Home » Off the Green »Rubriche » Se l’Italia non va più a “bafafare”. La speranza di un nuovo ciclo per le politiche ambientali:

Se l’Italia non va più a “bafafare”. La speranza di un nuovo ciclo per le politiche ambientali

giugno 20, 2016 Off the Green, Rubriche

Al di là delle infinite letture e interpretazioni del voto delle elezioni comunali 2016 - che lasciamo agli analisti politici – un dato, a mio avviso, è importante, per il futuro delle politiche ambientali urbane: abbiamo assistito, in due delle grandi città al voto, e in altri comuni più piccoli (penso a Pinerolo e San Mauro Torinese in Piemonte), ad una netta rottura con il passato. Personalmente non mi importa quali siano le ragioni del voto, ma sono invece molto attratto dalla concreta possibilità che si apra un “nuovo ciclo”, per certi versi rivoluzionario (nel senso letterale del termine, senza giudizi di valore).

Diventano infatti sindaco, a Torino e Roma, due ragazze giovani e determinate, rappresentanti di un Movimento che ha fatto, sin dall’inizio, dell’ambiente una delle proprie “stelle” e che, alla fine, è riuscito a fare quello che i Verdi Italiani (e poi Green Italia) hanno annunciato, per anni, di voler fare, senza mai farlo realmente: traghettare i temi ambientali al di là delle vecchie logore categorie di destra e sinistra e dell’appartenenza di partito. Perché (banale, ma sempre utile ricordarlo), l’ambiente e la salute non sono né di destra, né di centro, né di sinistra. E nemmeno la green economy. Sono questioni politiche, sociali ed economiche irrinunciabili per chiunque abbia un minimo di sintonia con il tempo presente in cui vive e il futuro in cui vorrà vivere e far vivere i propri concittadini.

Quante volte si è detto che Matteo Renzi è “un animale politico” di grande fiuto e che Piero Fassino è uno statista di grande esperienza? Mah, sarà anche vero, ma non mi sembra che abbiano saputo intuire adeguatamente quello che stava succedendo intorno a loro e la voglia di rinnovamento radicale di molti italiani, a partire da quelli che non hanno mai militato nei partiti, che hanno le partite IVA, che hanno studiato e parlano lingue straniere, che non amano adulare il potente di turno, che sanno dire ma anche no (perché questo monosillabo non è una bestemmia, è un esercizio critico). Forse non lo hanno fiutato bene perché obnubilati dall’arroganza e dalla presunzione. Quella di chi crede, tra le altre cose che, tanto a livello nazionale che locale, basti gettare nella mischia qualche specchietto per le allodole sui temi ambientali, per tenere buoni “gli ambientalisti”. Senza che ci si debba veramente credere, senza troppa fatica e senza pestare troppi piedi.

Quando Renzi si insediò come Presidente del Consiglio (non eletto), a febbraio del 2014, fui costretto a inventarmi un nuovo verbo onomatopeico, “bafafare” (una sorta di crasi di BAriccoFAssinoFArinettiREnzi), per descrivere quel clima di “complicità” (che abbiamo ampiamente vissuto nei due anni successivi), creatosi tra personaggi strafottenti che possono essere considerati il “nuovo” solo da chi non abbia conoscenza del “vecchio”. Il Gattopardo fatto a politica: tanto movimento e belle frasi, purché, nella sostanza, non cambi nulla. La stessa ricetta che ora si ripropone con il Referendum costituzionale di ottobre.

Forse Raggi e Appendino – e gli altri neosindaci del M5S o di (vere) liste civiche – hanno saputo comprendere che la politica e la buona amministrazione di cui molti Italiani sono affamati è quella della quotidianità, non delle “grandi opere”. Veramente qualcuno crede, in buona fede, che a Roma servano le Olimpiadi del 2024 per rinascere? Veramente qualcuno crede, in buona fede, che la priorità del Paese, in questo momento, sia la riforma costituzionale? A me (e forse anche ad altri) interessano la “fiscalità ecologica” (che cambierebbe il modo di produrre, di consumare, di muoversi, di mangiare di ciascuno di noi), il verde in città, lo stop al consumo di suolo che devasta le campagne, il miglioramento della qualità dell’aria, la riduzione dell’inquinamento con cui dobbiamo convivere ogni giorno ecc ecc. Non sono sogni da ingenui, sono obiettivi di buon senso e buon governo che producono anche ricchezza, perché sono pur sempre “opere” da realizzare. Sono sfide che, al momento, mi appassionano molto di più che sapere quanti senatori siederanno nel Parlamento Italiano.

Raggi e Appendino e tutti gli altri, ovviamente, devono ancora dimostrare tutto e sono ben consapevoli che nessuno ha la bacchetta magica né potrà risolvere qualsiasi problema in 5 anni. Ma tentare nuove vie, adottare nuove logiche, mettere in campo nuove persone e rompere stagnazioni monopartitiche pluridecennali (23 anni di PD a Torino!) è già un ottimo punto di partenza, che riaccende le speranze e l’interesse verso la “cosa pubblica” di molti cittadini.

Andrea Gandiglio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende