Home » Rubriche »Very Important Planet » Sci di fondo, uno sport a basso impatto. Intervista a Silvio Fauner:

Sci di fondo, uno sport a basso impatto. Intervista a Silvio Fauner

novembre 23, 2012 Rubriche, Very Important Planet

Per la prima volta quest’anno, le nazionali italiane maschile e femminile di sci di fondo hanno scelto la stessa località per preparare la stagione che sta per iniziare. Si stanno allenando sulle piste di Riale, nell’Alta Val Formazza, in provincia di Verbania. Un territorio che, come ricorda l’assessore provinciale al turismo Guidina Dal Sasso (che ha gareggiato in tre Olimpiadi invernali proprio con la nazionale di fondo), “cerca di rilanciarsi attraverso grandi manifestazioni, anche sportive”. Con grande attenzione a limitare l’impatto sull’ambiente “ma provando comunque ad attirare turisti e appassionati”, che in questi giorni avranno la possibilità di sciare accanto agli azzurri.

Silvio Fauner è il direttore tecnico della squadra, ed è convinto di aver scelto il luogo giusto per allenare i suoi atleti, anche in vista dei Mondiali di sci nordico organizzati in Val di Fiemme dal 20 febbraio al 3 marzo 2013.

D) Fauner, perché avete scelto l’Alta Val Formazza per preparare la stagione?

R) Il prossimo 24 novembre avremo la prima gara di Coppa del mondo in Svezia, e non era facile trovare già ora piste con neve sufficiente. Riale è sui 1800 metri ed è perfetta: qui abbiamo neve a una quota relativamente bassa, ma che nello stesso tempo ci garantisce i vantaggi dell’allenamento in altura.

D) L’assessore parla di progetti di marketing territoriale per rilanciare la valle. Pensa che lo sport possa essere utile a questo scopo?

R) Credo proprio di sì, e lo sci di fondo in modo particolare: il nostro sport ha un bassissimo impatto sulla natura, non servono impianti di risalita e per praticarlo basta che un battipista passi ogni tre o quattro giorni a pulire il percorso. Penso inoltre che possa avere buone ricadute anche a livello turistico.

D) Insomma, uno sport che si adatta al territorio…

R) Sì, si possono creare piste bellissime senza muovere un centimetro di terreno. In località come Asiago o l’Alpe di Siusi ci sono altopiani dove, già con le prime nevicate, basta un gatto delle nevi per creare tutte le piste che servono.

D) Durante la stagione di Coppa voi viaggiate molto: come cambia l’approccio alla montagna da un Paese all’altro?

R) Direi che c’è un rapporto abbastanza omogeneo, c’è ovunque grande attenzione. Dalla Scandinavia, all’Austria, alla Svizzera: tutti gli organizzatori si impegnano per preparare quello che serve allo sci di fondo incidendo il meno possibile sull’ambiente intorno.

D) A febbraio ci saranno i mondiali in Val di Fiemme, quali sono gli obbiettivi della nazionale italiana?

R) Non è mai facile gestire una competizione così importante quando si gioca in casa. Ma la squadra è forte, abbiamo buoni atleti e cercheremo di arrivare nelle migliori condizioni. Poi speriamo di avere anche un po’ di fortuna.

D) Che condizioni ambientali troverete rispetto a quelle in cui vi state allenando?

R) Innanzitutto è diversa l’altura: la Val di Fiemme è all’incirca settecento metri più bassa di Riale. Ma per allenarci abbiamo scelto queste piste perché sono abbastanza simili, ugualmente impegnative e con dislivelli simili.

D) Certo un mondiale in casa può dare una bella spinta a tutto il movimento.

R) I buoni risultati della nazionale rilanciano sempre la passione per lo sci di fondo. Ma quando arriviamo in zone come la Val Formazza ci rendiamo conto che non è poi così necessario: sono valli che vivono la montagna e questo sport 365 giorni all’anno, anche senza il nostro aiuto.

Matteo Acmè

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende