Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Società Botanica Italiana: 130 anni a difesa della biodiversità:

Società Botanica Italiana: 130 anni a difesa della biodiversità

agosto 30, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Più di 130 anni dalla parte delle piante, della biodiversità, dell’ambiente e della natura. La Società Botanica Italiana Onlus è nata ufficialmente nel 1888, ma le sue origini sono ancora più lontane nel tempo: bisogna risalire al 1716, quando lo studioso Pier Antonio Micheli diede vita alla Società Botanica Fiorentina.

Un’istituzione che ha fatto la storia della botanica mondiale e che, ancora oggi (viva e…vegeta), contribuisce alla conoscenza scientifica del vasto mondo vegetale. Merito della miriade di attività portate avanti dai botanici italiani: conferenze, presentazione di libri, attività culturali, animazione negli orti botanici cittadini e, soprattutto, tante ricerche. Utilissime per preservare non solo la biodiversità nazionale, ma indirettamente anche l’economia e la qualità della vita degli italiani.

A spiegare, in modo semplice e chiaro, la “mission” della società plurisecolare è la presidentessa Consolata Siniscalco che oltre a dirigere l’associazione è docente di Botanica Applicata all’Università di Torino. “Il Ministero dell’Ambiente ci affida le ricerche che si differenziano in tre temi principali: sulle piante rare, sulle piante esotiche invasive e sul paesaggio vegetale – ci spiega – che sono necessarie anche per la valutazione dello stato di salute dell’ambiente“.

La docente universitaria cita il caso – divenuto mediaticamente famoso lo scorso anno – delle acque torinesi invase dalla “Myriophyllum aquaticum, originaria del Sud America e che ha creato non pochi problemi alla biodiversità del nostro ambiente”. Il messaggio è: c’è da stare attenti anche all’uomo, visti  i cambiamenti, spesso disastrosi, provocati nel paesaggio vegetale…

Quello della Società Botanica è dunque un osservatorio privilegiato per capire le criticità delle nostre piante, in particolare quelle rare che  corrono il rischio di estinzione. “L’entità del fenomeno dipende dalle parti di territorio che si studiano. Nelle Alpi non sono a rischio, così come nelle zone collinari, dove aumentano i boschi e la naturalità”, ma la situazione, dice, “è allarmante in pianura e sulle coste a causa delle attività agricole intensive  e di quelle  turistiche”. Ad esempio: la Isoetes malinvernianaendemica di Piemonte e Lombardia - avverte Siniscalco – è a rischio di estinzione. Si trova infatti nei canali delle risaie, dove si fanno lavori invasivi con le ruspe“.

L’irresistibile volontà di consumare suolo dell’uomo è sempre più visibile sulle coste per via della pressione antropica generata dal turismo e dal desiderio di vivere vicino al mare. Non solo i litorali con abbondanza di cemento, ma anche quelli più selvatici e naturali, come la Sardegna stanno patendo l’assalto ai fiori rari. “Nell’isola  i botanici dell’Università di Cagliari coordinano un progetto Life, prende il nome di Res Maris, per la protezione delle specie autoctone attraverso la difesa delle dune, per evitare che ci passino le auto o i quad”, racconta la presidentessa, che ricorda come siano state installate anche passerelle in legno per evitare che i turisti calpestino le specie più preziose. Quanto siano pericolose l’indifferenza e l’inciviltà per queste piante lo testimoniano bene, del resto, episodi come quello dei giorni scorsi, sempre in Sardegna, quando alcuni turisti incuranti si sono messi a raccogliere, in una spiaggia della costa orientale, i “Gigli di Mare”, preziosi per l’ecosistema dunale, e sono stati quasi “linciati” dagli abitanti del posto.

C’è dunque tanto da fare per preservare il nostro ricco patrimonio botanico. Ad iniziare dalla Pianura Padana, “una delle più antropizzate d’Europa, dove le specie rare sono sicuramente a rischio”, e in tutti quei contesti ad alta concentrazione di attività economiche: “oltre al controllo puntiamo a migliorare l’esistente. Il botanico aiuta a conservare la biodiversità  e preservare i pochi boschi rimasti nella Pianura Padana”.

Bisogna coltivare l’ottimismo e puntare sulla diffusione delle conoscenze. “Noi lo facciamo con tante attività culturali e in particolare negli orti botanici. In quello di Torino, per esempio, accogliamo più di 200 scolaresche e agli studenti spieghiamo i vantaggi delle piante e il loro prezioso ruolo negli equilibri ambientali”. Ma la botanica si fa nelle scuole italiane? “Poca alle elementari, medie e superiori. Si potrebbero dedicare più ore, un insegnamento da valutare  come strumento di conoscenza dell’ambiente. Le piante sono alla base di ogni catena alimentare. Naturalmente è una materia che bisogna saper proporre nel modo giusto”. A maggior ragione oggi che l’intero Pianeta è minacciato da un’altra emergenza: i cambiamenti climatici: “Cerchiamo di capire, attraverso la fenologia, le fioriture e quando si avrà la fruttificazione, in relazione al clima. Monitoriamo e studiamo il fenomeno con grande attenzione”, conclude la Prof.ssa Siniscalco.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende