Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Solar Energy Group: il km0 resiste al dumping cinese:

Solar Energy Group: il km0 resiste al dumping cinese

maggio 15, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

“Il nostro modello di business ci ha salvato. Noi siamo quelli del chilometro zero, che producono direttamente i pannelli in Italia. Siamo quelli che propongono l’energia solare non come investimento speculativo, ma come soluzione verde che fa risparmiare le famiglie sulle utenze domestiche”. Gianni Commessatti è il direttore commerciale di Solar Energy Group, spa nata nel 2011 a San Daniele del Friuli, in provincia di Udine, dall’unione di due imprese: la storica Solar Systems, che dal 1982 produce, vende e installa impianti per la produzione di energia solare termica, e la giovane Energy System, specializzata in fotovoltaico.

Un matrimonio che ha creato un soggetto particolare, attivo in entrambi i settori con moduli made in Friuli. “Il nostro prodotto di punta oggi è Top7, 4 metri quadrati di solare termico e 3 kw di fotovoltaico. Un abbinamento che riesce ad abbattere di molto i costi energetici delle famiglie. Abbiamo 55.000 clienti, molti dei quali hanno installato l’impianto termico anni fa, e che oggi, soddisfatti dei risultati, si fanno installare sul tetto anche i nostri moduli fotovoltaici”.

L’idea della filiera corta, dell’impianto realizzato a pochi chilometri da casa piuttosto che a migliaia, sostenendo l’economia locale, ha funzionato. “Tutto nasce all’inizio degli anni Ottanta, quando Arrigo Burello, venditore di pannelli per un’altra società, decide di mettersi in proprio, iniziando ad assemblare i pannelli nello stabilimento in provincia di Udine e assumendo dei venditori”. Per due decenni, l’azienda opera soprattutto in Friuli, diffondendo nella regione una tecnologia allora sconosciuta ai più: “E’ frequente vedere villette monofamiliari con il bombolone di accumulo sul tetto, installato da Solar Systems. È la prova di come l’economia e le aziende riescano a cambiare la cultura delle persone”. A metà degli anni 2000 inizia l’espansione nell’area del nord-est e del centro-nord fino a Roma, con la creazione di una rete di venditori e l’apertura di filiali. L’avventura della Energy System, fondata dallo stesso Commessatti, comincia invece nel 2007: “Eravamo specializzati nei grandi impianti, che però, con il progressivo taglio degli incentivi, sono andati diminuendo”. Le due aziende iniziano a collaborare nel 2008, e dopo tre anni, si fondono insieme: “Oggi contiamo sette filiali fisiche e sette virtuali, mentre la produzione avviene tutta in Friuli. Abbiamo 80 dipendenti, più una rete di 150 consulenti energetici”, continua il direttore commerciale.

In tempi di continue incertezze per il settore,  le cose non sono semplici: “Dal 2011 al 2012 abbiamo visto il nostro fatturato dimezzarsi, passando da 33 a 15 milioni di euro. Un calo dovuto soprattutto alla scomparsa dei grossi impianti a causa della riduzione degli incentivi”, spiega Commessatti. Ma c’è vita oltre il Quinto Conto Energia? “Assolutamente sì. Ben venga la fine degli incentivi: sul mercato rimarranno le aziende solide e chiuderanno quelle che hanno fondato il proprio business solo sulle speculazioni. Noi abbiamo sempre venduto risparmio energetico: i nostri consulenti non propongono mai un impianto fotovoltaico come un investimento per guadagnare, ma come un modo per ridurre l’importo delle bollette”.

La ricetta per rimanere sul mercato, per il gruppo friulano, è fatta di produzione locale e piccoli impianti. Una formula in grado di resistere anche al dumping delle aziende cinesi, sulla cui testa pendono i dazi doganali promessi dall’Unione europea per reagire ai prezzi stracciati dei moduli asiatici. “Noi siamo quelli del chilometro zero: le persone vengono da noi perché vendiamo un prodotto italiano, e siamo in grado di coprire tutti i passaggi, fino all’installazione. Bisogna poi considerare anche il fatto che oggi il costo del pannello incide molto meno di prima sulla spesa totale dell’impianto, dal 20% al 40%”. La parola d’ordine è andare avanti: “Siamo in forte fase di espansione, apriamo una filiale ogni tre mesi e abbiamo già un avamposto in Sicilia. D’altra parte il 90% dei tetti italiani è ancora scoperto”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende