Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Società Energetica Lucana: buone pratiche di pianificazione energetica del territorio:

Società Energetica Lucana: buone pratiche di pianificazione energetica del territorio

aprile 3, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Mentre il Consiglio di Stato accoglie il ricorso delle amministrazioni locali contro la realizzazione di un impianto eolico off shore al largo delle coste di Abruzzo e Molise, qualche centinaio di chilometri più a sud, in Basilicata, terra di grossi giacimenti di gas e petrolio, si prova ad avviare una lenta conversione alle rinnovabili. Legambiente condanna la posizione degli amministratori abruzzesi e molisani, temendo che “che al posto dell’impianto eolico vengano proposte trivellazioni” e, nell’ambito della presentazione del rapporto Comuni Rinnovabili 2013, premia la Società Energetica Lucana per “l’attività di pianificazione energetica sul territorio regionale, sostenendo la diffusione delle fonti rinnovabili attraverso la programmazione e la realizzazione di impianti. Con un modello di business originale: “Investiamo parte delle royalties riconosciute alla Regione per la vendita di petrolio e gas nella promozione delle rinnovabili. In questo senso, cerchiamo di invertire il processo culturale, guidando i Comuni nel passaggio dalle fonti energetiche esauribili a quelle rinnovabili e sostenibili”, spiega il presidente Ignazio Petrone.

La Società, a capitale interamente pubblico, operativa dal 2009, in pochi anni ha accompagnato 37 dei 131 Comuni della regione all’adesione al Patto dei Sindaci, impegnandosi a raggiungere e superare gli obiettivi del pacchetto europeo Clima Energia 20-20-20. “Entro l’anno successivo dalla firma, ogni Comune deve presentare il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile, spiegando gli interventi concreti che intende attuare. Avendo sviluppato competenze specifiche in questo settore, la Società di occupa direttamente di redigere i PAES, seguendo la vocazione energetica di ogni Comune. Una volta che il documento è stato approvato a livello europeo, ne seguiamo anche l’attuazione e ne valutiamo i risultati”. Il primo Piano è stato quello di Potenza, nel 2011, a cui ne sono seguiti dieci l’anno scorso, con l’obiettivo di conseguire al 2020 una riduzione totale di CO2 pari a circa 120.000 tonnellate e un taglio alla CO2 di circa il 27,15% in media per Comune. E altri 16 sono in fase di elaborazione.

Ma l’attività della Società non si è fermata alla sola pianificazione: “In ogni Comune realizziamo noi il primo impianto per la produzione di energia rinnovabile: in questo modo l’amministrazione può contare su energia pulita e un risparmio in bolletta a costo zero, mentre noi ripaghiamo l’investimento grazie agli incentivi del quinto Conto Energia. Abbiamo già realizzato una decina di impianti fotovoltaici, per una per una potenza complessiva di circa 2.000 kilowatt e un investimento totale di 6 milioni di euro”.

L’ultimo è quello entrato in funzione  poco più di una settimana fa nel più grande ospedale della Basilicata, il San Carlo di Potenza: “Le pensiline che coprono i parcheggi sono state dotate di pannelli fotovoltaici, per una potenza totale di circa 700 kW. L’impianto alimenta un intero padiglione e permette all’azienda ospedaliera di risparmiare circa 200.000 euro all’anno per la bolletta energetica, mentre noi recuperiamo l’investimento grazie ad altri 200.000 euro annui di incentivi statali”. A Tito, piccolo paese di 7.000 abitanti del potentino, sui terreni del Comune è stato realizzato un impianto fotovoltaico da 1 megawatt, costato 2 milioni di euro: “La SEL ricava 150.000 euro dalla messa in rete dell’energia e altri 350.000 dagli incentivi del Conto energia. Di questi, 100.000 vanno a finanziare ogni anno la realizzazione di una scuola ad alta efficienza energetica”. In altri casi, sono stati realizzati impianti più piccoli per rendere autosufficienti edifici pubblici di vari tipi: “A Sant’Arcangelo, nel potentino, è stato realizzato anche un impianto da 58 kWp, a servizio del poliambulatorio, mentre a Tursi, in provincia di Matera, una scuola è alimentata interamente dall’energia solare prodotta dai pannelli montati sul tetto”.

La Società Energetica Lucana funziona anche da centrale di committenza: “Nel 2012, i 14 enti pubblici che hanno aderito hanno potuto risparmiare circa un milione di euro sui costi energetici grazie all’acquisto aggregato di energia elettrica e gas. Tutte attività che contribuiscono positivamente a mitigare gli effetti sui cambiamenti climatici con benefici sociali diretti, liberando risorse utili che gli enti possono investire in altre azioni a vantaggio della comunità”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende