Home » Rubriche »Very Important Planet » Salvo Manzone: in un webdoc le storie dei “Territoires Zéro Déchet”:

Salvo Manzone: in un webdoc le storie dei “Territoires Zéro Déchet”

Nel suo lavoro Salvo Manzone, documentarista, ingegnere dell’audiovisivo, formatore e traduttore palermitano trapiantato a Parigi, ha messo spesso i rifiuti davanti alla macchina da presa. Con “La crociera delle bucce di banana” ha raccontato la storia di Aimée, francese di nascita ma siciliana di adozione, che nonostante i suoi 80 anni si batte da tempo per una corretta gestione dei rifiuti a Stromboli. Il lavoro ha ottenuto diversi riconoscimenti, tra cui il premio speciale “La Casa di domani” al festival Cinemambiente nel 2012 e il primo premio, quest’anno, al festival FreDD di Tolosa. Con “Il ritorno di Colapesce”, ancora in lavorazione, il focus si è invece spostato più in generale sul problema dei rifiuti in Sicilia.

Nel frattempo, Manzone ha iniziato a lavorare anche a un progetto di webdocumentario interattivo e partecipativo dal titolo “Territoires Zéro Déchet” (Territori a rifiuti zero) sulle buone pratiche di prevenzione e riduzione dei rifiuti in Francia e in altri paesi europei. L’obiettivo è di condurre lo spettatore alla scoperta di esperienze virtuose ispirate alla filosofia “Rifiuti Zero”. “La prima cosa – spiega Salvo Manzone – è non produrli, piuttosto che dire “tanto poi lo ricicliamo”. Il problema dei rifiuti non è a valle, ma a monte della filiera. Prendiamo lo spreco alimentare: questo in realtà è un doppio problema, perché porta con sé anche molti imballaggi usati inutilmente”.

D) Com’è nata l’idea di “Territoires Zéro Déchet”?

R) Il progetto si ispira ai temi di fondo che c’erano già ne “La crociera delle bucce di banana”: mi sono reso conto che la storia di Aimée, per quanto piccola, interessa molto, perché è la storia esemplare delle motivazioni di un’ecologista e della semplicità, in senso positivo, della sua azione. Se quel film era concentrato soprattutto sui rifiuti organici, mi sono detto che poteva essere interessante raccogliere in Europa tante storie diverse anche riguardanti scarti diversi, dalle apparecchiature elettroniche agli imballaggi, che possano essere di esempio per trovare buone soluzioni. Vorrei focalizzarmi anche sul tema della prevenzione e della riduzione dei rifiuti: la prima cosa è non produrli, piuttosto che dire “tanto poi lo ricicliamo”. Il problema dei rifiuti non è a valle, ma a monte della filiera. Prendiamo lo spreco alimentare: questo in realtà è un doppio problema, perché porta con sé anche molti imballaggi usati inutilmente.

D) Pensa che la forma innovativa del webdocumentario possa essere efficace per parlare di questi temi?

R) Il webdoc è la versione multimediale di un documentario, a cui tutti hanno libero accesso, e può essere molto utile anche per corredare i video di contenuti informativi di cui sarebbe complicato parlare nel film. Dietro c’è un lavoro creativo anche per trovare modi per far partecipare le persone a questo nuovo oggetto.

D) Lei vive a Parigi dal 1997. Com’è la situazione dei rifiuti in Francia?

R) Qui la situazione è molto diversa dall’Italia. In Italia il tema è ancora associato alla cattiva gestione, alla mafia e ai rifiuti per strada. Da questo punto di vista, la Francia è un paradiso, perché queste tre cose non ci sono. Qua però ci sono gli inceneritori, gestiti da società che hanno il monopolio e non sono per questo interessate alla riduzione o al potenziamento della raccolta differenziata, che è meno spinta rispetto all’Italia. Nel quartiere dove vivo, per esempio, non esiste il concetto di umido. Qui l’associazione Rifiuti Zero è nata solo quest’anno, il 1° febbraio: il fenomeno è arrivato molto tardi anche perché, essendoci gli inceneritori, non ci sono fattori di disturbo evidenti, come i rifiuti per le strade.

D) Ci sono buone pratiche francesi che ha già iniziato a raccogliere per il documentario?

R) In Francia si parla molto di prevenzione, più che in Italia. Un’esperienza interessante è quella delle “Disco Soupe”: eventi ludici per sensibilizzare i giovani sul tema dello spreco alimentare. Un gruppo di volontari raccoglie verdure e legumi invenduti, prepara una mega-zuppa e la offre ai partecipanti in spazi pubblici dove ci si incontra e si ascolta musica.

D) Lei ha lavorato come documentarista sia in Francia che in Italia. Dove è più facile occuparsi di rifiutti?

R) In Italia c’è la capacità di portare avanti con entusiasmo progetti di video di denuncia autoprodotti. I soldi per il cinema sono pochi e quindi si sceglie subito l’autoproduzione, con la conseguente libertà che questa permette. In Francia, invece, c’è il vantaggio di avere committenti, televisioni, finanziamenti, ma questo limita un po’ il numero dei film e mette un po’ a rischio l’autonomia.

D) Da aprile il ministero dell’ambiente francese è guidato da una figura di peso come Ségolène Royal. Come giudica il suo operato sul tema dei rifiuti?

R) Ségolène Royal è entrata in contatto con Zero Waste France e ha dichiarato di voler spegnere gli inceneritori, perché rappresentano una tecnologia sorpassata. È una presa di posizione molto chiara, ora bisogna passare alle azioni.

Veronica Ulvieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende