Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Salumificio Pedrazzoli, la sfida di una filiera tutta italiana e biologica:

Salumificio Pedrazzoli, la sfida di una filiera tutta italiana e biologica

agosto 13, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

In Italia sprechiamo il 17% degli alimenti che consumiamo ogni anno. In pratica, buttiamo nell’immondizia la quantità di cibo che servirebbe a sfamare l’intera popolazione del Ruanda, in linea con quanto accade nel mondo, dove nonostante il 12,5% dei sette miliardi di persone che popolano il nostro pianeta sia sottonutrito, oltre un terzo del cibo potenzialmente disponibile per il consumo umano viene buttato via, ovvero 1,3 miliardi di tonnellate di rifiuti all’anno.

Nell’ottica della riduzione degli sprechi, così come indicato anche dalle Nazioni Unite, in Italia c’è una filiera, in realtà, particolarmente virtuosa: paradossalmente è quella della carne. Secondo i dati della ricerca “Il ruolo della carne in un’alimentazione equilibrata e sostenibile” del Centro Studi Sprim di Milano, seppure generi scarti, come tutte le altre filiere alimentari, quella della carne spreca meno. La produzione e il consumo di carne, infatti, generano una quantità di scarti (cibo commestibile “perso” nella filiera produttiva) e rifiuti (cibo buttato una volta immesso sul mercato) più che dimezzata rispetto a frutta e verdura, e pari quasi alla metà dei rifiuti prodotti dalla filiera dei cereali. È infatti nel comparto vegetale che si generano i maggiori sprechi, sempre secondo quanto dimostrato dallo Sprim di Milano.

Una filiera “virtuosa”, quindi, a dispetto di quanto abitualmente si pensa, che conta oggi anche aziende che si sono dedicate al biologico. È il caso del Salumificio Pedrazzoli, dal 1951 sul mercato, che ha affiancato alla produzione dei salumi tradizionali quella biologica. La svolta arriva nel settembre del 1996, quando l’azienda mantovana decide di puntare sulla produzione bio. Oggi è un’azienda a ciclo chiuso, con una propria filiera suinicola, dall’allevamento fino al prodotto finito, uno dei più significativi del Nord Italia. La “Linea Primavera” nasce per rispondere alla vocazione di cercare di ridurre i conservanti con l’obiettivo di coronare un antico sogno: fare i salami senza i conservanti. Grazie anche alla collaborazione con l’Università di Cremona per uno studio sui metodi innovativi di fermentazione, oggi tutti i prodotti della linea Primavera, controllati e certificati dal Consorzio per il Controllo dei Prodotti Biologici di Bologna, sono privi di glutine, di derivati del latte e privi di conservanti e coloranti.

L’allevamento di oltre 10.000 suini segue i principi della zootecnia biologica: i maiali vivono liberi in ampie aree di pascolo, con un rapporto animali-terreno molto basso in modo da salvaguardare sia le esigenze naturali dell’animale sia quelle dell’ambiente, con lettiera su paglia, alimentazione con materie provenienti da agricoltura biologica (con selezionate materie prime nobili: mais, orzo, frumento, crusca, soia), divieto di utilizzo di OGM e sottoprodotti realizzati mediante procedimenti chimici. Anche l’età dei suini è severamente controllata: non possono essere avviati alla macellazione prima del nono mese di vita, in modo da ottenere un peso medio della partita di 160 kg. Inoltre le cure del capo d’allevamento, in caso di malattia, vengono effettuate con medicinali omeopatici e fitoterapici non tradizionali.

E se in Italia nel 2013, oltre 15 milioni di italiani hanno fatto la spesa dal contadino, ai mercati degli agricoltori e nelle fattorie (+25% rispetto all’anno precedente, secondo la Coldiretti), l’obiettivo della linea “Primavera” di accontentare un cliente esigente che acquista i prodotti non solo perché buoni ma anche sani e realizzati nel rispetto della salvaguardia dell’ambiente e della salute, è corretto. “Si tratta di un consumatore colto, attento e sensibile a se stesso e agli altri che abita generalmente in città e che apprezza i nostri prodotti bio, frutto di un processo e di una lavorazione senza additivi chimici, con un procedimento unico nel suo genere, ad oggi non ancora eguagliato da nessuna altra azienda in Italia”, spiega Elisa Pedrazzoli, direttore commerciale per l’estero dell’azienda e vincitrice nel 2010 del Premio Giovane Imprenditore, riconoscimento riservato a titolari o dirigenti d’impresa under 40, in occasione del Premio Impresa Ambiente 2010.

Marta Rossi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende