Home » Bollettino Europa »Rubriche » Smart cities: parte il programma di finanziamento UE:

Smart cities: parte il programma di finanziamento UE

giugno 20, 2011 Bollettino Europa, Rubriche

A volte nascono ex novo, come Masdar City, la città a zero emissioni che sta sorgendo a 15 chilometri da Dubai, o la cinese Caofeidian, progettata dall’architetto italiano Pierpaolo Maggiora. A volte sono il risultato di una politica di riqualificazione e risanamento come Curitiba, in Brasile città intelligente che ha il merito di essersi occupata di sostenibilità già a partire dagli anni Settanta. Sono le cosiddette Smart cities, le città sulle quali il 21 giugno a Bruxelles si scommette per garantire uno sviluppo urbano equilibrato.

La Commissione Europea lancia infatti l’iniziativa Smart Cities, che prevede un primo bando da circa 70-80 milioni per progetti di ristrutturazione del patrimonio immobiliare pubblico e privato e le reti energetiche. Sui trasporti e la mobilità sostenibile, terzo asse dell’iniziativa, s’interverrà più avanti. L’importanza attribuita al programma è testimoniata dalla presenza di ben tre Commissari: Günther Oettinger, responsabile delle politiche energetiche, Neelie Kroes, commissaria per le politiche digitali, Márie Geoghegan-Quinn che guida la ricerca scientifica e l’innovazione. Ci sarà anche il sindaco di Genova Marta Vincenzi , città particolarmente attiva nell’iniziativa, il neo Assessore all’Ambiente di Torino, Enzo Lavolta, rappresentanti di Alessandria e di altre città candidate del Nord-Ovest.

Durante la conferenza di domani verranno divulgati i risultati della consultazione pubblica sull’iniziativa Smart Cities and Communities e di come il prossimo Smart Cities Forum faciliterà il networking, la creazione di opportunità di business e la replicazione di buone pratiche per le soluzioni intelligenti. L’evento sarà inoltre un’occasione per formare partenariati in vista del prossimo invito a presentare proposte.

L’iniziativa parte dalla constatazione che circa tre quarti della popolazione dell’Unione Europea vive in centri urbani o in prossimità di essi, e che tali centri consumano il 70% dell’energia prodotto ed emettono circa la stessa quota di gas serra. La smart city è un modello ideale di città dove le dotazioni materiali e immateriali cooperano, con l’ausilio delle tecnologie , per obiettivi di qualità della vita e riduzione dell’impronta ambientale, con modalità di governo trasparenti e partecipate. Con Europa 2020 l’Ue si è infatti posta ambiziosi obiettivi di conversione della propria economia in ottica sostenibile. Questo era del resto il disegno abbozzato nel piano strategico per le tecnologie energetiche dell’Unione promosso nel 2007 e poi bloccato dalla crisi. Quella strada ha continuato però a essere aperta e oggi le città intelligenti sono chiamate a dimostrare ai propri cittadini che la qualità della vita e l’economia possono convivere anche grazie a investimenti green. Le aree su cui intervenire sono: il patrimonio edilizio, l’efficienza energetica, la pianificazione e la mappatura energetica delle città.

Il patrimonio edilizio, nuovo o da ristrutturare, è da portare a zero emissioni e bisogna inervenire sul riscaldamento e raffreddamento, la gestione efficiente delle reti e lo stoccaggio di energia prodotta da fonti rinnovabili. Per i trasporti bisogna invece programmare l’abbattimento delle emissioni di CO2 e la riduzione del traffico, ticketing incentivanti i trasporti pubblici, reti ciclabili e aree pedonali.

Tra i candidati italiani, oltre le città del Nord Ovest, il progetto “Sardegna Co2”, lanciato il 13 giugno a Cagliari, che la Regione presenterà alle autonomie locali in concomitanza con l’evento denominato “Sardegna Co2 e Patto dei Sindaci”, nel corso del quale, in presenza del governatore della Sardegna, Ugo Cappellacci , saranno illustrati anche gli obiettivi di “ Smart City – Comuni in classe A”. Anche Bari, Palermo, Catania hanno già lanciato la loro candidatura ufficiale. Entro il 2020 l’iniziativa Smart cities dovrebbe coinvolgere 25/30 città europee che dovranno dimostrare la volontà di andare oltre gli obiettivi climatici e energetici dell’Unione Europea: verso una riduzione del 40% delle emissioni di gas ad effetto serra attraverso la produzione sostenibile, la distribuzione e l’uso di energia da fonte rinnovabile.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende