Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Sentinella: il risparmio energetico parte dai comportamenti individuali:

Sentinella: il risparmio energetico parte dai comportamenti individuali

febbraio 12, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

In tempi di magra per aziende e pubbliche amministrazioni, bilanciare la scarsità di risorse con la necessità degli investimenti è spesso un rompicapo. Nel campo dell’efficienza energetica, se le tecnologie sono importanti, per ottenere dei risultati significativi con poca spesa si può cominciare dai comportamenti: se non si possono affrontare le spese per sostituire tutte le lampade a incandescenza con quelle a LED, si possono però sensibilizzare le persone sull’importanza di spegnere la luce quando escono da una stanza. Da quest’idea è nato Sentinella, un sistema che associa al monitoraggio dei consumi la formazione degli utenti attraverso un’interfaccia chiara e l’integrazione con i social network, creato da un’azienda di Modena e sbarcato in questi giorni a Barcellona.

L’idea di realizzare questo sistema innovativo, che ha ottenuto una menzione speciale nell’ultimo Premio Innovazione Amica dell’Ambiente di Legambiente, è venuta un anno e mezzo fa al team di Mimesis, una società di ingegneria spin off dell’ateneo modenese impegnata nel settore dell’efficienza energetica. “L’idea ci è venuta osservando la grande mole di dati che utilizziamo per rendere un edificio più efficiente. Se gli utenti potessero conoscerli, ci siamo detti, questo potrebbe aiutarli ad avere abitudini più risparmiose. Prima ancora di fare interventi di efficientamento, infatti, dei grossi risultati si possono ottenere con investimenti minori, puntando sui comportamenti”, racconta Paolo Ferri, responsabile del progetto. Ma per raggiungere lo scopo, era fondamentale che file interminabili di numeri oscuri venissero tradotti in contenuti comprensibili anche per gli studenti e i non addetti ai lavori.

Dopo qualche mese di lavoro, è nato il sistema Sentinella, per adesso applicato al monitoraggio dei consumi elettrici in scuole, aziende e università, ma facilmente utilizzabili anche per controllare altre utenze, come acqua e gas: “Abbiamo progettato e realizzato un sensore fatto di due componenti collegate con un cavo: una, grande come uno smartphone, ha l’antenna per la trasmissione dei dati e si attacca a una presa elettrica, l’altra è montata sopra il contatore e registra ogni volta che si accende la luce, allo scatto cioè di ogni wattora”. I sensori trasmettono i dati attraverso una loro scheda SIM, e li visualizzano direttamente sul web, senza bisogno di installare alcun programma. Ogni edificio monitorato viene ricostruito virtualmente in 3D, diventando così il punto di partenza per progettare attività didattiche o formative che coinvolgono, nel caso delle scuole, professori, studenti, genitori. L’utilizzo di Facebook dà visibilità a tutto il percorso di apprendimento fatto dai ragazzi, e mantiene un contatto costante con professori e studenti sensibilizzati sui temi energetici. La piattaforma social è stata usata per diffondere per esempio i risultati delle misurazioni e possono essere utili anche per innescare una competizione virtuosa con altri istituti.

Il primo prototipo è stato installato dieci mesi fa alla scuola media di Casalgrande, cittadina di 15mila abitanti in provincia di Reggio Emilia, dove sta per concludersi il test annuale. “Dopo aver installato i sensori, abbiamo mostrato ai ragazzi come i consumi cambiavano in base alle ore della giornata o, per esempio, all’accensione delle luci. Con loro, abbiamo scoperto anche alcune abitudini scorrette: i convettori, per esempio, rimanevano attivi anche di notte e i due scaldabagni per la produzione di acqua calda per le pulizie settimanali erano sempre accesi. O, ancora, il distributore automatico di bibite veniva lasciato attaccato anche durante le vacanze estive. Abbiamo assegnato ai ragazzi il compito di ricordare ai bidelli di spegnere le utenze che non servivano». Così, se il Comune finora spendeva quasi 20.000 euro all’anno per la bolletta elettrica della scuola, con la semplice introduzione di qualche sana abitudine e la sensibilizzazione di insegnati e studenti si è arrivati a un risparmio del 10%. Circa 1.700 euro che, grazie a una convenzione siglata tra il preside e il sindaco, rimarranno per metà alla scuola: soldi che in tempi di tagli all’istruzione possono fare la differenza. Vantaggi economici a cui si arriva con investimenti limitati: «Per il servizio di base, si parte da una spesa di 500 euro», spiega Ferri.

Da poco, il monitoraggio è partito anche in altri dieci edifici comunali di Calsalgrande, nelle varie ale di una sede dell’università di Modena e in due tipografie del reggiano che ogni anno spendono quasi 1 milione di euro per l’elettricità. E il servizio sta per sbarcare anche a Barcellona: la Generalitat, ossia il governo regionale della Catalogna, è interessata a introdurre Sentinella in diverse scuole. Intanto, si partirà da un edificio di 700 alunni, con riscaldamento elettrico a pavimento, particolarmente energivoro.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende