Home » Rubriche »Very Important Planet » Solo con il vento. Michele Zambelli, il campione della Mini Transat, la traversata oceanica senza motore:

Solo con il vento. Michele Zambelli, il campione della Mini Transat, la traversata oceanica senza motore

maggio 27, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Solcare mari e oceani di tutto il mondo, un sogno nato da adolescente nella sua Rivera Romagnola diventato realtà. Il giovane velista Michele Zambelli, classe 1990 e culla a Forlì, in pochi anni ha navigato in mezzo mondo con ottimo successo. A 15 anni conosce il mitico Cino Ricci (come si racconta nella biografia/romanzo scritta con il giornalista de La Stampa Fabio Pozzo “Odiavo i velisti“) e raggiunge le coste della Croazia. Nel 2011 sale sul primo podio internazionale, regata Bretagna – Spagna, e diventa campione italiano, nel 2013 è il più giovane italiano a partecipare alla Mini Transat – un delle transoceaniche  più dure – e finisce 10°. Ci riprova nel 2015 dove chiude 6°, il miglior risultato italiano di sempre. Il prossimo obiettivo e la Ostar, la prima regata transoceanica in solitario navigando con i venti contrari del Nord. Ecco cosa ha raccontato a Greenews.info.

D) Michele una delle esperienze più forti della tua carriera di navigatore è stata la Mini Transat, una regata povera rispetto al gigantismo finanziario di altre competizioni, dove si naviga in un guscio di noce di poco più di sei metri, dalla Francia al Brasile, da soli, senza motore e senza possibilità di comunicare con il mondo. Navigazione a stretto contatto con la natura?

R) Una grande esperienza di vita. Una delle poche regate senza un goccio di prodotti fossili, senza motore. Una consapevolezza che hai quando molli gli ormeggi e ti ritrovi da solo con il vento. Considera che non hai nessun contatto con la terra e vieni catapultato in questo estremo e assordante silenzio con il mare. Questa è la scelta del Mini 6.50, un’esperienza trascendentale, anche se soffri quando manca il vento. Oggi sono passato a barche più grandi, con il motore, ed è una navigazione  più comoda ma hai questo mostro a bordo, quando arrivi in porto non sei puro come con il Mini. Prima c’era l’ adrenalina dell’ormeggio, ora il rumore, la puzza di nafta, il fumo. Non è la stessa purezza, anche se navighiamo a vela ogni tanto si deve accendere il motore per ricaricare la batteria. Un compromesso.

D) I pericoli maggiori che si corrono in mare con la barca a vela?

R) I rifiuti, arrivano da terra, tutto ciò che è messo li dall’uomo. Gli abbordi con le altre navi, gli urti con i container, gli oggetti non riconosciuti. Ci sono tanti pericoli…

D) E si naviga pure tra i rifiuti?

R) Il Mediterraneo ne è pieno, in alcune zone di mare invece del bianco dell’onda si vede quello delle scatole dei pescatori, poi le bottiglie. Una volta ho visto un pesce, uno da venti chili, imprigionato dentro il cestello della centrifuga di una lavatrice che galleggiava. Ero troppo veloce e non sono riuscito a fermarmi purtroppo…

D) Secondo te qual è l’emergenza ambientale più urgente per il pianeta?

R) Stiamo facendo un peccato mortale a tirare fuori tutto quello che è sottoterra! Siamo al mondo perchè certe cose sono lì sotto – vedi i gas o i combustibili fossili – ma andiamo a prenderle e usarle e questo è male. Corriamo inconsciamente ad autodistruggerci, dobbiamo trovare una soluzione.

D) Chiaro: stop a trivellazioni ed estrazioni, sfondi una porta aperta, ma l’alternativa?

R) Semplice, usare altre fonti naturali come il sole, il vento, il calore del mare – ovvero le energie rinnovabili!

D) Nel tuo piccolo cosa fai per rispettare l’ambiente quando navighi? Si dice che metti addirittura in tasca  i mozziconi delle sigarette!

R) Si è vero, ma aggiungo purtroppo, perché è il sistema più veloce ma più dannoso per usurare i miei pantaloni! Uso anche  una bottiglietta vuota,  non è un bel spettacolo perché ti rendi conto del veleno che ti metti dentro, con limone e caffè per evitare la puzza. Inquinare l’acqua è come darmi una martellata perché dal mare ci vivo. Raccolgo tutto comunque anche in montagna, anche la carta biodegradabile!

D) Organizzi molti corsi per velisti, gli trasmetti anche delle regole di comportamento ambientale?

R) Trasmetto l’etica della Tribù del Vento, la mia associazione. Si tratta di una serie di regolette interessanti per diventare un buon guerriero della tribù, le  ho pubblicate anche nel mio sito . Il mare va rispettato, almeno per scaramanzia. Se ti comporti male, te la fa pagare. La vedo come un marinaio all’antica.

D) La vela può aiutare la difesa dell’ambiente, essere  un esempio?

R )Penso al riciclo: nella vita di tutti i giorni non si ripara più niente e gli oggetti si buttano via. La cultura marinaresca ti aiuta a riparare le cose, quando sei in barca in mezzo all’Oceano e si rompe qualcosa devi essere capace di aggiustarlo  da solo. E’ una capacità che devi avere. Bisogna recuperare questa cultura perché fa bene all’ambiente, ma anche all’uomo, alla sua anima…

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

ottobre 15, 2020

Torna il “Green Talk” della 1000Miglia Green, in diretta streaming

“Green Talk”, seconda edizione del convegno firmato 1000 Miglia Green, torna mercoledì 21 ottobre 2020 alle 10.30, in collaborazione con Symbola, Fondazione per le qualità italiane, che da diversi anni stila il rapporto italiano sulle eccellenze del settore e-mobility. Il Green Talk nasce allo scopo di approfondire le tematiche della sostenibilità, con particolare attenzione e riferimento [...]

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

ottobre 9, 2020

IMAG-E tour 2020: mobilità elettrica e solidarietà ai tempi del Covid-19

L’edizione 2020 di IMAG-E tour non poteva che prendere avvio dai messaggi per la “ripartenza” dopo l’onda lunga del lockdown: più attenzione alla salute e all’ambiente, transizione concreta alla green economy, solidarietà tra i vari settori produttivi e collaborazione tra il pubblico e il privato. Tutte missioni che oggi, grazie anche ai fondi europei previsti [...]

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende