Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Se fossi una pecora verrei abbattuta?:

Se fossi una pecora verrei abbattuta?

novembre 8, 2011 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del libro “Se fossi una pecora verrei abbattuta? Storie di persone, animali e inquinamento”, di Liliana Coriedito da Scienza Express Edizioni (pag. 190, 12.80 euro).

Il mio nome è Silvana, suona bene quando mi chiamano che sto brucando tranquilla, su quei prati immensi costellati di cespugli duri e pieni di spine. Arriva da lontano la voce che rimbalza sui massi rosati, affacciati sulla distesa bianca, azzurra e poi blu intenso, lontana ma che pare di cascarci dentro. Di solito è quel piccoletto di Efisio, lui sì che ne ha di energia, quando canta smetto pure di brucare tanto mi piace. Mi siedo all’ombra e chiudo gli occhi, mi porta lontano, mi fa sentire agnellina, sento che il latte si addolcisce un po’. Infatti, quando mi munge, è una carezza, e lui dice sempre che come il formaggio del nostro gregge non ce n’è davvero, né qui né in continente. Il continente! Non ci potevo credere, ci ha caricate sul pick up una mattina, eravamo in venti: spazzolate il giorno prima, il vello lungo che già avevamo capito di doverci mostrare ben bene. Una fiera, una festa con tutti quei bambini che urlano e le nonne che li inseguono e la musica e i cori. Bello, son soddisfazioni, un sacco di complimenti tutte le volte. E i cori: quelle voci che scendono e salgono fino al cielo non me le dimentico per settimane.

Invece niente: si arriva molto vicino al mare, quello che di solito vediamo laggiù di lontano. C’è un odore forte che non ho sentito mai, è salato e aspro allo stesso tempo, amaro e scuro, entriamo nella pancia di un mostro tutto di metallo, un rumore orribile intorno. Meno male che ci fanno scendere e stare in un recinto arioso: siamo su una nave! Vabbè, se nessuno si preoccupa andrà tutto bene. Efisio chiacchiera, e chi lo ferma quello, sono una piccola folla, tutti agitati e parlano e urlano e cantano assieme e a volte anche piangono un po’. Uno scrive, uno fotografa, uno si è già addormentato, e tutti parlano del continente, di Roma, chissà che bellezza, e di quanta gente ci sarà e se qualcuno ci ascolterà, e che succederà poi.

Il continente è qualcosa che non posso descrivere, è tutto troppo strano e troppo grande, ed è successo troppo in fretta: strade, camion, macchine, macchine, macchine. Le colline verdi ci sono anche qui, ma sono ben lontane,come quando dal mio prato vedo il mare, lontano lontano. E a guardare proprio bene si vedono pure i puntini bianchi, quindi anche lì le pecore non mancano: si può stare tranquilli, la zona è amica. E poi case, ma case che non le avete mai viste tanto sono grandi, e quante ce ne sono, noi venti pecore sembriamo formiche, altroché. Arrivati! Un recinto giallo, un’altra ventina di sconosciute, ce n’è pure una nera, la solita che si vuol far notare, ma simpatiche. E poi che folla! Mai visti tanti umani agitati, col cappellino giallo, e urlano e distribuiscono fogli, e chiamano di qua e abbraccianodi là.

Arrivano a farci le foto, allora sì che ci si diverte: i flash e le pose e l’agnellino che bela. Lo vedo, qualcunoci guarda e pensa all’arrostino, ma che ci volete fa’, ci sono sempre un bel po’ di selvaggi in giro: è il bello della biodiversità! Ecco qui, Efisio che offre il nostro formaggio a una bella giornalista bruna e le dice: “Ecco, non ce la facciamo più, questo ce lo pagano così poco che ormai lo facciamo solo per amore, e l’amore ci nutre, ma non ci permette di vedere il futuro, di tenere nelle mani la nostra terra, di pascolare queste belle pecore e di fare per voi cittadini maglioni e tappeti, e formaggi da leccarsi le labbra!”

È l’ottobre del 2010, e la lotta è solo all’inizio.

Dedicato a tutti i pastori che stanno lottando per continuarea fare i pastori. E alle loro pecore.

Liliana Cori*

*È ricercatrice dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Unità Operativa di Epidemiologia, nella sede di Roma, dal 2006. Coordina il lavoro di comunicazione che accompagna le indagini di epidemiologia ambientale dell’Istituto e le attività di ricerca nel settore ambiente e salute. Ha curato con Fiorella Battaglia e Fabrizio Bianchi ”Ambiente e salute” (Pensiero scientifico, 2009) e con Vincenza Pellegrino ”Corpi in trappola” (Editori Riuniti 2011).

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende