Home » Bollettino Europa »Rubriche » Sostenibilità idrica, carne agli ormoni e contabilizzazione CO2: la lunga settimana UE:

Sostenibilità idrica, carne agli ormoni e contabilizzazione CO2: la lunga settimana UE

marzo 19, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

Dall’ultima plenaria del Parlamento Europeo, tenutasi la scorsa settimana a Strasburgo, arriva una notizia di rilevanza per la salute dei cittadini europei, ma anche per le relazioni commerciali tra l’Unione Europea, gli Stati Uniti e il Canada.

Lo scorso 14 marzo gli eurodeputati hanno infatti approvato alcune concessioni per porre fine alla controversia sul commercio di carne agli ormoni. L’accordo raggiunto consente all’UE di mantenere il divieto di importare bovini trattati con ormoni, in cambio di un aumento delle quantità di carne bovina di alta qualità che potrà essere importata nell’UE da Stati Uniti e Canada. L’accordo aumenterà il contingente tariffario dell’Unione fino a 48.200 tonnellate. In contropartita, gli Stati Uniti e il Canada hanno già sospeso le sanzioni di ritorsione applicate su prodotti provenienti da 26 Stati membri (tutti tranne il Regno Unito), il cui valore ammonta, in base alle attuali condizioni commerciali, a oltre 250 milioni di dollari.

La controversia sugli ormoni della carne bovina ha avuto ripercussioni negative sulle relazioni commerciali transatlantiche sin dal 1988, quando l’UE, per tutelare la sicurezza alimentare dei consumatori, aveva vietato l’importazione di carni bovine trattate con determinati ormoni di crescita. Nel 1996 gli Stati Uniti e il Canada, i più colpiti dal divieto, hanno presentato ricorso all’organo di conciliazione dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, ottenendo l’autorizzazione a imporre sanzioni commerciali sui prodotti provenienti dall’UE. L’applicazione di dazi di ritorsione su determinati prodotti europei ha ostacolato ovviamente le esportazioni, con conseguenti perdite di quote di mercato per i produttori comunitari. Alcuni dei principali prodotti europei oggetto delle sanzioni erano di origine italiana, come ad esempio i tartufi. L‘Italia sarà infatti fra i maggiori beneficiari del nuovo accordo, per un valore commerciale di almeno 99 milioni di dollari.

La scorsa settimana è stata anche la settimana di apertura del Forum Mondiale dell’Acqua. Gli eurodeputati si sono dunque confrontati sul tema lo scorso 15 marzo approvando una proposta di risoluzione, presentata a nome della Commissione Ambiente, Salute Pubblica e Sicurezza Alimentare. Tra gli obiettivi della risoluzione quello di considerare la salute pubblica e la tutela dell’ambiente quali priorità di ogni politica di gestione dell’acqua, sottolineando il ruolo fondamentale che la tutela delle risorse idriche potabili riveste per la salute umana. A questo proposito il Parlamento ha invitato a pianificare e attuare, a livello di bacini idrografici, misure che coprano l’intero ciclo idrologico, rilevando che l’inquinamento idrico dovrebbe essere affrontato alla fonte, limitando la quantità di sostanze nocive che entrano nell’ambiente e nelle aree in cui si trovano risorse idriche potabili. Anche in questo ambito la convinzione sembra dunque quella di proseguire saldamente nell’applicazione del principio “chi inquina paga”, che dovrebbe diventare prassi comune in tutte le aree di intervento UE.

Sempre in occasione del 6° Forum Mondiale dell’Acqua, il rappresentante di turno degli Stati membri dell’UE, il Ministro danese per l’Ambiente Ida Auken, ha firmato, a Marsiglia, un accordo di collaborazione nel settore idrico con la Cina. L’obiettivo europeo è di aumentare le esportazioni di tecnologie green verso il gigante orientale. Nei prossimi dieci anni, la Cina ha infatti in programma una spesa di 470 miliardi di euro solo nel settore dell’acqua e, riconosciuta la superiorità del know-how europeo riguardante la gestione idrica, la protezione delle risorse idriche naturali, e i meccanismi di depurazione delle acque di scarto, ha deciso di affidarsi al vecchio continente per sviluppare una politica di sostenibilità ambientale più strutturata.

Nel frattempo, a Bruxelles, lo scorso 12 marzo la Commissione Europea ha adottato una nuova proposta per la contabilizzazione delle emissioni dei gas a effetto serra nel settore forestale e in quello agricolo, settori ancora privi di una normativa UE a riguardo. Per comprendere l’importanza della proposta, basti pensare che aumentare la quantità di carbonio “intrappolato” nei terreni agricoli e nelle foreste di soli 0,1 punti percentuali, ad esempio mediante una migliore gestione forestale o dei pascoli, permetterebbe di eliminare l’equivalente delle emissioni annue nell’atmosfera di 100 milioni di automobili.

Fino ad oggi gli sforzi degli agricoltori virtuosi e le buone pratiche dei proprietari di foreste per trattenere il carbonio presente nelle foreste e nei suoli, non erano invece riconosciuti, anche a causa della difficoltà di ottenere dati affidabili e alla mancanza di norme comuni sulla contabilizzazione delle emissioni e degli assorbimenti. Ora, in seguito alla decisione della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC) circa le nuove norme di contabilizzazione del carbonio, adottata nel dicembre 2011, l’UE si è decisa a stabilire uno standard comune nella propria politica climatica, fornendo nuove opportunità, ad esempio per ricompensare gli agricoltori per il loro contributo alla lotta contro i cambiamenti climatici nel contesto della Politica Agricola Comune. La proposta della Commissione dovrà adesso essere presentata al Parlamento Europeo e al Consiglio, per approvazione, nell’ambito della procedura legislativa ordinaria dell’Unione.

Donatella Scatamacchia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende