Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Save the Truffle: il tartufo come simbolo di turismo sostenibile:

Save the Truffle: il tartufo come simbolo di turismo sostenibile

novembre 9, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Un bosco con i tartufi “è un bosco sano”. Parola di Carlo Marenda, albese, 33 anni, trifulau (cercatore di tartufi) che, con il socio Edmondo Bonelli, 34 anni, naturalista, ha dato anima e corpo al progetto Save the Truffle, nella patria del tartufo bianco, Alba, che anche quest’anno celebra il preziosissimo fungo ipogeo, fino al 27 novembre, nella tradizionale Fiera del Tartufo, divenuta un evento di richiamo mondiale.

L’obiettivo di Carlo e Edmondo è molto chiaro: tutelare uno dei simboli dell’eccellenza della cucina italiana, “salvare il tartufo”. Ma non si tratta dell’ennesimo piano di valorizzazione del Made in Italy, anzi i due giovani scrivono esplicitamente, nel proprio sito web, che per difendere questo prezioso frutto del bosco “non bisogna parlare di commercializzazione e vendita“. Il  vero valore aggiunto è nel richiamo internazionale per il turismo sostenibile nell’area Langhe-Roero Monferrato, sito riconosciuto nel 2014 Patrimonio dell’Umanità Unesco. Tutelare il bosco e il tartufo ha un significativo impatto ambientale e può far crescere un’economia alternativa basata sui viaggi responsabili.

L’eco-missione parte dalla constatazione che negli ultimi 25 anni “aumentano le superfici coltivate, cresce il valore delle produzioni, ma calano del 30% le aree tartufigene” spiegano Carlo e Edmondo, che lottano appunto per non perdere valore, biodiversità e memoria storica. Per capire le loro ragioni e la passione insita in questo progetto, bisogna conoscere le loro storie personali. Carlo già da bambino accompagnava Aldo, amico di suo padre, nella ricerca per i boschi vicino a casa poi l’adolescenza, le distrazioni e solo più tardi riesplode la passione. Ripercorre i sentieri e incontra l’anziano trifulau Giuseppe Giamesio in arte Notu di cui diventa amico, confidente, allievo. Nel 2014 l’anziano, sul punto di morte,  gli lascia i suoi tre cani Mara, Emy e Buk e soprattutto un testamento morale: portare avanti le sue idee e il suo modo di vivere il bosco. Questa l’eredità che dà vita al progetto attuale, che poggia ora su solide basi scientifiche. Quelle di Edmondo che coltiva la passione per botanica, micologia, pedologia, geologia ma pure paleontologia, con la scoperta di fossili come il “Mastodonte di Verduno” e la “Balena di Santa Vittoria”, conservati nel Museo Civico Federico Eusebio di Alba.

C’è passione dunque, ma ci sono anche le competenze. E da un anno c’è il progetto. “Puntiamo sulla didattica nelle scuole, la facciamo anche con i turisti nelle escursioni nel bosco. Il nostro lavoro è culturale. Il 60% dei cercatori ha più di 60 anni, c’è la necessità di preservare questa memoria storica“. “Ai proprietari dei boschi spieghiamo i vantaggi di una gestione sostenibile. Chi ha una cantina può associare la visita allo stabilimento con una passeggiata nel bosco”. Una visione integrata di valorizzazione del territorio.Con l’obiettivo primo di difendere i boschi:I nostri nonni lo pulivano, oggi non viene più fatto e sono invasi dagli “alieni” come ailanto, robinia ed edera. Quando viene gestito porta invece vantaggi a tutti, anche al vigneto che si trova di fianco dove si va ad eliminare, per esempio, la flavescenza dorata”. Il concetto è chiaro: se non c’è manutenzione, il motore naturale grippa.

Per dare gambe anche economicamente al progetto è nata una raccolta fondi e sono già arrivati 11.000 euro, ma c’è tempo fino a Natale per donare. Un gesto utile a ripristinare 4 aree ambientali piemontesi con l’impianto di nuovi alberi e azioni colturali mirate, come anche la pulizia del sottobosco. In altri termini è la rigenerazione del paesaggio del tartufo. Battaglia che, oltre le istituzioni (l’ente della Fiera del Tartufo e il centro nazionale Studi del Tartufo), ha conquistato pure il prestigioso New York Times, che  ha dedicato a Carlo e Edmondo un articolo .

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

novembre 23, 2017

Nuovo regolamento europeo sul biologico: le critiche di CCPB e EOCC

L’organismo di certificazione italiano CCPB, in merito al nuovo Regolamento Europeo sul Biologico – a cui ieri la Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha dato approvazione definitiva – ha comunicato di condividere la posizione critica di EOCC (The European Organic Certifiers Council), associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Secondo EOCC i punti critici [...]

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende