Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Siena Carbon Free: a un passo dall’obiettivo “zero CO2″:

Siena Carbon Free: a un passo dall’obiettivo “zero CO2″

settembre 18, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Il traguardo è vicino: tra due anni – ma potrebbe mancare anche molto meno – la Provincia di Siena potrebbe diventare la prima area vasta d’Europa “CO2 neutral. Merito del programma Siena Carbon Free, lanciato nel 2009 davanti a cittadini e amministratori ammirati quanto increduli, e oggi arrivato a pochi passi dalla piena realizzazione.

Tutto inizia nel 2006, con la stesura del primo bilancio delle emissioni certificato da un ente terzo: “Lì avemmo l’intuizione che il nostro territorio poteva puntare su un obiettivo così ambizioso. Il progetto vero e proprio è stato lanciato tre anni dopo, in concomitanza con la revisione del vecchio Piano Energetico e la redazione di quello nuovo, poi approvato a dicembre scorso”, spiega l’Assessore all’Ambiente Gabriele Berni. Secondo il bilancio 2010, verificato dall’ente di certificazione RINA, la capacità di assorbimento dell’anidride carbonica si attesta al 94%, ma nel 2011 – il verdetto definitivo dovrebbe arrivare in queste settimane –  potrebbe essere aumentata in modo significativo, avvicinandosi al 100%.

Un risultato raggiunto coniugando incentivi e buone pratiche con una dotazione di partenza invidiabile.  A partire dalla grande diffusione della geotermia, che da sola copre la quasi totalità del fabbisogno energetico, e dall’ampia superficie di boschi, pari quasi alla metà dell’estensione del territorio provinciale. L’assenza di grandi aree industriali, le performance energetiche e la presenza di molte foreste hanno quindi fatto partire Siena da una posizione avvantaggiata, se si conta che già nel 2009 la capacità di assorbimento del territorio era all’84%. Un dato superiore alla media regionale (32%), nazionale (13%) ed europea (variabile tra 8 e 15%).

I cardini della strategia messa in atto dalla Provincia toscana per raggiungere quota 100% sono, in sintesi, quattro: riduzione dei consumi energetici da fonti fossili, incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, aumento dell’efficienza energetica e gestione accorta del patrimonio forestale.

Accanto alla geotermia, si è scelto di promuovere la diffusione del fotovoltaico: “Dal 2009 ad oggi abbiamo finanziato quattro bandi, che prevedevano incentivi cumulabili con quelli del Conto Energia nazionale. I risultati sono stati molto positivi: quattro anni fa nei comuni senesi erano installati 100 Kw di pannelli fotovoltaici, oggi se ne contano 60 Mw”. Con benefici anche sul fronte economico: “Abbiamo calcolato che il valore dei bandi, pari a 1,3 milioni totali, ha generato un ritorno di dieci volte superiore”.

La partita dell’efficienza energetica, invece, si sta giocando in queste settimane: oggi è infatti prevista la firma di un protocollo d’intesa tra Provincia e Comuni, che dovranno inserire nei propri regolamenti edilizi norme per costruzioni a energia quasi zero. “In molti casi c’è già stato un passaggio in Consiglio Comunale e le regole sono già effettive. Riguardano l’isolamento termico e l’utilizzo di energia rinnovabile e varranno sia per gli edifici nuovi, sia per le ristrutturazioni che intervengono sull’involucro esterno, in accordo con la Direttiva Europea 31 del 2010”, che in Italia è stata recepita solo a giugno scorso.

Nel 2012 è partito anche il progetto Terre di Siena Green, che prevede l’assegnazione di un marchio di qualità a imprese, enti pubblici e privati pronti a presentare un programma volontario di azioni per la riduzione progressiva delle emissioni di CO2 delle proprie attività, impegnandosi a rispettarlo. Per le aziende non si tratta però solo di un bollino utile per il marketing o di un riconoscimento fine a se stesso: il marchio Terre di Siena Carbon Free, ottenuto già da alcune imprese (tra cui la Società Agricola Salcheto di Montepulciano, prima cantina al mondo scollegata dalla rete di distribuzione elettrica nazionale), prevede anche dei bonus, come agevolazioni per l’utilizzo del trasporto pubblico o uno sconto sulla tassa rifiuti.

Per quanto riguarda la gestione forestale, il tasso di incendi è stato ridotto allo 0,1%. Sul fronte della diminuzione dei consumi di fonti fossili per i trasporti – che pesano per il 45% sul totale delle emissioni – agli effetti della crisi si aggiungono invece sperimentazioni di mezzi pubblici elettrici e ibridi e progetti di mobilità dolce in via di definizione.

A differenziare l’esperienza senese da altri casi simili, è stata, fin dal 2006, la ricerca di una validazione scientifica dei risultati raggiunti. Il bilancio delle emissioni è curato dal gruppo di Ecodinamica dell’Università di Siena, mentre i dati sono certificati da un ente terzo secondo lo standard ISO14064. L’amministrazione provinciale di Siena è stata la prima, in Europa, ad essersi dotata, dal 2006, di un sistema di questo tipo che, unito alla certificazione EMAS, le è valso nel 2008 un riconoscimento da parte della stessa Unione Europea.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende