Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Società Energetica Lucana: buone pratiche di pianificazione energetica del territorio:

Società Energetica Lucana: buone pratiche di pianificazione energetica del territorio

aprile 3, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Mentre il Consiglio di Stato accoglie il ricorso delle amministrazioni locali contro la realizzazione di un impianto eolico off shore al largo delle coste di Abruzzo e Molise, qualche centinaio di chilometri più a sud, in Basilicata, terra di grossi giacimenti di gas e petrolio, si prova ad avviare una lenta conversione alle rinnovabili. Legambiente condanna la posizione degli amministratori abruzzesi e molisani, temendo che “che al posto dell’impianto eolico vengano proposte trivellazioni” e, nell’ambito della presentazione del rapporto Comuni Rinnovabili 2013, premia la Società Energetica Lucana per “l’attività di pianificazione energetica sul territorio regionale, sostenendo la diffusione delle fonti rinnovabili attraverso la programmazione e la realizzazione di impianti. Con un modello di business originale: “Investiamo parte delle royalties riconosciute alla Regione per la vendita di petrolio e gas nella promozione delle rinnovabili. In questo senso, cerchiamo di invertire il processo culturale, guidando i Comuni nel passaggio dalle fonti energetiche esauribili a quelle rinnovabili e sostenibili”, spiega il presidente Ignazio Petrone.

La Società, a capitale interamente pubblico, operativa dal 2009, in pochi anni ha accompagnato 37 dei 131 Comuni della regione all’adesione al Patto dei Sindaci, impegnandosi a raggiungere e superare gli obiettivi del pacchetto europeo Clima Energia 20-20-20. “Entro l’anno successivo dalla firma, ogni Comune deve presentare il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile, spiegando gli interventi concreti che intende attuare. Avendo sviluppato competenze specifiche in questo settore, la Società di occupa direttamente di redigere i PAES, seguendo la vocazione energetica di ogni Comune. Una volta che il documento è stato approvato a livello europeo, ne seguiamo anche l’attuazione e ne valutiamo i risultati”. Il primo Piano è stato quello di Potenza, nel 2011, a cui ne sono seguiti dieci l’anno scorso, con l’obiettivo di conseguire al 2020 una riduzione totale di CO2 pari a circa 120.000 tonnellate e un taglio alla CO2 di circa il 27,15% in media per Comune. E altri 16 sono in fase di elaborazione.

Ma l’attività della Società non si è fermata alla sola pianificazione: “In ogni Comune realizziamo noi il primo impianto per la produzione di energia rinnovabile: in questo modo l’amministrazione può contare su energia pulita e un risparmio in bolletta a costo zero, mentre noi ripaghiamo l’investimento grazie agli incentivi del quinto Conto Energia. Abbiamo già realizzato una decina di impianti fotovoltaici, per una per una potenza complessiva di circa 2.000 kilowatt e un investimento totale di 6 milioni di euro”.

L’ultimo è quello entrato in funzione  poco più di una settimana fa nel più grande ospedale della Basilicata, il San Carlo di Potenza: “Le pensiline che coprono i parcheggi sono state dotate di pannelli fotovoltaici, per una potenza totale di circa 700 kW. L’impianto alimenta un intero padiglione e permette all’azienda ospedaliera di risparmiare circa 200.000 euro all’anno per la bolletta energetica, mentre noi recuperiamo l’investimento grazie ad altri 200.000 euro annui di incentivi statali”. A Tito, piccolo paese di 7.000 abitanti del potentino, sui terreni del Comune è stato realizzato un impianto fotovoltaico da 1 megawatt, costato 2 milioni di euro: “La SEL ricava 150.000 euro dalla messa in rete dell’energia e altri 350.000 dagli incentivi del Conto energia. Di questi, 100.000 vanno a finanziare ogni anno la realizzazione di una scuola ad alta efficienza energetica”. In altri casi, sono stati realizzati impianti più piccoli per rendere autosufficienti edifici pubblici di vari tipi: “A Sant’Arcangelo, nel potentino, è stato realizzato anche un impianto da 58 kWp, a servizio del poliambulatorio, mentre a Tursi, in provincia di Matera, una scuola è alimentata interamente dall’energia solare prodotta dai pannelli montati sul tetto”.

La Società Energetica Lucana funziona anche da centrale di committenza: “Nel 2012, i 14 enti pubblici che hanno aderito hanno potuto risparmiare circa un milione di euro sui costi energetici grazie all’acquisto aggregato di energia elettrica e gas. Tutte attività che contribuiscono positivamente a mitigare gli effetti sui cambiamenti climatici con benefici sociali diretti, liberando risorse utili che gli enti possono investire in altre azioni a vantaggio della comunità”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende