Home » Bollettino Europa »Rubriche » Scuole del futuro: il “Plauto” di Cesena istituto pilota di un progetto europeo:

Scuole del futuro: il “Plauto” di Cesena istituto pilota di un progetto europeo

aprile 11, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

La riqualificazione energetica passa anche dalle scuole. Ma non si tratta di insegnarla tra i banchi, bensì di provvedere a ristrutturare gli edifici secondo criteri “green”. A occuparsene è il progetto europeo “School of the future. Finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro dell’Unione Europea, ha l’obiettivo di mettere in risalto alcuni brillanti esempi di come è possibile progettare e realizzare un edificio del futuro ad alte prestazioni energetiche che sia anche economicamente sostenibile.

Quattro edifici in quattro Paesi diversi (soprattutto per il clima) - Italia, Germania, Danimarca e Norvegia – sono stati già riqualificati in una prima fase di sperimentazione.

Naturalmente lo scopo non è solo “dimostrativo”, ma punta concretamente, attraverso l’architettura, a migliorare la qualità dei luoghi di apprendimento delle generazioni future, attraverso un ambiente più sano e sicuro, migliorando aria, luce diurna, acustica e benessere termico per studenti e personale docente.

Ristrutturando gli esistenti edifici scolastici e i loro sistemi, integrando soluzioni energetiche rinnovabili e creando sistemi di gestione avanzati, il progetto mira a dimostrare che il consumo energetico totale può essere ridotto di ben tre volte. Inoltre, secondo il progetto, si può ottenere una riduzione del 75% nell’energia usata per il riscaldamento con un investimento inferiore a 100 euro per metro quadrato.

Inoltre, “School of the future” vuole sensibilizzare al risparmio energetico e sviluppare sistemi nazionali ed europei di benchmarking tra cui la stima dei potenziali di strategie di retrofit energetico innovative ed economicamente efficienti.

Per quanto riguarda l’Italia la scuola pilota è l’istituto “Plauto” di Cesena, un edificio, realizzato negli anni ’60 che presentava forti dispersioni termiche e consumi energetici molto elevati. Grazie all’installazione di un impianto fotovoltaico da 65 KW, la scuola ha raggiunto l’autosufficienza elettrica. Gli interventi di isolamento dell’involucro dell’edificio e l’installazione di una caldaia ad alta efficienza hanno permesso di ridurre al minimo i consumi termici (-80%). Infine, all’esterno della facciata sono state applicate schermature solari per evitare il surriscaldamento dell’edificio. Altri interventi hanno poi riguardato la riduzione al minimo dei rischi di infiltrazioni, umidità, perdite, che nel tempo possono causare problemi alla struttura.

La riqualificazione energetica è stata coordinata dall’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.“Questo progetto costituisce uno dei primi esempi italiani di riqualificazione di edifici pubblici, e ha anche la particolarità di consentire l’effettuazione della maggior parte degli interventi in orario scolastico, senza perturbare la continuità didattica”, ha dichiarato Michele Zinzi di ENEA.

In Germania, invece, un ginnasio di Stoccarda – sempre costruito tra gli anni ’60 e ’70 – è stato interamente rinnovato a causa di danni strutturali. Seguendo un approccio olistico, i lavori hanno riguardato l’isolamento, il sistema di ventilazione per il recupero di calore, l’installazione di pannelli solari e di un nuovo impianto di riscaldamento combinato. Sono stati, inoltre, sostituiti i serramenti – prediligendo quelli ad alta efficienza – e anche tutto l’impianto di illuminazione è stato sostituito con soluzioni a maggior risparmio energetico.

In Danimarca, infine, i lavori maggiori si sono concentrati sulla bonifica del tetto di un istituto di Ballerup. Mentre in Norvegia, a Drammen – dove l’edificio è storico e data nientemeno che 1914 – l’obbligo di conservazione della facciata ha guidato le possibilità di ristrutturazione dell’esterno. La scuola, che era riscaldata con combustibili fossili, vedrà i vecchi bruciatori a gasolio sostituiti da una pompa di calore geotermica, in collaborazione con la società locale di teleriscaldamento.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende