Home » Rubriche »Very Important Planet » Salvo Manzone: in un webdoc le storie dei “Territoires Zéro Déchet”:

Salvo Manzone: in un webdoc le storie dei “Territoires Zéro Déchet”

Nel suo lavoro Salvo Manzone, documentarista, ingegnere dell’audiovisivo, formatore e traduttore palermitano trapiantato a Parigi, ha messo spesso i rifiuti davanti alla macchina da presa. Con “La crociera delle bucce di banana” ha raccontato la storia di Aimée, francese di nascita ma siciliana di adozione, che nonostante i suoi 80 anni si batte da tempo per una corretta gestione dei rifiuti a Stromboli. Il lavoro ha ottenuto diversi riconoscimenti, tra cui il premio speciale “La Casa di domani” al festival Cinemambiente nel 2012 e il primo premio, quest’anno, al festival FreDD di Tolosa. Con “Il ritorno di Colapesce”, ancora in lavorazione, il focus si è invece spostato più in generale sul problema dei rifiuti in Sicilia.

Nel frattempo, Manzone ha iniziato a lavorare anche a un progetto di webdocumentario interattivo e partecipativo dal titolo “Territoires Zéro Déchet” (Territori a rifiuti zero) sulle buone pratiche di prevenzione e riduzione dei rifiuti in Francia e in altri paesi europei. L’obiettivo è di condurre lo spettatore alla scoperta di esperienze virtuose ispirate alla filosofia “Rifiuti Zero”. “La prima cosa – spiega Salvo Manzone – è non produrli, piuttosto che dire “tanto poi lo ricicliamo”. Il problema dei rifiuti non è a valle, ma a monte della filiera. Prendiamo lo spreco alimentare: questo in realtà è un doppio problema, perché porta con sé anche molti imballaggi usati inutilmente”.

D) Com’è nata l’idea di “Territoires Zéro Déchet”?

R) Il progetto si ispira ai temi di fondo che c’erano già ne “La crociera delle bucce di banana”: mi sono reso conto che la storia di Aimée, per quanto piccola, interessa molto, perché è la storia esemplare delle motivazioni di un’ecologista e della semplicità, in senso positivo, della sua azione. Se quel film era concentrato soprattutto sui rifiuti organici, mi sono detto che poteva essere interessante raccogliere in Europa tante storie diverse anche riguardanti scarti diversi, dalle apparecchiature elettroniche agli imballaggi, che possano essere di esempio per trovare buone soluzioni. Vorrei focalizzarmi anche sul tema della prevenzione e della riduzione dei rifiuti: la prima cosa è non produrli, piuttosto che dire “tanto poi lo ricicliamo”. Il problema dei rifiuti non è a valle, ma a monte della filiera. Prendiamo lo spreco alimentare: questo in realtà è un doppio problema, perché porta con sé anche molti imballaggi usati inutilmente.

D) Pensa che la forma innovativa del webdocumentario possa essere efficace per parlare di questi temi?

R) Il webdoc è la versione multimediale di un documentario, a cui tutti hanno libero accesso, e può essere molto utile anche per corredare i video di contenuti informativi di cui sarebbe complicato parlare nel film. Dietro c’è un lavoro creativo anche per trovare modi per far partecipare le persone a questo nuovo oggetto.

D) Lei vive a Parigi dal 1997. Com’è la situazione dei rifiuti in Francia?

R) Qui la situazione è molto diversa dall’Italia. In Italia il tema è ancora associato alla cattiva gestione, alla mafia e ai rifiuti per strada. Da questo punto di vista, la Francia è un paradiso, perché queste tre cose non ci sono. Qua però ci sono gli inceneritori, gestiti da società che hanno il monopolio e non sono per questo interessate alla riduzione o al potenziamento della raccolta differenziata, che è meno spinta rispetto all’Italia. Nel quartiere dove vivo, per esempio, non esiste il concetto di umido. Qui l’associazione Rifiuti Zero è nata solo quest’anno, il 1° febbraio: il fenomeno è arrivato molto tardi anche perché, essendoci gli inceneritori, non ci sono fattori di disturbo evidenti, come i rifiuti per le strade.

D) Ci sono buone pratiche francesi che ha già iniziato a raccogliere per il documentario?

R) In Francia si parla molto di prevenzione, più che in Italia. Un’esperienza interessante è quella delle “Disco Soupe”: eventi ludici per sensibilizzare i giovani sul tema dello spreco alimentare. Un gruppo di volontari raccoglie verdure e legumi invenduti, prepara una mega-zuppa e la offre ai partecipanti in spazi pubblici dove ci si incontra e si ascolta musica.

D) Lei ha lavorato come documentarista sia in Francia che in Italia. Dove è più facile occuparsi di rifiutti?

R) In Italia c’è la capacità di portare avanti con entusiasmo progetti di video di denuncia autoprodotti. I soldi per il cinema sono pochi e quindi si sceglie subito l’autoproduzione, con la conseguente libertà che questa permette. In Francia, invece, c’è il vantaggio di avere committenti, televisioni, finanziamenti, ma questo limita un po’ il numero dei film e mette un po’ a rischio l’autonomia.

D) Da aprile il ministero dell’ambiente francese è guidato da una figura di peso come Ségolène Royal. Come giudica il suo operato sul tema dei rifiuti?

R) Ségolène Royal è entrata in contatto con Zero Waste France e ha dichiarato di voler spegnere gli inceneritori, perché rappresentano una tecnologia sorpassata. È una presa di posizione molto chiara, ora bisogna passare alle azioni.

Veronica Ulvieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

agosto 20, 2018

ARCA: nelle Marche rinasce un progetto visionario, tra biologico e agricoltura conservativa

Cresce il numero di imprenditori agricoli che vogliono aderire al progetto promosso dalle aziende Garbini, Loccioni e Fileni con l’obiettivo di preservare la fertilità e la bellezza delle valli marchigiane recuperando antichi saperi, da unire a nuove tecnologie, per creare filiere sostenibili e un’economia circolare a vantaggio delle aziende, delle comunità locali e dei consumatori. La [...]

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende