Home » Bollettino Europa »Rubriche » Scuole del futuro: il “Plauto” di Cesena istituto pilota di un progetto europeo:

Scuole del futuro: il “Plauto” di Cesena istituto pilota di un progetto europeo

aprile 11, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

La riqualificazione energetica passa anche dalle scuole. Ma non si tratta di insegnarla tra i banchi, bensì di provvedere a ristrutturare gli edifici secondo criteri “green”. A occuparsene è il progetto europeo “School of the future. Finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro dell’Unione Europea, ha l’obiettivo di mettere in risalto alcuni brillanti esempi di come è possibile progettare e realizzare un edificio del futuro ad alte prestazioni energetiche che sia anche economicamente sostenibile.

Quattro edifici in quattro Paesi diversi (soprattutto per il clima) - Italia, Germania, Danimarca e Norvegia – sono stati già riqualificati in una prima fase di sperimentazione.

Naturalmente lo scopo non è solo “dimostrativo”, ma punta concretamente, attraverso l’architettura, a migliorare la qualità dei luoghi di apprendimento delle generazioni future, attraverso un ambiente più sano e sicuro, migliorando aria, luce diurna, acustica e benessere termico per studenti e personale docente.

Ristrutturando gli esistenti edifici scolastici e i loro sistemi, integrando soluzioni energetiche rinnovabili e creando sistemi di gestione avanzati, il progetto mira a dimostrare che il consumo energetico totale può essere ridotto di ben tre volte. Inoltre, secondo il progetto, si può ottenere una riduzione del 75% nell’energia usata per il riscaldamento con un investimento inferiore a 100 euro per metro quadrato.

Inoltre, “School of the future” vuole sensibilizzare al risparmio energetico e sviluppare sistemi nazionali ed europei di benchmarking tra cui la stima dei potenziali di strategie di retrofit energetico innovative ed economicamente efficienti.

Per quanto riguarda l’Italia la scuola pilota è l’istituto “Plauto” di Cesena, un edificio, realizzato negli anni ’60 che presentava forti dispersioni termiche e consumi energetici molto elevati. Grazie all’installazione di un impianto fotovoltaico da 65 KW, la scuola ha raggiunto l’autosufficienza elettrica. Gli interventi di isolamento dell’involucro dell’edificio e l’installazione di una caldaia ad alta efficienza hanno permesso di ridurre al minimo i consumi termici (-80%). Infine, all’esterno della facciata sono state applicate schermature solari per evitare il surriscaldamento dell’edificio. Altri interventi hanno poi riguardato la riduzione al minimo dei rischi di infiltrazioni, umidità, perdite, che nel tempo possono causare problemi alla struttura.

La riqualificazione energetica è stata coordinata dall’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.“Questo progetto costituisce uno dei primi esempi italiani di riqualificazione di edifici pubblici, e ha anche la particolarità di consentire l’effettuazione della maggior parte degli interventi in orario scolastico, senza perturbare la continuità didattica”, ha dichiarato Michele Zinzi di ENEA.

In Germania, invece, un ginnasio di Stoccarda – sempre costruito tra gli anni ’60 e ’70 – è stato interamente rinnovato a causa di danni strutturali. Seguendo un approccio olistico, i lavori hanno riguardato l’isolamento, il sistema di ventilazione per il recupero di calore, l’installazione di pannelli solari e di un nuovo impianto di riscaldamento combinato. Sono stati, inoltre, sostituiti i serramenti – prediligendo quelli ad alta efficienza – e anche tutto l’impianto di illuminazione è stato sostituito con soluzioni a maggior risparmio energetico.

In Danimarca, infine, i lavori maggiori si sono concentrati sulla bonifica del tetto di un istituto di Ballerup. Mentre in Norvegia, a Drammen – dove l’edificio è storico e data nientemeno che 1914 – l’obbligo di conservazione della facciata ha guidato le possibilità di ristrutturazione dell’esterno. La scuola, che era riscaldata con combustibili fossili, vedrà i vecchi bruciatori a gasolio sostituiti da una pompa di calore geotermica, in collaborazione con la società locale di teleriscaldamento.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende