Home » Bollettino Europa »Rubriche » Sole cinese e vento silenzioso. UE contrasta i moduli cinesi e spinge sull’eolico innovativo:

Sole cinese e vento silenzioso. UE contrasta i moduli cinesi e spinge sull’eolico innovativo

ottobre 15, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

La Cina è vicina” titolava un vecchio film. Ma se in quel caso era una questione politica, nel nostro si tratta di pannelli fotovoltaici. Il Paese è, infatti, il gigante mondiale incontrastato nella fabbricazione e nel commercio di questo tipo di tecnologia anche nell’Unione Europea. Tuttavia, proprio sul territorio del Vecchio Continente i pannelli cinesi sono diventati un argomento scottante. Complice l’apertura di un procedimento antidumping avviato contro la Repubblica Popolare dalla Commissione Europea. Che, nonostante le scuse pubbliche del Governo di Pechino, attraverso il Commissario per il Commercio Karel De Gucht, fa saper di non essere intenzionata a fare marcia indietro.

A spingere all’azione l’Esecutivo di Bruxelles era stata la denuncia lanciata dall’azienda EU Pro Sun, che si è fatta portavoce di un gruppo di imprese europee che realizzano il 25% dei moduli fotovoltaici presenti sul mercato, compresi i loro componenti: celle e wafer. Le rimostranze sollevate pongono l’accento sull’inarrestabile e sempre più cospicuo volume delle importazioni di pannelli cinesi, che hanno causato ripercussioni negative sul livello dei prezzi. I produttori cinesi riescono, infatti, ad abbassare i costi e ad imporsi sul mercato attraverso l’utilizzo di materiale scadente. Secondo il gruppo di aziende, per permettere ai paesi dell’UE di operare con profitto, il prezzo dei moduli solari e dei wafer cinesi dovrebbe subire un rincaro del 120%.

Ancora prima di 15 mesi, il tempo canonico dell’indagine, la Commissione potrebbe introdurre, quindi, misure protezionistiche per arginare il fenomeno, sulla falsa riga di quelle adottate poco tempo fa dagli Stati Uniti. Potrebbe però essere troppo tardi. La maggioranza delle aziende europee sono in ginocchio, persino quelle tedesche, che fino a poco tempo fa erano leader nella produzione di celle, il 90% delle quali, oggi, è “Made in China”. Discorso a parte per i produttori italiani, che sembrano, chissà ancora per quanto, restare a galla. Principalmente grazie agli incentivi governativi, assicurati fino al 2016, e alle regole più restrittive introdotte dal Gestore dei Servizi Energetici per le fonti rinnovabili (GSE). Tuttavia, gli imprenditori della Penisola, affatto rassicurati da ciò, indicano nel Canada l’esempio da seguire. Questo Paese, infatti, attraverso una politica di incentivazione forte e capillare è riuscito ad evitare azioni antidumping che, sottolineano gli esperti del settore, non a torto, vengono ora attuate dall’UE quando ormai “i buoi sono scappati dal recinto”.

Se, tuttavia, il settore fotovoltaico è dominato dai cinesi, l’Europa è leader nelle tecnologie legate ad un’altra fonte di energia pulita, quella eolica, un settore in rapida crescita. Nel 2008 il 5% dell’elettricità prodotta in Europa è venuto dal vento. A proposito del quale la Commissione europea ha reso noti i risultati di un recente studio che esamina le tecniche per la riduzione del rumore causato dalle turbine. Una delle resistenze più forti rispetto alla loro installazione riguarda, infatti, l’inquinamento acustico dovuto all’impatto del vento sulle pale, alla loro rotazione e agli organi di trasmissione. L’inquinamento acustico rappresenta quindi uno svantaggio che limita l’istallazione dei parchi eolici, che devono essere ubicati in base alla presenza o meno di persone, animali e fauna selvatica. Il rumore ha, infatti, conseguenze ambientali, può disturbare, per esempio, uccelli, pipistrelli e altre specie che vivono vicino alle centrali di produzione dell’energia. Diverse normative comunitarie, comprese la Direttiva Habitat e Uccelli e la Direttiva sulla valutazione dell’impatto ambientale, hanno stabilito le regole che devono essere rispettate durante lo sviluppo di questo tipo di tecnologia. Lo studio fornisce una panoramica dei diversi tipi di rumore causato dalle turbine eoliche, e metodi possibili per ridurli. Le turbine producono rumore sia meccanico sia aerodinamico. Il primo tipo è generato da componenti quali generatori e cambi, il secondo, più significativo, viene dal movimento delle pale delle turbine. Può essere ridotto cambiando l’angolo di inclinazione delle lame o la loro velocità di rotazione, ma questi approcci influenzano la potenza. Per questo motivo chi progetta e sviluppa tecnologia legata all’energia eolica punta alla modifica della forma della lama e all’aggiunta di spazzole ai loro bordi.

Tuttavia, è necessario che la ricerca scientifica vada anche verso la riduzione dell’impatto visivo dei parchi eolici per ridurre sempre di più l’impiego dei combustibili fossili e raggiungere così alcuni degli obiettivi della Strategia 2020. A sostegno dell’innovazione nel campo delle fonti energetiche rinnovabili si è espressa, in settimana, Connie Headegaard, Commissario europeo responsabile dell’Azione per il clima. Lo ha fatto in concomitanza del lancio di una campagna di comunicazione dal motto: “Il mondo che ti piace. Con il clima che ti piace”, che fa parte del più ampio progetto “Tabella di marcia verso un’economia competitiva a basse emissioni di carbonio nel 2050“, presentata dalla Commissione nel marzo 2011. L’iniziativa, nello specifico, intende riflettere su soluzioni pratiche relative ai cambiamenti climatici per promuovere maggiori investimenti in tecnologie pulite e infrastrutture dimostrando, così, che agire in questo campo aumenta il benessere dei cittadini europei sia sotto il profilo della salute, sia dal punto di vista economico. In concreto, si tratta d un sito Internet disponibile in ben ventitré lingue che si pone l’obiettivo di essere una piattaforma attraverso la quale cittadini, imprese, organizzazioni non governative, istituzioni pubbliche e università potranno promuovere e discutere proposte innovative per abbassare le emissioni di carbonio. In questo modo, la Commissione auspica anche la nascita di partenariati tra soggetti diversi. Sono già più di settanta le realtà, provenienti da tutta Europa, che hanno aderito al progetto. L’intenzione è quella di attrarre sempre più partner durante lo sviluppo della campagna che proseguirà fino al 2013. Dopo la cerimonia di lancio tenutasi a Londra, verranno organizzati altri eventi in diversi Stati membri, come Bulgaria, Italia, Polonia e Portogallo. “Con questa campagna vogliamo porre al centro del dibattito le iniziative concrete“. Ha dichiarato la Headegaard, portando come esempio quello di Stoccolma, dove, nella stazione centrale, il calore corporeo dei pendolari viene utilizzato per riscaldare gli uffici situati nelle vicinanze. Oppure la Danimarca, Pese in cui una semplice scuola, attraverso l’energia solare, arriva a risparmiare trentamila euro l’anno, liberando così risorse da investire in altri campi. Soluzioni, queste, che vanno a beneficio di tutti i cittadini.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende