Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Società Botanica Italiana: 130 anni a difesa della biodiversità:

Società Botanica Italiana: 130 anni a difesa della biodiversità

agosto 30, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Più di 130 anni dalla parte delle piante, della biodiversità, dell’ambiente e della natura. La Società Botanica Italiana Onlus è nata ufficialmente nel 1888, ma le sue origini sono ancora più lontane nel tempo: bisogna risalire al 1716, quando lo studioso Pier Antonio Micheli diede vita alla Società Botanica Fiorentina.

Un’istituzione che ha fatto la storia della botanica mondiale e che, ancora oggi (viva e…vegeta), contribuisce alla conoscenza scientifica del vasto mondo vegetale. Merito della miriade di attività portate avanti dai botanici italiani: conferenze, presentazione di libri, attività culturali, animazione negli orti botanici cittadini e, soprattutto, tante ricerche. Utilissime per preservare non solo la biodiversità nazionale, ma indirettamente anche l’economia e la qualità della vita degli italiani.

A spiegare, in modo semplice e chiaro, la “mission” della società plurisecolare è la presidentessa Consolata Siniscalco che oltre a dirigere l’associazione è docente di Botanica Applicata all’Università di Torino. “Il Ministero dell’Ambiente ci affida le ricerche che si differenziano in tre temi principali: sulle piante rare, sulle piante esotiche invasive e sul paesaggio vegetale – ci spiega – che sono necessarie anche per la valutazione dello stato di salute dell’ambiente“.

La docente universitaria cita il caso – divenuto mediaticamente famoso lo scorso anno – delle acque torinesi invase dalla “Myriophyllum aquaticum, originaria del Sud America e che ha creato non pochi problemi alla biodiversità del nostro ambiente”. Il messaggio è: c’è da stare attenti anche all’uomo, visti  i cambiamenti, spesso disastrosi, provocati nel paesaggio vegetale…

Quello della Società Botanica è dunque un osservatorio privilegiato per capire le criticità delle nostre piante, in particolare quelle rare che  corrono il rischio di estinzione. “L’entità del fenomeno dipende dalle parti di territorio che si studiano. Nelle Alpi non sono a rischio, così come nelle zone collinari, dove aumentano i boschi e la naturalità”, ma la situazione, dice, “è allarmante in pianura e sulle coste a causa delle attività agricole intensive  e di quelle  turistiche”. Ad esempio: la Isoetes malinvernianaendemica di Piemonte e Lombardia - avverte Siniscalco – è a rischio di estinzione. Si trova infatti nei canali delle risaie, dove si fanno lavori invasivi con le ruspe“.

L’irresistibile volontà di consumare suolo dell’uomo è sempre più visibile sulle coste per via della pressione antropica generata dal turismo e dal desiderio di vivere vicino al mare. Non solo i litorali con abbondanza di cemento, ma anche quelli più selvatici e naturali, come la Sardegna stanno patendo l’assalto ai fiori rari. “Nell’isola  i botanici dell’Università di Cagliari coordinano un progetto Life, prende il nome di Res Maris, per la protezione delle specie autoctone attraverso la difesa delle dune, per evitare che ci passino le auto o i quad”, racconta la presidentessa, che ricorda come siano state installate anche passerelle in legno per evitare che i turisti calpestino le specie più preziose. Quanto siano pericolose l’indifferenza e l’inciviltà per queste piante lo testimoniano bene, del resto, episodi come quello dei giorni scorsi, sempre in Sardegna, quando alcuni turisti incuranti si sono messi a raccogliere, in una spiaggia della costa orientale, i “Gigli di Mare”, preziosi per l’ecosistema dunale, e sono stati quasi “linciati” dagli abitanti del posto.

C’è dunque tanto da fare per preservare il nostro ricco patrimonio botanico. Ad iniziare dalla Pianura Padana, “una delle più antropizzate d’Europa, dove le specie rare sono sicuramente a rischio”, e in tutti quei contesti ad alta concentrazione di attività economiche: “oltre al controllo puntiamo a migliorare l’esistente. Il botanico aiuta a conservare la biodiversità  e preservare i pochi boschi rimasti nella Pianura Padana”.

Bisogna coltivare l’ottimismo e puntare sulla diffusione delle conoscenze. “Noi lo facciamo con tante attività culturali e in particolare negli orti botanici. In quello di Torino, per esempio, accogliamo più di 200 scolaresche e agli studenti spieghiamo i vantaggi delle piante e il loro prezioso ruolo negli equilibri ambientali”. Ma la botanica si fa nelle scuole italiane? “Poca alle elementari, medie e superiori. Si potrebbero dedicare più ore, un insegnamento da valutare  come strumento di conoscenza dell’ambiente. Le piante sono alla base di ogni catena alimentare. Naturalmente è una materia che bisogna saper proporre nel modo giusto”. A maggior ragione oggi che l’intero Pianeta è minacciato da un’altra emergenza: i cambiamenti climatici: “Cerchiamo di capire, attraverso la fenologia, le fioriture e quando si avrà la fruttificazione, in relazione al clima. Monitoriamo e studiamo il fenomeno con grande attenzione”, conclude la Prof.ssa Siniscalco.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende