Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Siena Carbon Free: a un passo dall’obiettivo “zero CO2″:

Siena Carbon Free: a un passo dall’obiettivo “zero CO2″

settembre 18, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Il traguardo è vicino: tra due anni – ma potrebbe mancare anche molto meno – la Provincia di Siena potrebbe diventare la prima area vasta d’Europa “CO2 neutral. Merito del programma Siena Carbon Free, lanciato nel 2009 davanti a cittadini e amministratori ammirati quanto increduli, e oggi arrivato a pochi passi dalla piena realizzazione.

Tutto inizia nel 2006, con la stesura del primo bilancio delle emissioni certificato da un ente terzo: “Lì avemmo l’intuizione che il nostro territorio poteva puntare su un obiettivo così ambizioso. Il progetto vero e proprio è stato lanciato tre anni dopo, in concomitanza con la revisione del vecchio Piano Energetico e la redazione di quello nuovo, poi approvato a dicembre scorso”, spiega l’Assessore all’Ambiente Gabriele Berni. Secondo il bilancio 2010, verificato dall’ente di certificazione RINA, la capacità di assorbimento dell’anidride carbonica si attesta al 94%, ma nel 2011 – il verdetto definitivo dovrebbe arrivare in queste settimane –  potrebbe essere aumentata in modo significativo, avvicinandosi al 100%.

Un risultato raggiunto coniugando incentivi e buone pratiche con una dotazione di partenza invidiabile.  A partire dalla grande diffusione della geotermia, che da sola copre la quasi totalità del fabbisogno energetico, e dall’ampia superficie di boschi, pari quasi alla metà dell’estensione del territorio provinciale. L’assenza di grandi aree industriali, le performance energetiche e la presenza di molte foreste hanno quindi fatto partire Siena da una posizione avvantaggiata, se si conta che già nel 2009 la capacità di assorbimento del territorio era all’84%. Un dato superiore alla media regionale (32%), nazionale (13%) ed europea (variabile tra 8 e 15%).

I cardini della strategia messa in atto dalla Provincia toscana per raggiungere quota 100% sono, in sintesi, quattro: riduzione dei consumi energetici da fonti fossili, incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, aumento dell’efficienza energetica e gestione accorta del patrimonio forestale.

Accanto alla geotermia, si è scelto di promuovere la diffusione del fotovoltaico: “Dal 2009 ad oggi abbiamo finanziato quattro bandi, che prevedevano incentivi cumulabili con quelli del Conto Energia nazionale. I risultati sono stati molto positivi: quattro anni fa nei comuni senesi erano installati 100 Kw di pannelli fotovoltaici, oggi se ne contano 60 Mw”. Con benefici anche sul fronte economico: “Abbiamo calcolato che il valore dei bandi, pari a 1,3 milioni totali, ha generato un ritorno di dieci volte superiore”.

La partita dell’efficienza energetica, invece, si sta giocando in queste settimane: oggi è infatti prevista la firma di un protocollo d’intesa tra Provincia e Comuni, che dovranno inserire nei propri regolamenti edilizi norme per costruzioni a energia quasi zero. “In molti casi c’è già stato un passaggio in Consiglio Comunale e le regole sono già effettive. Riguardano l’isolamento termico e l’utilizzo di energia rinnovabile e varranno sia per gli edifici nuovi, sia per le ristrutturazioni che intervengono sull’involucro esterno, in accordo con la Direttiva Europea 31 del 2010”, che in Italia è stata recepita solo a giugno scorso.

Nel 2012 è partito anche il progetto Terre di Siena Green, che prevede l’assegnazione di un marchio di qualità a imprese, enti pubblici e privati pronti a presentare un programma volontario di azioni per la riduzione progressiva delle emissioni di CO2 delle proprie attività, impegnandosi a rispettarlo. Per le aziende non si tratta però solo di un bollino utile per il marketing o di un riconoscimento fine a se stesso: il marchio Terre di Siena Carbon Free, ottenuto già da alcune imprese (tra cui la Società Agricola Salcheto di Montepulciano, prima cantina al mondo scollegata dalla rete di distribuzione elettrica nazionale), prevede anche dei bonus, come agevolazioni per l’utilizzo del trasporto pubblico o uno sconto sulla tassa rifiuti.

Per quanto riguarda la gestione forestale, il tasso di incendi è stato ridotto allo 0,1%. Sul fronte della diminuzione dei consumi di fonti fossili per i trasporti – che pesano per il 45% sul totale delle emissioni – agli effetti della crisi si aggiungono invece sperimentazioni di mezzi pubblici elettrici e ibridi e progetti di mobilità dolce in via di definizione.

A differenziare l’esperienza senese da altri casi simili, è stata, fin dal 2006, la ricerca di una validazione scientifica dei risultati raggiunti. Il bilancio delle emissioni è curato dal gruppo di Ecodinamica dell’Università di Siena, mentre i dati sono certificati da un ente terzo secondo lo standard ISO14064. L’amministrazione provinciale di Siena è stata la prima, in Europa, ad essersi dotata, dal 2006, di un sistema di questo tipo che, unito alla certificazione EMAS, le è valso nel 2008 un riconoscimento da parte della stessa Unione Europea.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende