Home » Bollettino Europa »Rubriche » Scuole del futuro: il “Plauto” di Cesena istituto pilota di un progetto europeo:

Scuole del futuro: il “Plauto” di Cesena istituto pilota di un progetto europeo

aprile 11, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

La riqualificazione energetica passa anche dalle scuole. Ma non si tratta di insegnarla tra i banchi, bensì di provvedere a ristrutturare gli edifici secondo criteri “green”. A occuparsene è il progetto europeo “School of the future. Finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro dell’Unione Europea, ha l’obiettivo di mettere in risalto alcuni brillanti esempi di come è possibile progettare e realizzare un edificio del futuro ad alte prestazioni energetiche che sia anche economicamente sostenibile.

Quattro edifici in quattro Paesi diversi (soprattutto per il clima) - Italia, Germania, Danimarca e Norvegia – sono stati già riqualificati in una prima fase di sperimentazione.

Naturalmente lo scopo non è solo “dimostrativo”, ma punta concretamente, attraverso l’architettura, a migliorare la qualità dei luoghi di apprendimento delle generazioni future, attraverso un ambiente più sano e sicuro, migliorando aria, luce diurna, acustica e benessere termico per studenti e personale docente.

Ristrutturando gli esistenti edifici scolastici e i loro sistemi, integrando soluzioni energetiche rinnovabili e creando sistemi di gestione avanzati, il progetto mira a dimostrare che il consumo energetico totale può essere ridotto di ben tre volte. Inoltre, secondo il progetto, si può ottenere una riduzione del 75% nell’energia usata per il riscaldamento con un investimento inferiore a 100 euro per metro quadrato.

Inoltre, “School of the future” vuole sensibilizzare al risparmio energetico e sviluppare sistemi nazionali ed europei di benchmarking tra cui la stima dei potenziali di strategie di retrofit energetico innovative ed economicamente efficienti.

Per quanto riguarda l’Italia la scuola pilota è l’istituto “Plauto” di Cesena, un edificio, realizzato negli anni ’60 che presentava forti dispersioni termiche e consumi energetici molto elevati. Grazie all’installazione di un impianto fotovoltaico da 65 KW, la scuola ha raggiunto l’autosufficienza elettrica. Gli interventi di isolamento dell’involucro dell’edificio e l’installazione di una caldaia ad alta efficienza hanno permesso di ridurre al minimo i consumi termici (-80%). Infine, all’esterno della facciata sono state applicate schermature solari per evitare il surriscaldamento dell’edificio. Altri interventi hanno poi riguardato la riduzione al minimo dei rischi di infiltrazioni, umidità, perdite, che nel tempo possono causare problemi alla struttura.

La riqualificazione energetica è stata coordinata dall’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.“Questo progetto costituisce uno dei primi esempi italiani di riqualificazione di edifici pubblici, e ha anche la particolarità di consentire l’effettuazione della maggior parte degli interventi in orario scolastico, senza perturbare la continuità didattica”, ha dichiarato Michele Zinzi di ENEA.

In Germania, invece, un ginnasio di Stoccarda – sempre costruito tra gli anni ’60 e ’70 – è stato interamente rinnovato a causa di danni strutturali. Seguendo un approccio olistico, i lavori hanno riguardato l’isolamento, il sistema di ventilazione per il recupero di calore, l’installazione di pannelli solari e di un nuovo impianto di riscaldamento combinato. Sono stati, inoltre, sostituiti i serramenti – prediligendo quelli ad alta efficienza – e anche tutto l’impianto di illuminazione è stato sostituito con soluzioni a maggior risparmio energetico.

In Danimarca, infine, i lavori maggiori si sono concentrati sulla bonifica del tetto di un istituto di Ballerup. Mentre in Norvegia, a Drammen – dove l’edificio è storico e data nientemeno che 1914 – l’obbligo di conservazione della facciata ha guidato le possibilità di ristrutturazione dell’esterno. La scuola, che era riscaldata con combustibili fossili, vedrà i vecchi bruciatori a gasolio sostituiti da una pompa di calore geotermica, in collaborazione con la società locale di teleriscaldamento.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende