Home » Bollettino Europa »Rubriche » S.O.S. specie aliene invasive! L’Europa lotta per evitare 12 mld. di danni:

S.O.S. specie aliene invasive! L’Europa lotta per evitare 12 mld. di danni

settembre 23, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Le specie aliene invasive (IAS) sono inizialmente trasportate dall’uomo fuori dal loro ambiente naturale valicando le barriere ecologiche. Sopravvivono, si riproducono e si diffondono nei nuovi luoghi con effetti negativi sull’ecologia locale e con gravi ripercussioni economiche e sociali. Costituiscono una grave minaccia per la biodiversità in Europa, dove si contano oltre 12 mila specie estranee agli habitat locali. Circa il 15% di queste è invasivo e in rapida crescita. Il fenomeno è, infatti, destinato ad aumentare in futuro se non si interviene significativamente per controllarne l’introduzione e l’insediamento.

L’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (IUCN) ha recentemente pubblicato un documento che raccoglie ventisei studi di casi provenienti da più di quindici Paesi, europei e non, basati su contributi di enti regionali e locali e da istituzioni scientifiche. Gli esempi mostrano azioni concrete contro questo fenomeno, messe in campo a livello urbano. Le aree metropolitane sono, infatti, particolarmente vulnerabili alle IAS, a causa della quantità di beni in arrivo o di passaggio per le attività commerciali vie predilette dalle specie aliene invasive. I problemi che possono sorgere nelle città sono principalmente schematizzabili in quattro categorie. Alcune IAS possono creare allergie (Ambrosia), altre danni ai monumenti (Albero del Paradiso), senza contare poi i problemi di salute (Zanzara Tigre) e i danni al paesaggio (Punteruolo Rosso). Con questa pubblicazione, IUCN intende mettere in evidenza il ruolo fondamentale che hanno gli enti locali e regionali nell’attuazione degli obiettivi nazionali ed internazionali sulla biodiversità e nella prevenzione dei rischi connessi ad invasioni biologiche .

Lo studio ha anticipato di poco l’uscita delle nuove regole UE sulle IAS. Sulle quali la Commissione Europea ha appena proposto un nuovo atto legislativo per prevenire e gestire la minaccia, in rapida crescita, rappresentata dalle specie invasive. L’obiettivo, auspicato anche dall’IUCN, è che il nuovo atto europeo fornisca una risposta più armonizzata e coordinata a questa sfida a livello di Unione, rispettando gli impegni della strategia dell’UE sulla biodiversità fino al 2020.

I problemi a cui l’Esecutivo di Bruxelles intende dare soluzione sono di diversa natura. In primo luogo, le specie esotiche invasive causano danni di tipo economico. Si stima che la perdita di risorse sia almeno di 12 miliardi di Euro. Sotto forma di pericoli per la salute pubblica, danni alle infrastrutture (la Fallopia Japonica che deteriora gli edifici) e perdite di raccolti agricoli (la nutria che distrugge i seminativi). In secondo luogo, le specie esotiche invasive possono danneggiare gravemente gli ecosistemi e causare l’estinzione di specie necessarie invece a mantenere l’equilibrio dell’ambiente naturale. Per esempio, il ciliegio americano è nocivo per gli ecosistemi forestali e gli scoiattoli grigi stanno sostituendo quelli rossi. Molti Stati membri, infine, stanno già impegnando ingenti risorse per affrontare questo problema ma gli sforzi rimangono vani se sono circoscritti al solo livello nazionale. Come nel caso della campagna di eradicazione del Panace Gigante in Belgio, che sarà vanificata se la specie tornerà a reimpiantarsi provenendo dalla Francia. Non a caso il Commissario per l’Ambiente Janez Potočnik ha dichiarato che questa lotta è un classico esempio di settore in cui l’Europa dà il meglio collaborando.

La proposta invita, infatti, a compiere un passo verso un approccio armonizzato e maggiormente preventivo, in grado di aumentare l’efficienza e, a lungo andare, diminuire i costi dei danni nonché quelli degli interventi. L’idea della Commissione è quella di creare un elenco di specie invasive comune a tutti i Paesi membri che sarà compilato avvalendosi di valutazioni del rischio e di prove scientifiche con il contributo di ciascuno Stato. Alla lista sarà abbinato un meccanismo informativo di supporto: la Rete europea per le informazioni sulle specie esotiche.

Le specie così individuate saranno bandite dall’UE, Non sarà ammesso importarle, acquistarle, usarle, rilasciarle o venderle. Si adotteranno misure speciali per accompagnare i commercianti, gli allevatori o i proprietari di animali. Fondamentali saranno, inoltre, i controlli per prevenire l’introduzione deliberata delle specie interessate da compiersi a livello territoriale. Tuttavia, molte specie entrano nell’UE in modo accidentale, nelle merci o nei container. Gli Stati membri dovranno agire per individuare tali vettori e adottare correttivi. Una volta isolata la specie che sta iniziando ad insediarsi, dovranno immediatamente adottare i provvedimenti necessari alla sua eradicazione. Se poi una specie è già ampiamente diffusa, ogni Paese dovrà avvalersi di misure per minimizzare i danni degli “alieni”.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende