Home » Off the Green »Rubriche » Se l’Italia non va più a “bafafare”. La speranza di un nuovo ciclo per le politiche ambientali:

Se l’Italia non va più a “bafafare”. La speranza di un nuovo ciclo per le politiche ambientali

giugno 20, 2016 Off the Green, Rubriche

Al di là delle infinite letture e interpretazioni del voto delle elezioni comunali 2016 - che lasciamo agli analisti politici – un dato, a mio avviso, è importante, per il futuro delle politiche ambientali urbane: abbiamo assistito, in due delle grandi città al voto, e in altri comuni più piccoli (penso a Pinerolo e San Mauro Torinese in Piemonte), ad una netta rottura con il passato. Personalmente non mi importa quali siano le ragioni del voto, ma sono invece molto attratto dalla concreta possibilità che si apra un “nuovo ciclo”, per certi versi rivoluzionario (nel senso letterale del termine, senza giudizi di valore).

Diventano infatti sindaco, a Torino e Roma, due ragazze giovani e determinate, rappresentanti di un Movimento che ha fatto, sin dall’inizio, dell’ambiente una delle proprie “stelle” e che, alla fine, è riuscito a fare quello che i Verdi Italiani (e poi Green Italia) hanno annunciato, per anni, di voler fare, senza mai farlo realmente: traghettare i temi ambientali al di là delle vecchie logore categorie di destra e sinistra e dell’appartenenza di partito. Perché (banale, ma sempre utile ricordarlo), l’ambiente e la salute non sono né di destra, né di centro, né di sinistra. E nemmeno la green economy. Sono questioni politiche, sociali ed economiche irrinunciabili per chiunque abbia un minimo di sintonia con il tempo presente in cui vive e il futuro in cui vorrà vivere e far vivere i propri concittadini.

Quante volte si è detto che Matteo Renzi è “un animale politico” di grande fiuto e che Piero Fassino è uno statista di grande esperienza? Mah, sarà anche vero, ma non mi sembra che abbiano saputo intuire adeguatamente quello che stava succedendo intorno a loro e la voglia di rinnovamento radicale di molti italiani, a partire da quelli che non hanno mai militato nei partiti, che hanno le partite IVA, che hanno studiato e parlano lingue straniere, che non amano adulare il potente di turno, che sanno dire ma anche no (perché questo monosillabo non è una bestemmia, è un esercizio critico). Forse non lo hanno fiutato bene perché obnubilati dall’arroganza e dalla presunzione. Quella di chi crede, tra le altre cose che, tanto a livello nazionale che locale, basti gettare nella mischia qualche specchietto per le allodole sui temi ambientali, per tenere buoni “gli ambientalisti”. Senza che ci si debba veramente credere, senza troppa fatica e senza pestare troppi piedi.

Quando Renzi si insediò come Presidente del Consiglio (non eletto), a febbraio del 2014, fui costretto a inventarmi un nuovo verbo onomatopeico, “bafafare” (una sorta di crasi di BAriccoFAssinoFArinettiREnzi), per descrivere quel clima di “complicità” (che abbiamo ampiamente vissuto nei due anni successivi), creatosi tra personaggi strafottenti che possono essere considerati il “nuovo” solo da chi non abbia conoscenza del “vecchio”. Il Gattopardo fatto a politica: tanto movimento e belle frasi, purché, nella sostanza, non cambi nulla. La stessa ricetta che ora si ripropone con il Referendum costituzionale di ottobre.

Forse Raggi e Appendino – e gli altri neosindaci del M5S o di (vere) liste civiche – hanno saputo comprendere che la politica e la buona amministrazione di cui molti Italiani sono affamati è quella della quotidianità, non delle “grandi opere”. Veramente qualcuno crede, in buona fede, che a Roma servano le Olimpiadi del 2024 per rinascere? Veramente qualcuno crede, in buona fede, che la priorità del Paese, in questo momento, sia la riforma costituzionale? A me (e forse anche ad altri) interessano la “fiscalità ecologica” (che cambierebbe il modo di produrre, di consumare, di muoversi, di mangiare di ciascuno di noi), il verde in città, lo stop al consumo di suolo che devasta le campagne, il miglioramento della qualità dell’aria, la riduzione dell’inquinamento con cui dobbiamo convivere ogni giorno ecc ecc. Non sono sogni da ingenui, sono obiettivi di buon senso e buon governo che producono anche ricchezza, perché sono pur sempre “opere” da realizzare. Sono sfide che, al momento, mi appassionano molto di più che sapere quanti senatori siederanno nel Parlamento Italiano.

Raggi e Appendino e tutti gli altri, ovviamente, devono ancora dimostrare tutto e sono ben consapevoli che nessuno ha la bacchetta magica né potrà risolvere qualsiasi problema in 5 anni. Ma tentare nuove vie, adottare nuove logiche, mettere in campo nuove persone e rompere stagnazioni monopartitiche pluridecennali (23 anni di PD a Torino!) è già un ottimo punto di partenza, che riaccende le speranze e l’interesse verso la “cosa pubblica” di molti cittadini.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende