Home » Bollettino Europa »Rubriche » Scuole del futuro: il “Plauto” di Cesena istituto pilota di un progetto europeo:

Scuole del futuro: il “Plauto” di Cesena istituto pilota di un progetto europeo

aprile 11, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

La riqualificazione energetica passa anche dalle scuole. Ma non si tratta di insegnarla tra i banchi, bensì di provvedere a ristrutturare gli edifici secondo criteri “green”. A occuparsene è il progetto europeo “School of the future. Finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro dell’Unione Europea, ha l’obiettivo di mettere in risalto alcuni brillanti esempi di come è possibile progettare e realizzare un edificio del futuro ad alte prestazioni energetiche che sia anche economicamente sostenibile.

Quattro edifici in quattro Paesi diversi (soprattutto per il clima) - Italia, Germania, Danimarca e Norvegia – sono stati già riqualificati in una prima fase di sperimentazione.

Naturalmente lo scopo non è solo “dimostrativo”, ma punta concretamente, attraverso l’architettura, a migliorare la qualità dei luoghi di apprendimento delle generazioni future, attraverso un ambiente più sano e sicuro, migliorando aria, luce diurna, acustica e benessere termico per studenti e personale docente.

Ristrutturando gli esistenti edifici scolastici e i loro sistemi, integrando soluzioni energetiche rinnovabili e creando sistemi di gestione avanzati, il progetto mira a dimostrare che il consumo energetico totale può essere ridotto di ben tre volte. Inoltre, secondo il progetto, si può ottenere una riduzione del 75% nell’energia usata per il riscaldamento con un investimento inferiore a 100 euro per metro quadrato.

Inoltre, “School of the future” vuole sensibilizzare al risparmio energetico e sviluppare sistemi nazionali ed europei di benchmarking tra cui la stima dei potenziali di strategie di retrofit energetico innovative ed economicamente efficienti.

Per quanto riguarda l’Italia la scuola pilota è l’istituto “Plauto” di Cesena, un edificio, realizzato negli anni ’60 che presentava forti dispersioni termiche e consumi energetici molto elevati. Grazie all’installazione di un impianto fotovoltaico da 65 KW, la scuola ha raggiunto l’autosufficienza elettrica. Gli interventi di isolamento dell’involucro dell’edificio e l’installazione di una caldaia ad alta efficienza hanno permesso di ridurre al minimo i consumi termici (-80%). Infine, all’esterno della facciata sono state applicate schermature solari per evitare il surriscaldamento dell’edificio. Altri interventi hanno poi riguardato la riduzione al minimo dei rischi di infiltrazioni, umidità, perdite, che nel tempo possono causare problemi alla struttura.

La riqualificazione energetica è stata coordinata dall’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.“Questo progetto costituisce uno dei primi esempi italiani di riqualificazione di edifici pubblici, e ha anche la particolarità di consentire l’effettuazione della maggior parte degli interventi in orario scolastico, senza perturbare la continuità didattica”, ha dichiarato Michele Zinzi di ENEA.

In Germania, invece, un ginnasio di Stoccarda – sempre costruito tra gli anni ’60 e ’70 – è stato interamente rinnovato a causa di danni strutturali. Seguendo un approccio olistico, i lavori hanno riguardato l’isolamento, il sistema di ventilazione per il recupero di calore, l’installazione di pannelli solari e di un nuovo impianto di riscaldamento combinato. Sono stati, inoltre, sostituiti i serramenti – prediligendo quelli ad alta efficienza – e anche tutto l’impianto di illuminazione è stato sostituito con soluzioni a maggior risparmio energetico.

In Danimarca, infine, i lavori maggiori si sono concentrati sulla bonifica del tetto di un istituto di Ballerup. Mentre in Norvegia, a Drammen – dove l’edificio è storico e data nientemeno che 1914 – l’obbligo di conservazione della facciata ha guidato le possibilità di ristrutturazione dell’esterno. La scuola, che era riscaldata con combustibili fossili, vedrà i vecchi bruciatori a gasolio sostituiti da una pompa di calore geotermica, in collaborazione con la società locale di teleriscaldamento.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende