Home » Rubriche »Very Important Planet » Solo con il vento. Michele Zambelli, il campione della Mini Transat, la traversata oceanica senza motore:

Solo con il vento. Michele Zambelli, il campione della Mini Transat, la traversata oceanica senza motore

maggio 27, 2016 Rubriche, Very Important Planet

Solcare mari e oceani di tutto il mondo, un sogno nato da adolescente nella sua Rivera Romagnola diventato realtà. Il giovane velista Michele Zambelli, classe 1990 e culla a Forlì, in pochi anni ha navigato in mezzo mondo con ottimo successo. A 15 anni conosce il mitico Cino Ricci (come si racconta nella biografia/romanzo scritta con il giornalista de La Stampa Fabio Pozzo “Odiavo i velisti“) e raggiunge le coste della Croazia. Nel 2011 sale sul primo podio internazionale, regata Bretagna – Spagna, e diventa campione italiano, nel 2013 è il più giovane italiano a partecipare alla Mini Transat – un delle transoceaniche  più dure – e finisce 10°. Ci riprova nel 2015 dove chiude 6°, il miglior risultato italiano di sempre. Il prossimo obiettivo e la Ostar, la prima regata transoceanica in solitario navigando con i venti contrari del Nord. Ecco cosa ha raccontato a Greenews.info.

D) Michele una delle esperienze più forti della tua carriera di navigatore è stata la Mini Transat, una regata povera rispetto al gigantismo finanziario di altre competizioni, dove si naviga in un guscio di noce di poco più di sei metri, dalla Francia al Brasile, da soli, senza motore e senza possibilità di comunicare con il mondo. Navigazione a stretto contatto con la natura?

R) Una grande esperienza di vita. Una delle poche regate senza un goccio di prodotti fossili, senza motore. Una consapevolezza che hai quando molli gli ormeggi e ti ritrovi da solo con il vento. Considera che non hai nessun contatto con la terra e vieni catapultato in questo estremo e assordante silenzio con il mare. Questa è la scelta del Mini 6.50, un’esperienza trascendentale, anche se soffri quando manca il vento. Oggi sono passato a barche più grandi, con il motore, ed è una navigazione  più comoda ma hai questo mostro a bordo, quando arrivi in porto non sei puro come con il Mini. Prima c’era l’ adrenalina dell’ormeggio, ora il rumore, la puzza di nafta, il fumo. Non è la stessa purezza, anche se navighiamo a vela ogni tanto si deve accendere il motore per ricaricare la batteria. Un compromesso.

D) I pericoli maggiori che si corrono in mare con la barca a vela?

R) I rifiuti, arrivano da terra, tutto ciò che è messo li dall’uomo. Gli abbordi con le altre navi, gli urti con i container, gli oggetti non riconosciuti. Ci sono tanti pericoli…

D) E si naviga pure tra i rifiuti?

R) Il Mediterraneo ne è pieno, in alcune zone di mare invece del bianco dell’onda si vede quello delle scatole dei pescatori, poi le bottiglie. Una volta ho visto un pesce, uno da venti chili, imprigionato dentro il cestello della centrifuga di una lavatrice che galleggiava. Ero troppo veloce e non sono riuscito a fermarmi purtroppo…

D) Secondo te qual è l’emergenza ambientale più urgente per il pianeta?

R) Stiamo facendo un peccato mortale a tirare fuori tutto quello che è sottoterra! Siamo al mondo perchè certe cose sono lì sotto – vedi i gas o i combustibili fossili – ma andiamo a prenderle e usarle e questo è male. Corriamo inconsciamente ad autodistruggerci, dobbiamo trovare una soluzione.

D) Chiaro: stop a trivellazioni ed estrazioni, sfondi una porta aperta, ma l’alternativa?

R) Semplice, usare altre fonti naturali come il sole, il vento, il calore del mare – ovvero le energie rinnovabili!

D) Nel tuo piccolo cosa fai per rispettare l’ambiente quando navighi? Si dice che metti addirittura in tasca  i mozziconi delle sigarette!

R) Si è vero, ma aggiungo purtroppo, perché è il sistema più veloce ma più dannoso per usurare i miei pantaloni! Uso anche  una bottiglietta vuota,  non è un bel spettacolo perché ti rendi conto del veleno che ti metti dentro, con limone e caffè per evitare la puzza. Inquinare l’acqua è come darmi una martellata perché dal mare ci vivo. Raccolgo tutto comunque anche in montagna, anche la carta biodegradabile!

D) Organizzi molti corsi per velisti, gli trasmetti anche delle regole di comportamento ambientale?

R) Trasmetto l’etica della Tribù del Vento, la mia associazione. Si tratta di una serie di regolette interessanti per diventare un buon guerriero della tribù, le  ho pubblicate anche nel mio sito . Il mare va rispettato, almeno per scaramanzia. Se ti comporti male, te la fa pagare. La vedo come un marinaio all’antica.

D) La vela può aiutare la difesa dell’ambiente, essere  un esempio?

R )Penso al riciclo: nella vita di tutti i giorni non si ripara più niente e gli oggetti si buttano via. La cultura marinaresca ti aiuta a riparare le cose, quando sei in barca in mezzo all’Oceano e si rompe qualcosa devi essere capace di aggiustarlo  da solo. E’ una capacità che devi avere. Bisogna recuperare questa cultura perché fa bene all’ambiente, ma anche all’uomo, alla sua anima…

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende