Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Società Botanica Italiana: 130 anni a difesa della biodiversità:

Società Botanica Italiana: 130 anni a difesa della biodiversità

agosto 30, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Più di 130 anni dalla parte delle piante, della biodiversità, dell’ambiente e della natura. La Società Botanica Italiana Onlus è nata ufficialmente nel 1888, ma le sue origini sono ancora più lontane nel tempo: bisogna risalire al 1716, quando lo studioso Pier Antonio Micheli diede vita alla Società Botanica Fiorentina.

Un’istituzione che ha fatto la storia della botanica mondiale e che, ancora oggi (viva e…vegeta), contribuisce alla conoscenza scientifica del vasto mondo vegetale. Merito della miriade di attività portate avanti dai botanici italiani: conferenze, presentazione di libri, attività culturali, animazione negli orti botanici cittadini e, soprattutto, tante ricerche. Utilissime per preservare non solo la biodiversità nazionale, ma indirettamente anche l’economia e la qualità della vita degli italiani.

A spiegare, in modo semplice e chiaro, la “mission” della società plurisecolare è la presidentessa Consolata Siniscalco che oltre a dirigere l’associazione è docente di Botanica Applicata all’Università di Torino. “Il Ministero dell’Ambiente ci affida le ricerche che si differenziano in tre temi principali: sulle piante rare, sulle piante esotiche invasive e sul paesaggio vegetale – ci spiega – che sono necessarie anche per la valutazione dello stato di salute dell’ambiente“.

La docente universitaria cita il caso – divenuto mediaticamente famoso lo scorso anno – delle acque torinesi invase dalla “Myriophyllum aquaticum, originaria del Sud America e che ha creato non pochi problemi alla biodiversità del nostro ambiente”. Il messaggio è: c’è da stare attenti anche all’uomo, visti  i cambiamenti, spesso disastrosi, provocati nel paesaggio vegetale…

Quello della Società Botanica è dunque un osservatorio privilegiato per capire le criticità delle nostre piante, in particolare quelle rare che  corrono il rischio di estinzione. “L’entità del fenomeno dipende dalle parti di territorio che si studiano. Nelle Alpi non sono a rischio, così come nelle zone collinari, dove aumentano i boschi e la naturalità”, ma la situazione, dice, “è allarmante in pianura e sulle coste a causa delle attività agricole intensive  e di quelle  turistiche”. Ad esempio: la Isoetes malinvernianaendemica di Piemonte e Lombardia - avverte Siniscalco – è a rischio di estinzione. Si trova infatti nei canali delle risaie, dove si fanno lavori invasivi con le ruspe“.

L’irresistibile volontà di consumare suolo dell’uomo è sempre più visibile sulle coste per via della pressione antropica generata dal turismo e dal desiderio di vivere vicino al mare. Non solo i litorali con abbondanza di cemento, ma anche quelli più selvatici e naturali, come la Sardegna stanno patendo l’assalto ai fiori rari. “Nell’isola  i botanici dell’Università di Cagliari coordinano un progetto Life, prende il nome di Res Maris, per la protezione delle specie autoctone attraverso la difesa delle dune, per evitare che ci passino le auto o i quad”, racconta la presidentessa, che ricorda come siano state installate anche passerelle in legno per evitare che i turisti calpestino le specie più preziose. Quanto siano pericolose l’indifferenza e l’inciviltà per queste piante lo testimoniano bene, del resto, episodi come quello dei giorni scorsi, sempre in Sardegna, quando alcuni turisti incuranti si sono messi a raccogliere, in una spiaggia della costa orientale, i “Gigli di Mare”, preziosi per l’ecosistema dunale, e sono stati quasi “linciati” dagli abitanti del posto.

C’è dunque tanto da fare per preservare il nostro ricco patrimonio botanico. Ad iniziare dalla Pianura Padana, “una delle più antropizzate d’Europa, dove le specie rare sono sicuramente a rischio”, e in tutti quei contesti ad alta concentrazione di attività economiche: “oltre al controllo puntiamo a migliorare l’esistente. Il botanico aiuta a conservare la biodiversità  e preservare i pochi boschi rimasti nella Pianura Padana”.

Bisogna coltivare l’ottimismo e puntare sulla diffusione delle conoscenze. “Noi lo facciamo con tante attività culturali e in particolare negli orti botanici. In quello di Torino, per esempio, accogliamo più di 200 scolaresche e agli studenti spieghiamo i vantaggi delle piante e il loro prezioso ruolo negli equilibri ambientali”. Ma la botanica si fa nelle scuole italiane? “Poca alle elementari, medie e superiori. Si potrebbero dedicare più ore, un insegnamento da valutare  come strumento di conoscenza dell’ambiente. Le piante sono alla base di ogni catena alimentare. Naturalmente è una materia che bisogna saper proporre nel modo giusto”. A maggior ragione oggi che l’intero Pianeta è minacciato da un’altra emergenza: i cambiamenti climatici: “Cerchiamo di capire, attraverso la fenologia, le fioriture e quando si avrà la fruttificazione, in relazione al clima. Monitoriamo e studiamo il fenomeno con grande attenzione”, conclude la Prof.ssa Siniscalco.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende