Home » Rubriche »Very Important Planet » S.O.S. Ambiente: le riciclette della tata Francesca Valla:

S.O.S. Ambiente: le riciclette della tata Francesca Valla

maggio 29, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Conosciuta come Tata Francesca, Francesca Valla è una delle protagoniste del programma televisivo S.O.S Tata in onda su Fox life e su La7. Insegnante, scrittrice e formatrice, Francesca condivide la sua professionalità e la sua esperienza del mondo infantile in mille modi diversi: dalla partecipazione a programmi televisivi, alla pubblicazione di libri, fino all’impegno sociale partecipando a iniziative legate a Save the Children e alla Fondazione Ariel, per esempio.

D) Francesca, come ha scoperto la sua passione per il lavoro a fianco dei bambini?

R) Fin da quando ero bambina avevo questa attenzione verso gli altri, soprattutto per i più piccoli. Poi ho deciso di fare l’insegnante e mi sono appassionata con l’esperienza, trovo che sia una fortuna lavorare con i bambini, perché spesso le dinamiche si invertono, sono loro a insegnare a noi adulti. Ti danno indicazioni molto chiare su come ti devi comportare.

D) Quanto pensa che ci sia ancora da migliorare nelle tecniche di educazione infantile utilizzate oggi?

R) Secondo me la cosa importante è riflettere su come stiamo con i bambini. Spesso ci concentriamo sugli aspetti cognitivi, sul linguaggio, ma la forma di attenzione da mettere a fuoco è l’ascolto, accettare quello che il bambino ci comunica. Noi insegnanti, educatori, genitori dovremmo confrontarci di più sull’educare. Tenendo molti incontri di formazione, io mi rendo conto che questi appuntamenti diventano occasioni per confrontarsi sulle modalità educative, momenti di crescita che ci portano a riflettere, a prendere una pausa dalla continua fretta e corsa in cui ci troviamo per pensare al passato e costruire il futuro. Più che cercare la modalità educativa perfetta, sono questi momenti di riflessione che servono. Ovviamente ci sono dei principi di base che ognuno deve tenere in considerazione sempre: l’ascolto, l’accettazione e il prendersi cura sono i pilastri per l’educazione di un bambino.

D) Quanto l’ambiente è tenuto, oggi, in considerazione nell’educazione scolastica infantile? Quanto c’è ancora da fare?

R) I bambini sono naturalmente vicini all’ambiente, sono molto più sensibili dei grandi. Noi adulti dobbiamo stare attenti, perché insegniamo anche con i cattivi esempi. È importantissima l’educazione al benessere psicofisico e, quindi, anche al rispetto dell’ambiente che ci circonda. Quando vengono impartite lezioni sui comportamenti ambientali corretti da tenere, i bambini li riproducono in modo preciso. Per questo io sono molto fiduciosa nei loro confronti, affidiamoci a loro, possono davvero cambiare il mondo.

D) Che tipo di sensibilità ambientale riconosce fra i genitori di oggi?

R) Pur usando molto la tecnologia, in tante occasioni diverse, dal lavoro a casa, quando entro in contatto con la natura io mi rilasso e sto bene. Confrontandomi spesso con altre mamme, percepisco lo stesso bisogno, una necessità generale di tornare alla natura. Credo che i genitori, proprio perché amano i loro figli, siano portati a rispettare anche l’ambiente circostante, sono due cose che vanno di pari passo. Ovviamente, non possono fare che bene tutte le iniziative sociali, culturali e scolastiche promosse a favore della sensibilità ambientale, ogni momento diventa un’occasione per imparare qualcosa in più.

D) Quanto l’educazione al cibo passa anche dall’educazione all’ambiente e viceversa?

R) Attraverso il cibo passa tutto. Prima di essere nutrimento, il cibo è relazione, ci racconta l’ambiente che ci circonda, il rapporto con i genitori, l’attenzione che abbiamo verso l’ambiente, ci racconta tutto. Io sono a favore delle ricette a km 0,  per usare al massimo il cibo che abbiamo in casa, che non deve essere visto come scarto ma come occasione di creatività. Scherzosamente le chiamo le riciclette. È un modo per nutrire la relazione, ma anche per dare attenzione all’ambiente.

D) Qual è il suo rapporto personale con l’ambiente?

R) Adoro stare in mezzo alla natura, è una realtà molto preziosa che la velocità del nostro tempo non ci permette di apprezzare come si dovrebbe…

D) Quali sono le piccole azioni quotidiane che compie per rispettarlo?

R) Cerco di usare poco i detersivi per salvaguardare l’acqua, di cui limito al minimo indispensabile anche i consumi. Poi passo dalla raccolta differenziata, che è un segno di educazione e rispetto, all’uso della carta riciclata. L’insegnamento che voglio trasmettere a mia figlia è che ogni angolo della Terra è nostro, dobbiamo imparare a rispettarlo e a condividerlo con gli altri in modo civile, educato e pulito.

D) Ha realizzato diversi progetti nell’ambito educativo, ha mai pensato di realizzarne qualcuno a tematica ambientale?

R) In realtà a scuola, nelle ore di scienze, spesso ci occupiamo di educare i bambini anche realizzando dei progetti dedicati a temi ambientali specifici. La cosa meravigliosa è che loro apprendono in modo preciso i comportamenti insegnati e li riportano a casa, educando a loro volta i genitori. Se noi amiamo i bambini e abbiamo la possibilità di stare con loro è un’occasione per educarci tutti.

D) Quanto l’educazione al rispetto ambientale diventa anche strumento di educazione a valori sociali più ampi?

R) L’ambiente è legato profondamente all’aspetto sociale e relazionale, avere una forma di rispetto verso l’ambiente ci mette in contatto con  gli altri. Se tutti fossimo attenti alla natura, potremmo fare molto anche dal punto di vista relazionale, creando nuove occasioni di confronto. Se noi amiamo i nostri figli e ci prendiamo cura di loro, teniamo anche al loro futuro e cerchiamo di far trascorrere loro una vita in un ambiente che garantisca il loro benessere psicofisico. Per questo sono fermamente convinta che amare i propri figli e amare l’ambiente coincidano!

Daniela Falchero

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende