azioni quotidiane che compie per rispettarlo?

R) Cerco di usare poco i detersivi per salvaguardare l’acqua, di cui limito al minimo indispensabile anche i consumi. Poi passo dalla raccolta differenziata, che è un segno di educazione e rispetto, all’uso della carta riciclata. L’insegnamento che voglio trasmettere a mia figlia è che ogni angolo della Terra è nostro, dobbiamo imparare a rispettarlo e a condividerlo con gli altri in modo civile, educato e pulito.

D) Ha realizzato diversi progetti nell’ambito educativo, ha mai pensato di realizzarne qualcuno a tematica ambientale?

R) In realtà a scuola, nelle ore di scienze, spesso ci occupiamo di educare i bambini anche realizzando dei progetti dedicati a temi ambientali specifici. La cosa meravigliosa è che loro apprendono in modo preciso i comportamenti insegnati e li riportano a casa, educando a loro volta i genitori. Se noi amiamo i bambini e abbiamo la possibilità di stare con loro è un’occasione per educarci tutti.

D) Quanto l’educazione al rispetto ambientale diventa anche strumento di educazione a valori sociali più ampi?

R) L’ambiente è legato profondamente all’aspetto sociale e relazionale, avere una forma di rispetto verso l’ambiente ci mette in contatto con  gli altri. Se tutti fossimo attenti alla natura, potremmo fare molto anche dal punto di vista relazionale, creando nuove occasioni di confronto. Se noi amiamo i nostri figli e ci prendiamo cura di loro, teniamo anche al loro futuro e cerchiamo di far trascorrere loro una vita in un ambiente che garantisca il loro benessere psicofisico. Per questo sono fermamente convinta che amare i propri figli e amare l’ambiente coincidano!

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

novembre 28, 2018

Dissalatori, soluzione alla carenza d’acqua? Ma serve una normativa sugli scarichi

Con la siccità che, ogni anno, coinvolge anche il nostro Paese, a causa dei cambiamenti climatici, il mare potrebbe diventare la principale risorsa idrica disponibile. La dissalazione dell’acqua marina può dunque rappresentare una valida soluzione alla crisi idrica che quasi sicuramente ci troveremo ad affrontare. Serve però una normativa specifica sul funzionamento degli impianti e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende