Home » Bollettino Europa »Rubriche » Sentinel-2, l’occhio europeo che monitora l’ambiente dallo spazio:

Sentinel-2, l’occhio europeo che monitora l’ambiente dallo spazio

giugno 29, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Raddoppia il numero dei satelliti del Programma di Monitoraggio Ambientale Copernicus in orbita intorno al pianeta per catturare e inviare sulla Terra immagini dei cambiamenti in atto intorno a noi. Infatti, dopo Sentinel-1, lanciato un anno fa, è ora il turno di Sentinel-2.

Partito dalla stazione spaziale europea nella Guiana francese, il satellite, grazie allo strumento MSI (multispectral imager), è in grado di ottenere immagini a colori della superfice terrestre in ben 13 bande dello spettro, con una risoluzione che può arrivare a soli 10 metri. Le sue caratteristiche lo rendono un importante strumento a favore della salvaguardia ambientale. Partendo dalla sicurezza alimentare. I dati di Sentinel 2A possono, infatti, aiutare gli agricoltori nella sorveglianza dei cambiamenti della vegetazione e delle colture durante il periodo vegetativo. Ma possono contribuire anche al monitoraggio delle foreste, determinando molti parametri relativi allo stato della vegetazione, come la superficie fogliare in grado di svolgere la fotosintesi clorofilliana e indici relativi al contenuto d’acqua della vegetazione. Senza tralasciare l’inquinamento di fiumi, laghi e coste. Oltre alla possibilità di giocare un ruolo di primo piano nella prevenzione dei disastri ambientali e nella risposta alle emergenze. L’uso delle immagini di Copernico è stato utile, ad esempio, dopo il recente terremoto in Nepal. Il confronto delle immagini prese prima e dopo la scossa ha aiutato i soccorsi locali ad indirizzare le proprie risorse.

“La sua combinazione di strisciate larghe e tempi di rivisitazione brevi permetterà agli utenti di visualizzare il cambiamento del territorio e la crescita della vegetazione con una precisione mai vista prima”. Ha dichiarato Volker Liebig il Direttore dei Programmi di Osservazione della Terra dell’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea.

La ricerca aerospaziale fornisce ormai informazioni talmente chiare e nette, da cambiare la conoscenza e poter orientare le decisioni. Uno strumento fondamentale per capire “com’è fatta la Terra” e per sviluppare le politiche in vari settori, come quello ambientale e quello agro-alimentare. Senza scordare il contenimento del cambiamento climatico globale.

Il secondo satellite lanciato in orbita è lontano dall’essere l’ultimo: secondo i piani dell’Agenzia, infatti, Copernicus dovrebbe arrivare ad avere, entro il 2021, 6 satelliti tutti dedicati a fornire informazioni operative preziose sulla superficie terrestre, sugli oceani e l’atmosfera per sostenere politiche ambientali e di sicurezza. In questo modo si completerà il Programma Europeo di Sorveglianza della Terra (GMES). Nello specifico, Sentinel-3 si occuperà del monitoraggio delle aree marine, Sentinel-4 e 5 di quello atmosferico, e Sentinel-6 opererà un controllo altimetrico radar a fini oceanografici e di studi sul clima.

Tanti vigili occhi che veglieranno sul nostro Pianeta ma che avranno anche un notevoe impatto in termini economici e di occupazione. Secondo alcuni studi, infatti, si potrebbero generare ricavi fino a 30 miliardi di Euro e creare circa 50 mila posti di lavoro in Europa entro il 2030. Gli imprenditori più innovativi, ma anche cittadini, ricercatori e amministrazioni pubblici potranno, infatti, creare nuovi prodotti e servizi in Europa grazie al fatto che i dati raccolti dal satellite sono completamente disponibili in qualunque località del mondo e sono gratuiti e consultabili in tutta trasparenza attraverso l’applicazione web eoApp.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende