Home » Bollettino Europa »Rubriche » Smart cities: parte il programma di finanziamento UE:

Smart cities: parte il programma di finanziamento UE

giugno 20, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

A volte nascono ex novo, come Masdar City, la città a zero emissioni che sta sorgendo a 15 chilometri da Dubai, o la cinese Caofeidian, progettata dall’architetto italiano Pierpaolo Maggiora. A volte sono il risultato di una politica di riqualificazione e risanamento come Curitiba, in Brasile città intelligente che ha il merito di essersi occupata di sostenibilità già a partire dagli anni Settanta. Sono le cosiddette Smart cities, le città sulle quali il 21 giugno a Bruxelles si scommette per garantire uno sviluppo urbano equilibrato.

La Commissione Europea lancia infatti l’iniziativa Smart Cities, che prevede un primo bando da circa 70-80 milioni per progetti di ristrutturazione del patrimonio immobiliare pubblico e privato e le reti energetiche. Sui trasporti e la mobilità sostenibile, terzo asse dell’iniziativa, s’interverrà più avanti. L’importanza attribuita al programma è testimoniata dalla presenza di ben tre Commissari: Günther Oettinger, responsabile delle politiche energetiche, Neelie Kroes, commissaria per le politiche digitali, Márie Geoghegan-Quinn che guida la ricerca scientifica e l’innovazione. Ci sarà anche il sindaco di Genova Marta Vincenzi , città particolarmente attiva nell’iniziativa, il neo Assessore all’Ambiente di Torino, Enzo Lavolta, rappresentanti di Alessandria e di altre città candidate del Nord-Ovest.

Durante la conferenza di domani verranno divulgati i risultati della consultazione pubblica sull’iniziativa Smart Cities and Communities e di come il prossimo Smart Cities Forum faciliterà il networking, la creazione di opportunità di business e la replicazione di buone pratiche per le soluzioni intelligenti. L’evento sarà inoltre un’occasione per formare partenariati in vista del prossimo invito a presentare proposte.

L’iniziativa parte dalla constatazione che circa tre quarti della popolazione dell’Unione Europea vive in centri urbani o in prossimità di essi, e che tali centri consumano il 70% dell’energia prodotto ed emettono circa la stessa quota di gas serra. La smart city è un modello ideale di città dove le dotazioni materiali e immateriali cooperano, con l’ausilio delle tecnologie , per obiettivi di qualità della vita e riduzione dell’impronta ambientale, con modalità di governo trasparenti e partecipate. Con Europa 2020 l’Ue si è infatti posta ambiziosi obiettivi di conversione della propria economia in ottica sostenibile. Questo era del resto il disegno abbozzato nel piano strategico per le tecnologie energetiche dell’Unione promosso nel 2007 e poi bloccato dalla crisi. Quella strada ha continuato però a essere aperta e oggi le città intelligenti sono chiamate a dimostrare ai propri cittadini che la qualità della vita e l’economia possono convivere anche grazie a investimenti green. Le aree su cui intervenire sono: il patrimonio edilizio, l’efficienza energetica, la pianificazione e la mappatura energetica delle città.

Il patrimonio edilizio, nuovo o da ristrutturare, è da portare a zero emissioni e bisogna inervenire sul riscaldamento e raffreddamento, la gestione efficiente delle reti e lo stoccaggio di energia prodotta da fonti rinnovabili. Per i trasporti bisogna invece programmare l’abbattimento delle emissioni di CO2 e la riduzione del traffico, ticketing incentivanti i trasporti pubblici, reti ciclabili e aree pedonali.

Tra i candidati italiani, oltre le città del Nord Ovest, il progetto “Sardegna Co2”, lanciato il 13 giugno a Cagliari, che la Regione presenterà alle autonomie locali in concomitanza con l’evento denominato “Sardegna Co2 e Patto dei Sindaci”, nel corso del quale, in presenza del governatore della Sardegna, Ugo Cappellacci , saranno illustrati anche gli obiettivi di “ Smart City – Comuni in classe A”. Anche Bari, Palermo, Catania hanno già lanciato la loro candidatura ufficiale. Entro il 2020 l’iniziativa Smart cities dovrebbe coinvolgere 25/30 città europee che dovranno dimostrare la volontà di andare oltre gli obiettivi climatici e energetici dell’Unione Europea: verso una riduzione del 40% delle emissioni di gas ad effetto serra attraverso la produzione sostenibile, la distribuzione e l’uso di energia da fonte rinnovabile.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende