Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Slux: la rivoluzione del wireless “pulito”, senza inquinamento elettromagnetico:

Slux: la rivoluzione del wireless “pulito”, senza inquinamento elettromagnetico

settembre 13, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Il mondo che passa attraversa la luce“. Scelgono la poesia Alessandro Pasquali e Bob Tal – il primo inventore ed entrambi co-founder della start up italo-svizzera Sluxper descrivere la tecnologia “Li-Fi” che rivoluziona le trasmissioni wireless: non più attraverso onde radio, ma con onde luminose.

La luce che trasporta informazioni con pacchetti dati, audio, video. Per far capire meglio Alessandro racconta “la dimostrazione con cui utilizzando la luce di un normale led del diametro di 5 millimetri sono riuscito a trasmettere l’inno nazionale svizzero attraverso il Canale della Manica dalla Francia all’Inghilterra per una distanza di 40 km“. Alla velocità della luce, come si suol dire. Un momento epocale, che riporta alla memoria gli esperimenti di Guglielmo Marconi a fine Ottocento.

Ieri la tecnologia Slux è stata presentata, in “prima italiana”, al Castello di Carrù, in provincia di Cuneo, con la trasmissione via luce di un concerto per orchestra nella sede di Banca Alpi Marittime, l’istituto di credito che ha sostenuto per primo il progetto attraverso finanziamenti agevolati.

L’aspetto ambientale di estremo interesse di questa rivoluzionaria tecnologia è che si tratta di una soluzione elettrosmog- free, in un mondo dove ogni angolo civilizzato è ormai esposto ad un enorme inquinamento elettromagnetico.

Li-Fi Slux permette la creazione di veri e propri  ambienti sonori perfetti per ricostruzioni “immersive” in percorsi museali o altri ambiti esperienziali. “Si tratta di una vera immersione sonora – spiega Pasquali – come ti muovi ascolti un suono diverso. Grazie alle nostre audioguide si amplia il concetto di museo interattivo“. Chiudete gli occhi e immaginate di camminare, indossando le cuffie, e di sentire il vento, il frusciare delle foglie, i passi degli animali. Le voci della natura trasmesse dalla luce in un museo naturalistico. “In questi ultimi due anni tanti marchi stanno approfondendo questo tema, ma noi siamo più avanti sull’audio: il grande vantaggio è la non interferenza con altri devices e soprattutto il fatto che non si provocano danni alla salute delle persone. Non si creano campi elettromagnetici“.

La tecnologia Li-Fi Slux, infatti, non ha solo un carattere solo ludico e di entertainment, ma pure applicazioni di utilità sociale come in campo medico, attraverso l’utilizzo nelle sale operatorie, dove non si possono utilizzare onde elettromagnetiche. Si tratta, in sintesi, di un segnale “pulito”, molto green.

“Pensiamo anche agli aerei o all’uso nelle fiere, dove ci si potrà spostare nei diversi spazi e ascoltare prima una conferenza, poi i messaggi provenienti dai diversi stand e questo – spiega Bob Tal – senza nessuna calibrazione, ma semplicemente avvicinandosi alle diverse fonti luminose“. Se si vuole invece tornare alle applicazioni per l’industria del divertimento basti pensare a una discoteca silenziosa, a zero inquinamento acustico: “si potrà ascoltare rock, fusion, jazz ovvero ognuno può soddisfare il suo gusto musicale spostandosi tra i diversi ambienti mentre c’è chi mangia o sorseggia un drink senza sentire la musica. Un canale unico di trasmissione  multiutente che non interferisce con altri dispositivi wireless “.

La tecnologia dunque è pronta e la trasversalità delle applicazioni è chiara, ora resta da sviluppare la parte commerciale. E’ il turno di Norberto Bertaina, imprenditore e designer, altro uomo forte di Slux, che si  occupa del marketing . ”Siamo nati due anni fa, i primi 18 mesi li abbiamo impiegati per l’affinamento di ricerca e sviluppo della tecnologia. Ora si stanno cercando le prime partnership industriali, grazie all’appoggio e il sostegno della BAM, per creare un network che stiamo attentamente selezionando. Sono in fase di pre-lancio le cuffie e siamo in trattative per le audio guide 4D con alcune delle principali industrie museali”. Il team variegato dell’azienda  può già contare su una decina di persone: ingegneri, finanziari, responsabili per il mercato statunitense, specializzati in scienze dei materiali e chissà, presto, quanti altri. L’avventura è appena iniziata. E non è vero che sotto il sole non c’è mai niente di nuovo

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende