Home » Rubriche »Very Important Planet » Silvia Beccaria: fili e fiori per rappresentare la dualità della natura:

Silvia Beccaria: fili e fiori per rappresentare la dualità della natura

gennaio 23, 2015 Rubriche, Very Important Planet

Quando un filo si trasforma in opera d’arte. È quello che fa Silvia Beccaria, artista tessile esponente della Fiber art, corrente creativa nata negli anni Cinquanta nell’ambito dell’espressionismo americano. Originaria di Torino, classe 1965, Silvia ha seguito un percorso di studi ed esperienze che l’ha portata a realizzare opere esposte in numerose mostre d’arte e design in Italia e all’estero. Alcuni suoi lavori sono presenti in collezioni permanenti di Fiber Art. E dal 29 gennaio al 18 febbraio 2015 lo spazio espositivo Internocortile ospiterà Senza perdere il filo, la sua prima personale a Torino.

D) Silvia, in cosa consiste la Fiber Art e perché l’hai scelta?

R) La Fiber art, per varie ragioni storiche e sociali legate al tessuto, ricollegato tradizionalmente a una funzione pratica e al mondo femminile, ha avuto molta difficoltà ad essere accettata come linguaggio autonomo e creativo. In realtà sono molti gli artisti che, come me, hanno scelto  di esprimersi direttamente con il tessile, dunque  utilizzando il telaio a mano come strumento di sperimentazione artistica più che di produzione. Io sono sempre stata affascinata dalla materia sulla quale le mani possono agire per ottenere una “forma”, ho trovato nell’arte tessile il linguaggio a me più congeniale.  Dopo parecchi anni di formazione alle prese con trame e orditi, ho capito che quello era il mio mondo, ci sono rimasta e ho trovato in quest’arte  il mio strumento espressivo: così posso dipingere, ma dipingere con il filo!

D) Quali sono i tuoi materiali naturali preferiti e perché?

R) In realtà non ci sono materiali naturali preferiti, in quanto i materiali naturali che utilizzo nelle mie opere – semi, legno, carta – sono frutto di una ricerca che segue l’ispirazione e che rappresenta al meglio il concetto che voglio in quel momento esprimere. Per esempio, per la realizzazione di alcune opere dal titolo “Donne in Fiore”, ho utilizzato come materiale naturale i fiori veri, ma secchi, della camomilla, dell’ortensia, del papavero, perché volevo rappresentare il ciclo della natura ed esprimere  la dualità della natura stessa,  la vita e la  morte. I fiori, simboli di una natura brulicante di crescita e satura di colori e di profumi, rimandano al rinnovamento ciclico del mondo naturale: appassiscono, sfioriscono e seccano per rinascere ogni primavera. Le mie opere ”Donne in Fiore” 2010 esprimono proprio questa dualità: i fiori  colorati e profumati sono allo stesso tempo secchi e sfioriti, a  rappresentare  i due ritmi che scandiscono la vita. Ogni cosa che nasce muore e ogni cosa che finisce è inizio di qualcos’altro.

D) Utilizzi anche materiali di recupero?

R) No, ma estendo la definizione di “fibra” anche a prodotti industriali, anonimi, marginali, come pvc, gomma, plastica, lattice, poliuretano, ai quali parrebbe difficile conferire qualità estetiche, ma che per me possiedono un alto valore: la loro “tessibilità” e la possibilità di trovare in essi  la costruzione di una trama per un nuovo  racconto.

D) Perché hai scelto la fluorescenza marina come fil rouge per le tue ultime opere?

R) Grazie a una mostra-concorso presso il Museo della Scienza di Napoli sul tema delle diatomee (alghe unicellulari) e grazie a un amico artista che mi ha introdotto a un materiale luminescente, mi sono tuffata in  un mondo di architetture naturali, di forme, di luci che risalgono dagli abissi, di microcosmi invisibili dall’infinita bellezza naturale, tessiture  misteriose  di forme e colori in continuo movimento ed evoluzione: veri e propri gioielli dell’acqua che mi hanno dato una forte ispirazione. Mi è sorto così il desiderio di rappresentare il mondo marino, dando vita ad arazzi luminescenti che raccontano quanto il mondo acquatico mi ha suggerito.

D) Quanto la natura ispira i tuoi lavori?

R) Sicuramente la natura è al primo posto come fonte di ispirazione, perché è già di per se stessa, in tutte le sue manifestazioni, un’opera d’arte.  Le forme e i colori dei semi, le foglie, i frutti, gli organismi marini mi ispirano attraverso la loro bellezza, suscitando il desiderio di esprimere attraverso il tessuto ciò che evocano in me.

D) Quanto è importante l’ambiente per te?

R) L’ambiente è una parte integrante della nostra vita, rispettarlo è importante per il presente e per il futuro, nostro e degli altri.

D) Pensi che la sensibilità ambientale si possa insegnare anche attraverso un’arte come la tua?

R) Arte fa sensibilità e la sensibilità fa arte. Penso che l‘arte educhi innanzi tutto alla bellezza. La bellezza sviluppa sensibilità e di conseguenza sensibilità ambientale.

D) Quali saranno i tuoi progetti futuri?

R) Uno dei miei  sogni per il futuro è che, in questo difficile momento storico, l’arte, la cultura, invece di essere così poco sostenute, possano essere promosse con maggiore impegno e intensità, poiché il loro ruolo principale rimane quello di educare alla bellezza. Altro sogno è poter continuare a fare il mio lavoro con amore ed arrivare a farlo apprezzare a un pubblico sempre  più ampio, per sfatare quei pregiudizi nei riguardi di un’arte ritenuta più “povera” e “minore”: ci sono bravissimi artisti tessili che lavorano i fili come lo scultore plasma il marmo e il pittore dipinge forme e colori.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende