Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Scienza per i piccoli: “Facciamo il pieno di energie!”:

Scienza per i piccoli: “Facciamo il pieno di energie!”

marzo 11, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Lea, Felicia e Carola prendono il treno per trascorrere le vacanze di Pasqua dai loro nonni scienziati. Dal finestrino vedono le macchine sull’autostrada, campi di pale eoliche, una centrale elettrica… quante domande da fare al nonno! Per la rubrica “Racconti d’Ambiente“, pubblichiamo oggi un estratto del libro “Facciamo il pieno di energie!“, da poco pubblicato dalla Casa Editrice Dedalo. L’autore, Pierre Papon, illustra con linguaggio semplice che cos’è l’energia e quanti tipi ne esistono: cinetica, meccanica, elettrica, eolica, nucleare, solare. Nell’estratto che pubblichiamo, i piccoli protagonisti vanno alla scoperta di un mulino.

L’indomani tutta la famiglia va al villaggio. Oscar, con il suo monopattino, è in testa.

Lea – Nonno, ieri hai detto che a Esvres c’è una pala eolica. Andiamo a vederla? Il nonno – Buona idea! Il gruppetto si dirige verso il municipio per informarsi sui giorni di visita. La nonna – Guarda un po’, sta arrivando il sindaco, la nostra amica Lucie. Il sindaco – Buongiorno ragazzi! Vedo che tutti i cugini si sono riuniti per le vacanze! Oscar – Io ho portato il mio monopattino ibrido dal Giappone. Il sindaco – Una piccola meraviglia che gli abitanti del comune troveranno senz’altro interessante. Potresti prestarmelo per esporlo sulla piazza del municipio. Oscar – Non se ne parla neanche, potreste sciuparmelo! Lea – Ci piacerebbe visitare la vostra pala eolica: tutto quello che riguarda l’energia ci interessa molto. Il sindaco – Buona idea: è una bella pala eolica, un pezzo storico! Si può visitare domani che è sabato e non dimenticate di andare anche a vedere i bei mulini della valle dell’Indre. Buone vacanze, ragazzi! A presto!

I ragazzi si dirigono verso casa. La nonna – Approfittiamo del bel tempo e prendiamo la stradina che scende da casa verso il fiume. Oscar, fai attenzione, la discesa è ripida, devi frenare! Al ritorno, magari, Daniela può salire sul monopattino. Daniela – Sì monopattino! Il gruppetto si rimette in cammino e arriva al fiume. Carola – Guarda quella bella casa laggiù sulla riva! La nonna – È un mulino. Guarda chi si vede! Ecco Odile e Jean-Jacques, i proprietari del mulino! Buongiorno! Odile e Jean-Jacques – Buongiorno a tutti! Volete visitare il mulino? I ragazzi, in coro – Sì, sì! Jean-JacquesVedete la grande ruota? Viene messa in moto dalla corrente e fa girare una macina grazie a un meccanismo che si trova nell’edificio in cui stiamo per entrare. Felicia – A che cosa serviva la macina? Odile – A fare la farina, perdinci! Era il mestiere del mugnaio. Felicia – Molto pratico: non c’era bisogno di elettricità, a quell’epoca! Jean-Jacques – Certo. Nel Medioevo, tutti i mulini della valle dell’Indre erano usati dai mugnai della regione. Se ne servivano anche i monaci dell’abbazia di Cormery, non lontana da qui, dalla quale dipendeva il Priorato, la bella casa accanto alla vostra. Carola – C’era energia gratis, insomma! Jean-Jacques – Sì, ma bisognava provvedere alle riparazioni del mulino, e i contadini che volevano usarlo dovevano pagare una tassa. Lea – Una tassa sull’energia, come quella sulla benzina! Il nonno – Proprio così! Al giorno d’oggi non si usano più i mulini. Per produrre energia, si costruiscono dighe lungo i fiumi, per lo più in montagna. Lea – Potreste installare una piccola turbina e produrre la vostra elettricità. Carola – Mica male, come idea! Jean-Jacques – È vero, però d’estate, quando non c’è abbastanza acqua nel fiume, mancherebbe la corrente. Comunque ci penserò.

Felicia – L’altro nonno, che ha una casa in Normandia, vicino a Granville, ci ha detto che si può produrre energia con le maree. Il nonno – È vero. Hanno costruito uno sbarramento su un fiume, la Rance. Quando, con l’alta marea, il mare risale lungo il fiume, si chiudono le paratoie, e quando la marea cala l’acqua fa girare le turbine. È una centrale a energia mareomotrice. Oscar – L’elettricità sarà di sicuro salata: potrebbe rovinare il mio monopattino. Felicia – Ma cosa dici! L’energia viene prodotta dalle macchine. Lea – Io e i nonni siamo stati sulle isole Chausey: lì c’era un grande progetto per costruire una centrale a energia mareomotrice perché le correnti marine tra le isole sono molto forti, ma si sarebbe dovuta sbarrare la baia del Mont-Saint-Michel. Per fortuna il progetto è stato abbandonato. Il nonnoLe centrali mareomotrici funzionano bene solo con maree significative. Ma questo non è un buon motivo per fare qualunque cosa. Prima di realizzare un progetto di queste dimensioni, bisogna sempre valutarne i possibili inconvenienti. La nonna – Su bambini, basta chiacchierare, ora si torna a casa. Ringraziamo Odile e Jean-Jacques per averci fatto vedere il loro mulino. A presto! Odile e Jean-Jacques – Arrivederci e a presto!

Pierre Papon*

* Professore alla Scuola superiore di fisica e chimica industriale di Parigi, è stato presidente di vari enti di ricerca francesi ed è autore di numerose opere di divulgazione scientifica.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende