Home » Bollettino Europa »Rubriche » S.O.S. specie aliene invasive! L’Europa lotta per evitare 12 mld. di danni:

S.O.S. specie aliene invasive! L’Europa lotta per evitare 12 mld. di danni

settembre 23, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Le specie aliene invasive (IAS) sono inizialmente trasportate dall’uomo fuori dal loro ambiente naturale valicando le barriere ecologiche. Sopravvivono, si riproducono e si diffondono nei nuovi luoghi con effetti negativi sull’ecologia locale e con gravi ripercussioni economiche e sociali. Costituiscono una grave minaccia per la biodiversità in Europa, dove si contano oltre 12 mila specie estranee agli habitat locali. Circa il 15% di queste è invasivo e in rapida crescita. Il fenomeno è, infatti, destinato ad aumentare in futuro se non si interviene significativamente per controllarne l’introduzione e l’insediamento.

L’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (IUCN) ha recentemente pubblicato un documento che raccoglie ventisei studi di casi provenienti da più di quindici Paesi, europei e non, basati su contributi di enti regionali e locali e da istituzioni scientifiche. Gli esempi mostrano azioni concrete contro questo fenomeno, messe in campo a livello urbano. Le aree metropolitane sono, infatti, particolarmente vulnerabili alle IAS, a causa della quantità di beni in arrivo o di passaggio per le attività commerciali vie predilette dalle specie aliene invasive. I problemi che possono sorgere nelle città sono principalmente schematizzabili in quattro categorie. Alcune IAS possono creare allergie (Ambrosia), altre danni ai monumenti (Albero del Paradiso), senza contare poi i problemi di salute (Zanzara Tigre) e i danni al paesaggio (Punteruolo Rosso). Con questa pubblicazione, IUCN intende mettere in evidenza il ruolo fondamentale che hanno gli enti locali e regionali nell’attuazione degli obiettivi nazionali ed internazionali sulla biodiversità e nella prevenzione dei rischi connessi ad invasioni biologiche .

Lo studio ha anticipato di poco l’uscita delle nuove regole UE sulle IAS. Sulle quali la Commissione Europea ha appena proposto un nuovo atto legislativo per prevenire e gestire la minaccia, in rapida crescita, rappresentata dalle specie invasive. L’obiettivo, auspicato anche dall’IUCN, è che il nuovo atto europeo fornisca una risposta più armonizzata e coordinata a questa sfida a livello di Unione, rispettando gli impegni della strategia dell’UE sulla biodiversità fino al 2020.

I problemi a cui l’Esecutivo di Bruxelles intende dare soluzione sono di diversa natura. In primo luogo, le specie esotiche invasive causano danni di tipo economico. Si stima che la perdita di risorse sia almeno di 12 miliardi di Euro. Sotto forma di pericoli per la salute pubblica, danni alle infrastrutture (la Fallopia Japonica che deteriora gli edifici) e perdite di raccolti agricoli (la nutria che distrugge i seminativi). In secondo luogo, le specie esotiche invasive possono danneggiare gravemente gli ecosistemi e causare l’estinzione di specie necessarie invece a mantenere l’equilibrio dell’ambiente naturale. Per esempio, il ciliegio americano è nocivo per gli ecosistemi forestali e gli scoiattoli grigi stanno sostituendo quelli rossi. Molti Stati membri, infine, stanno già impegnando ingenti risorse per affrontare questo problema ma gli sforzi rimangono vani se sono circoscritti al solo livello nazionale. Come nel caso della campagna di eradicazione del Panace Gigante in Belgio, che sarà vanificata se la specie tornerà a reimpiantarsi provenendo dalla Francia. Non a caso il Commissario per l’Ambiente Janez Potočnik ha dichiarato che questa lotta è un classico esempio di settore in cui l’Europa dà il meglio collaborando.

La proposta invita, infatti, a compiere un passo verso un approccio armonizzato e maggiormente preventivo, in grado di aumentare l’efficienza e, a lungo andare, diminuire i costi dei danni nonché quelli degli interventi. L’idea della Commissione è quella di creare un elenco di specie invasive comune a tutti i Paesi membri che sarà compilato avvalendosi di valutazioni del rischio e di prove scientifiche con il contributo di ciascuno Stato. Alla lista sarà abbinato un meccanismo informativo di supporto: la Rete europea per le informazioni sulle specie esotiche.

Le specie così individuate saranno bandite dall’UE, Non sarà ammesso importarle, acquistarle, usarle, rilasciarle o venderle. Si adotteranno misure speciali per accompagnare i commercianti, gli allevatori o i proprietari di animali. Fondamentali saranno, inoltre, i controlli per prevenire l’introduzione deliberata delle specie interessate da compiersi a livello territoriale. Tuttavia, molte specie entrano nell’UE in modo accidentale, nelle merci o nei container. Gli Stati membri dovranno agire per individuare tali vettori e adottare correttivi. Una volta isolata la specie che sta iniziando ad insediarsi, dovranno immediatamente adottare i provvedimenti necessari alla sua eradicazione. Se poi una specie è già ampiamente diffusa, ogni Paese dovrà avvalersi di misure per minimizzare i danni degli “alieni”.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende