Home » Campioni d'Italia »Rubriche » SIEP: verso 30 anni di “ecologia del paesaggio” e un congresso mondiale a Milano:

SIEP: verso 30 anni di “ecologia del paesaggio” e un congresso mondiale a Milano

dicembre 12, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

I più grandi esperti dell’ecologia del paesaggio, circa 1.000 scienziati, si sono dati appuntamento per luglio 2019 a Milano per partecipare al convegno mondiale della prestigiosa IALE – International Association for Landscape Ecology. Un evento che si ripete ogni 4 anni e dove si parlerà dei grandi cambiamenti territoriali, sociali ed economici che incidono sullo stato ambientale del nostro Pianeta, ovvero, come recita il titolo: Nature and society facing anthropocene challenges and perspectives for landscape ecology”.

Il merito di questo importante evento scientifico, in programma all’Università Bicocca, è della SIEP acronimo di Società Italiana di Ecologia del Paesaggio, fondata nel 1989 e “braccio” italiano della IALE. Un soggetto fondamentale – sebbene poco conosciuto al pubblico – del network ambientale nazionale, che riunisce al suo interno tutti coloro che sono interessati e lavorano nel campo dell’”ecologia del paesaggio”.

La società festeggerà i suoi primi trent’anni di vita con l’appuntamento mondiale. Per raccontare la storia e la mission dell’associazione ne abbiamo parlato con la presidente, l’architetto Gioia Gibelli: “Stiamo lavorando a questo appuntamento, il primo in Italia ed è motivo di grande orgoglio. Si rifletterà sui cambiamenti epocali che sta vivendo il pianeta. Si parte da quello che sta succedendo, da quello che si presume possa succedere, ma anche dalle possibili soluzioni e mitigazioni, dalle scelte, anche quotidiane, che incidono sul fenomeno”.

Il cuore degli interessi della SIEP-IALE è l‘ecologia del paesaggio ovvero: “Come lo spazio influisce sui processi ecosistemici e le connessioni ne che derivano. Si studiano forme e dimensioni degli elementi del paesaggio e si valuta l’impatto di un’azione sul territorio: se positiva o negativa – spiega Gibelli - Una scienza fondamentale per la pianificazione territoriale urbanistica. Cerchiamo di trasferire all’ente pubblico le nostre conoscenze e ricerche, organizziamo convegni nazionali ed internazionali, workshop e corsi di formazione per professionisti, tecnici e personale della pubblica amministrazione”. SIEP fa parte inoltre, con le altre “sette sorelle”, del CATAP, il Coordinamento delle Associazioni Tecnico-Scientifiche per l’Ambiente e il Paesaggio, un motore di iniziative e di ricerche di carattere scientifico utilissime alla pianificazione territoriale.

L’agenda degli impegni per i prossimi mesi è molto fitta. “Stiamo organizzando, tra le altre cose, un corso per professionisti, insieme all’Ordine degli Architetti di Milano e AIAPP, l’Associazione Italiana per l’Architettura del Paesaggio”, ci anticipa la presidente. Ma uno dei lavori più importanti, a nostro avviso, è quello di aver fondato una rete per promuovereIl manifesto per il Po“, con l’obiettivo di attirare l’attenzione sulle problematiche del fiume. “Il corso d’acqua più importante e grande d’Italia – spiega Gibelli - non ha oggi un parco unico!”. Con il risultato che, alla fine, il Po “è di tutti e di nessuno”, perché manca un vero e proprio ente che se ne occupi a livello generale, nei suoi molteplici aspetti. “Certo, c’è l’Autorità di Bacino, ma la sua missione principale è la salvaguardia idraulica”. In altri termini: manca una governance dell’area fluviale che abbia lo scopo di una tutela integrale. SIEP ritiene dunque che vada bene l’Autorità esistente, ma che si debba “finalizzare l’azione verso la tutela del paesaggio. ”Serve un approccio che guardi a tutte le valenze del monumento naturale. Il Manifesto ha avuto un gran successo, sono oltre 1 milione e mezzo le persone rappresentante. Hanno dato la loro adesione tanti Comuni importanti e a maggio 2018 si è sottoscritto un protocollo d’intesa proprio con l’ Autorità di Bacino del Po. Uno strumento utile per procedere insieme”.

SIEP-IALE si pone, in questa fase di transizione, come interlocutore di enti ed amministrazioni pubbliche. In particolare, come sottolinea la presidente: “per la formulazione di leggi e direttive tecniche inerenti il paesaggio e la sua gestione”. Un ruolo istituzionale che si affianca alla promozione e divulgazione dell’ecologia del paesaggio, scienza fondamentale per la “multidimensionalità” dello sviluppo sostenibile, dove la tutela e la “conservazione dinamica” devono indagare e prendere in considerazione tutti gli elementi. Una ricerca che non tralascia nessuna dimensione per poter favorire un vero e proprio sviluppo sostenibile.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende