Home » Rubriche »Very Important Planet » Solo con il vento. Michele Zambelli, il campione della Mini Transat, la traversata oceanica senza motore:

Solo con il vento. Michele Zambelli, il campione della Mini Transat, la traversata oceanica senza motore

maggio 27, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Solcare mari e oceani di tutto il mondo, un sogno nato da adolescente nella sua Rivera Romagnola diventato realtà. Il giovane velista Michele Zambelli, classe 1990 e culla a Forlì, in pochi anni ha navigato in mezzo mondo con ottimo successo. A 15 anni conosce il mitico Cino Ricci (come si racconta nella biografia/romanzo scritta con il giornalista de La Stampa Fabio Pozzo “Odiavo i velisti“) e raggiunge le coste della Croazia. Nel 2011 sale sul primo podio internazionale, regata Bretagna – Spagna, e diventa campione italiano, nel 2013 è il più giovane italiano a partecipare alla Mini Transat – un delle transoceaniche  più dure – e finisce 10°. Ci riprova nel 2015 dove chiude 6°, il miglior risultato italiano di sempre. Il prossimo obiettivo e la Ostar, la prima regata transoceanica in solitario navigando con i venti contrari del Nord. Ecco cosa ha raccontato a Greenews.info.

D) Michele una delle esperienze più forti della tua carriera di navigatore è stata la Mini Transat, una regata povera rispetto al gigantismo finanziario di altre competizioni, dove si naviga in un guscio di noce di poco più di sei metri, dalla Francia al Brasile, da soli, senza motore e senza possibilità di comunicare con il mondo. Navigazione a stretto contatto con la natura?

R) Una grande esperienza di vita. Una delle poche regate senza un goccio di prodotti fossili, senza motore. Una consapevolezza che hai quando molli gli ormeggi e ti ritrovi da solo con il vento. Considera che non hai nessun contatto con la terra e vieni catapultato in questo estremo e assordante silenzio con il mare. Questa è la scelta del Mini 6.50, un’esperienza trascendentale, anche se soffri quando manca il vento. Oggi sono passato a barche più grandi, con il motore, ed è una navigazione  più comoda ma hai questo mostro a bordo, quando arrivi in porto non sei puro come con il Mini. Prima c’era l’ adrenalina dell’ormeggio, ora il rumore, la puzza di nafta, il fumo. Non è la stessa purezza, anche se navighiamo a vela ogni tanto si deve accendere il motore per ricaricare la batteria. Un compromesso.

D) I pericoli maggiori che si corrono in mare con la barca a vela?

R) I rifiuti, arrivano da terra, tutto ciò che è messo li dall’uomo. Gli abbordi con le altre navi, gli urti con i container, gli oggetti non riconosciuti. Ci sono tanti pericoli…

D) E si naviga pure tra i rifiuti?

R) Il Mediterraneo ne è pieno, in alcune zone di mare invece del bianco dell’onda si vede quello delle scatole dei pescatori, poi le bottiglie. Una volta ho visto un pesce, uno da venti chili, imprigionato dentro il cestello della centrifuga di una lavatrice che galleggiava. Ero troppo veloce e non sono riuscito a fermarmi purtroppo…

D) Secondo te qual è l’emergenza ambientale più urgente per il pianeta?

R) Stiamo facendo un peccato mortale a tirare fuori tutto quello che è sottoterra! Siamo al mondo perchè certe cose sono lì sotto – vedi i gas o i combustibili fossili – ma andiamo a prenderle e usarle e questo è male. Corriamo inconsciamente ad autodistruggerci, dobbiamo trovare una soluzione.

D) Chiaro: stop a trivellazioni ed estrazioni, sfondi una porta aperta, ma l’alternativa?

R) Semplice, usare altre fonti naturali come il sole, il vento, il calore del mare – ovvero le energie rinnovabili!

D) Nel tuo piccolo cosa fai per rispettare l’ambiente quando navighi? Si dice che metti addirittura in tasca  i mozziconi delle sigarette!

R) Si è vero, ma aggiungo purtroppo, perché è il sistema più veloce ma più dannoso per usurare i miei pantaloni! Uso anche  una bottiglietta vuota,  non è un bel spettacolo perché ti rendi conto del veleno che ti metti dentro, con limone e caffè per evitare la puzza. Inquinare l’acqua è come darmi una martellata perché dal mare ci vivo. Raccolgo tutto comunque anche in montagna, anche la carta biodegradabile!

D) Organizzi molti corsi per velisti, gli trasmetti anche delle regole di comportamento ambientale?

R) Trasmetto l’etica della Tribù del Vento, la mia associazione. Si tratta di una serie di regolette interessanti per diventare un buon guerriero della tribù, le  ho pubblicate anche nel mio sito . Il mare va rispettato, almeno per scaramanzia. Se ti comporti male, te la fa pagare. La vedo come un marinaio all’antica.

D) La vela può aiutare la difesa dell’ambiente, essere  un esempio?

R )Penso al riciclo: nella vita di tutti i giorni non si ripara più niente e gli oggetti si buttano via. La cultura marinaresca ti aiuta a riparare le cose, quando sei in barca in mezzo all’Oceano e si rompe qualcosa devi essere capace di aggiustarlo  da solo. E’ una capacità che devi avere. Bisogna recuperare questa cultura perché fa bene all’ambiente, ma anche all’uomo, alla sua anima…

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende