Home » Bollettino Europa »Rubriche » Settimana della Mobilità Sostenibile 2014: un invito a ripensare lo spazio urbano:

Settimana della Mobilità Sostenibile 2014: un invito a ripensare lo spazio urbano

settembre 15, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Come ogni anno è giunta l’ora della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile. Che nel 2014 si svolgerà dal 16 al 22 settembre al grido di “Our streets, our choice”. L’edizione di quest’anno è, infatti, dedicata alla qualità della vita urbana, con una particolare enfasi sul ruolo del settore pubblico.

Per la maggior parte del secolo scorso, dicono gli organizzatori, le città sono state plasmate da urbanisti che avevano in mente un solo modo di spostarsi: i veicoli a motore. Un mezzo di trasporto che richiede una grande quantità di terra, è costoso e produce CO2. Le aree urbane di tutta Europa sono state, infatti, concepite per facilitare le auto, spesso a scapito di altre forme di trasporto. La prevalenza di veicoli privati ha portato i centri abitati a essere sempre più congestionati, inquinati e rumorosi; e allo stesso tempo sempre meno sani e piacevoli, con pochissimo spazio a disposizione per la ricreazione e il tempo libero. Senza contare in degrado ambientale e la perdita di produttività economica.

Per questo motivo, nel 2014, la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile mira a rivalutare il nostro modo di vedere lo spazio urbano. Sarà, infatti, esaminato il rapporto tra uso del territorio e qualità della vita e incoraggiati i cittadini di tutta Europa a declinare il tipo di città in cui desiderano vivere, da qui lo slogan “Le nostre strade, la nostra scelta”. I cittadini hanno il potere di plasmare l’uso dello spazio urbano.

A livello globale, c’è un movimento crescente che punta alla rivalorizzazione delle aree urbane. Tradizionalmente, la soluzione alla congestione del traffico è stata quella di allargare semplicemente le strade. Gli studi dimostrano tuttavia che questo aggrava il problema, perché ha come risultato l’aumento delle persone che scelgono l’automobile per spostarsi. Invece, spazi di parcheggio possono essere trasformati, per esempio, in mini parchi o essere usati per le attività della comunità. Sulle vie si può, inoltre, fare spazio alle panchine, incoraggiando così la socialità.

Inoltre, anche le esigenze dei ciclisti e dei pedoni sono state spesso messe da parte, I primi sono spesso spinti ai lati, ed è loro offerta solo una piccola striscia dipinta sull’asfalto, mentre i pedoni devono accontentarsi di strette e corte vie a loro dedicate. Il trasporto pubblico, poi, è insediato dal predominio dell’automobile. Si dovrebbe, invece, puntare a un cambiamento nelle priorità di mobilità, in modo che coloro che utilizzano mezzi di trasporto a basso impatto possano occupare il centro delle scelte delle Amministrazioni locali.

Dalla sua introduzione nel 2002, l’impatto della Settimana Europea è in costante crescita, sia in Europa e in tutto il mondo. Nel 2013 1.931 città di 47 Paesi si sono ufficialmente registrate e hanno sostenuto la campagna. Un totale di 8.623 misure permanenti sono state attuate, concentrandosi principalmente sulle infrastrutture per ciclisti e pedoni, il potenziamento dei servizi di trasporto pubblico, migliorando l’accessibilità dei trasporti e sensibilizzando sui comportamenti di viaggio sostenibili.

Nell’ambito degli eventi realizzati in occasione della Settimana, interessante è, a questo proposito, l’incontro che si terrà a Padova e in cui sarà protagonista assoluta proprio la bicicletta. Il dibattito metterà a confronto il nostro Paese con l’Olanda, Nazione in cui le due ruote più che un mezzo di trasporto sono uno stile di vita. L’esperienza e le eccellenze olandesi nell’ambito della ciclabilità sostenibile saranno il punto di partenza di una tavola rotonda in programma sabato 20 settembre alle 15 all’interno di ExpoBici, in cui esperti e amministratori olandesi e veneti si confronteranno su alcuni dei temi e delle esperienze più importanti  nell’ambito della sicurezza, delle infrastrutture e del cicloturismo in Olanda e in Italia. La conferenza sarà aperta dell’Ambasciatore dei Paesi Bassi in Italia, Michiel den Hond. Seguirà poi l’intervento del sindaco di Zwolle, eletta città ciclabile per eccellenza 2014 dall’Associazione dei Ciclisti Olandesi. Henk Jan Meijer metterà, invece, a confronto l’esperienza della città olandese con quella del Veneto. Saranno poi presente Aletta Koster, direttrice dell’Ambasciata Olandese per la Ciclabilità, istituzione nata con l’obbiettivo di promuovere l’uso della due ruote e condividere la cultura ciclistica olandese all’estero e Francesco Baroncini, direttore della Fiab Federazione Italiana Amici della Bicicletta.

La Commissione europea ha poi annunciato 19 azioni che quest’anno riceveranno finanziamenti nell’ambito della campagna legata alla Sustainable Urban Mobility dal titolo Do The Right Mix. I progetti selezionati riceveranno fino a € 7.000 per sostenere modi più ecologici e di muoversi, dalle gare di progettazione alle attività educative.

Il fine dell’Esecutivo di Bruxelles è quello, attraverso l’aumento della visibilità dei progetti, di incoraggiare i cittadini dell’UE a prendere le distanze dall’auto utilizzando una combinazione di metodi di trasporto più sostenibili nella vita di tutti i giorni.

Nessun progetto italiano tra i vincitori, ma da segnalare l’iniziativa austriaca “Climate Miles”. Una simpatica campagna che incoraggia i bambini tra i 6 ei 14 anni ad andare a scuola in modo sostenibile. I piccoli raccolgono adesivi speciali per ogni “miglio del clima” che fanno. Recandosi a scuola a piedi, in bicicletta, in skate, autobus o treno. La scuola con il maggior numero di “miglia clima” alla fine della campagna vince un premio.

Sempre in tema di riconoscimenti, con un budget di 93 milioni di Euro, la Commissione Europea ha pubblicato il primo bando relativo all’iniziativa idrogeno e celle a combustibile nell’ambito di Horizon 2020, il nuovo Programma Quadro europeo per la Ricerca e l’Innovazione. La scadenza per l’invio delle candidature è fissata al 6 novembre 2014.

Il settore a cui è dedicato il bando che potrebbe contribuire a raggiungere obiettivi considerati cruciali a livello europeo: contrastare le emissioni di anidride carbonica, ridurre la dipendenza energetica da idrocarburi che compongono il petrolio e il gas naturale e sostenere la crescita economica anche con la creazione di nuovi posti di lavoro. Dalle tecnologie legate all’idrogeno e alle celle a combustibile, l’Unione Europea si aspetta, infatti, in particolare applicazioni innovative in grado di innovare i sistemi di trasporto e far fronte alla natura “discontinua” di energie rinnovabili come quella eolica. A sostegno di questo tipo di attività in Europa è stata creata la Fuel Cells and Hydrogen Joint Undertaking (FCH JU). Una partnership pubblico-privata che unisce la Commissione Europea, il gruppo N.ERGHY – che raccoglie centri di ricerca e università europee e che rappresenta la comunità scientifica di riferimento – e il gruppo New Energy World Industry Grouping (NEW-IG), composto da grandi industrie e da Piccole e Medie imprese leader in questi settori. La partnership porta avanti iniziative mirate a sostenere le azioni di ricerca e innovazione e i progetti più innovativi e vicini al mercato, orientati verso tre grandi priorità: stoccaggio dell’idrogeno, trasporto su strada e infrastrutture e produzione efficiente di energia.

Accanto al riconoscimento di iniziative green, la Commissione Europea ha, inoltre, invitato gli Stati membri a proporre progetti per utilizzare 11,9 miliardi di Euro destinati a migliorare più in generale i trasporti. Gli Stati membri dovranno presentare le loro proposte entro il 26 febbraio 2015. E attendere fino all’estate 2015 per scoprire l’Esecutivo di Bruxelles quali ha deciso di cofinanziare.

Si tratta del maggior importo di risorse mai destinate dall’UE alle infrastrutture di trasporto, visto che sono triplicati, passando da 8 miliardi di Euro per il periodo 2007-2013 a 26 miliardi per il periodo 2014-2020, nell’ambito del nuovo meccanismo per collegare l’Europa (CEF, Connecting Europe Facility).

I finanziamenti si concentreranno su nove corridoi che, insieme, formeranno la rete centrale dei trasporti, rivoluzionando i collegamenti Est-Ovest e snellendo le operazioni transfrontaliere di trasporto per le imprese e i cittadini in tutta l’UE. La nuova rete centrale, che sarà istituita entro il 2030, collegherà: 94 porti europei principali mediante collegamenti ferroviari e stradali; 38 aeroporti principali mediante collegamenti ferroviari verso grandi città; 15 000 km di linee ferroviarie convertite ad alta velocità; 35 progetti transfrontalieri destinati a ridurre le strozzature.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende