Home » Off the Green »Rubriche » Se l’Italia non va più a “bafafare”. La speranza di un nuovo ciclo per le politiche ambientali:

Se l’Italia non va più a “bafafare”. La speranza di un nuovo ciclo per le politiche ambientali

giugno 20, 2016 Off the Green, Rubriche

Al di là delle infinite letture e interpretazioni del voto delle elezioni comunali 2016 - che lasciamo agli analisti politici – un dato, a mio avviso, è importante, per il futuro delle politiche ambientali urbane: abbiamo assistito, in due delle grandi città al voto, e in altri comuni più piccoli (penso a Pinerolo e San Mauro Torinese in Piemonte), ad una netta rottura con il passato. Personalmente non mi importa quali siano le ragioni del voto, ma sono invece molto attratto dalla concreta possibilità che si apra un “nuovo ciclo”, per certi versi rivoluzionario (nel senso letterale del termine, senza giudizi di valore).

Diventano infatti sindaco, a Torino e Roma, due ragazze giovani e determinate, rappresentanti di un Movimento che ha fatto, sin dall’inizio, dell’ambiente una delle proprie “stelle” e che, alla fine, è riuscito a fare quello che i Verdi Italiani (e poi Green Italia) hanno annunciato, per anni, di voler fare, senza mai farlo realmente: traghettare i temi ambientali al di là delle vecchie logore categorie di destra e sinistra e dell’appartenenza di partito. Perché (banale, ma sempre utile ricordarlo), l’ambiente e la salute non sono né di destra, né di centro, né di sinistra. E nemmeno la green economy. Sono questioni politiche, sociali ed economiche irrinunciabili per chiunque abbia un minimo di sintonia con il tempo presente in cui vive e il futuro in cui vorrà vivere e far vivere i propri concittadini.

Quante volte si è detto che Matteo Renzi è “un animale politico” di grande fiuto e che Piero Fassino è uno statista di grande esperienza? Mah, sarà anche vero, ma non mi sembra che abbiano saputo intuire adeguatamente quello che stava succedendo intorno a loro e la voglia di rinnovamento radicale di molti italiani, a partire da quelli che non hanno mai militato nei partiti, che hanno le partite IVA, che hanno studiato e parlano lingue straniere, che non amano adulare il potente di turno, che sanno dire ma anche no (perché questo monosillabo non è una bestemmia, è un esercizio critico). Forse non lo hanno fiutato bene perché obnubilati dall’arroganza e dalla presunzione. Quella di chi crede, tra le altre cose che, tanto a livello nazionale che locale, basti gettare nella mischia qualche specchietto per le allodole sui temi ambientali, per tenere buoni “gli ambientalisti”. Senza che ci si debba veramente credere, senza troppa fatica e senza pestare troppi piedi.

Quando Renzi si insediò come Presidente del Consiglio (non eletto), a febbraio del 2014, fui costretto a inventarmi un nuovo verbo onomatopeico, “bafafare” (una sorta di crasi di BAriccoFAssinoFArinettiREnzi), per descrivere quel clima di “complicità” (che abbiamo ampiamente vissuto nei due anni successivi), creatosi tra personaggi strafottenti che possono essere considerati il “nuovo” solo da chi non abbia conoscenza del “vecchio”. Il Gattopardo fatto a politica: tanto movimento e belle frasi, purché, nella sostanza, non cambi nulla. La stessa ricetta che ora si ripropone con il Referendum costituzionale di ottobre.

Forse Raggi e Appendino – e gli altri neosindaci del M5S o di (vere) liste civiche – hanno saputo comprendere che la politica e la buona amministrazione di cui molti Italiani sono affamati è quella della quotidianità, non delle “grandi opere”. Veramente qualcuno crede, in buona fede, che a Roma servano le Olimpiadi del 2024 per rinascere? Veramente qualcuno crede, in buona fede, che la priorità del Paese, in questo momento, sia la riforma costituzionale? A me (e forse anche ad altri) interessano la “fiscalità ecologica” (che cambierebbe il modo di produrre, di consumare, di muoversi, di mangiare di ciascuno di noi), il verde in città, lo stop al consumo di suolo che devasta le campagne, il miglioramento della qualità dell’aria, la riduzione dell’inquinamento con cui dobbiamo convivere ogni giorno ecc ecc. Non sono sogni da ingenui, sono obiettivi di buon senso e buon governo che producono anche ricchezza, perché sono pur sempre “opere” da realizzare. Sono sfide che, al momento, mi appassionano molto di più che sapere quanti senatori siederanno nel Parlamento Italiano.

Raggi e Appendino e tutti gli altri, ovviamente, devono ancora dimostrare tutto e sono ben consapevoli che nessuno ha la bacchetta magica né potrà risolvere qualsiasi problema in 5 anni. Ma tentare nuove vie, adottare nuove logiche, mettere in campo nuove persone e rompere stagnazioni monopartitiche pluridecennali (23 anni di PD a Torino!) è già un ottimo punto di partenza, che riaccende le speranze e l’interesse verso la “cosa pubblica” di molti cittadini.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende