Home » Bollettino Europa »Rubriche » Spendere meno e spendere meglio. La UE rivede la legislazione sugli aiuti di Stato per ambiente e energia:

Spendere meno e spendere meglio. La UE rivede la legislazione sugli aiuti di Stato per ambiente e energia

giugno 1, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

È nata martedì 26 maggio la “European Smart specialisation platform on energy”. Lo strumento attraverso il quale la Commissione Europea si impegna ad aiutare le Regioni a spendere in maniera più efficace ed efficiente i fondi targati UE.

Per il periodo 2014-2020 sono oltre 38 i miliardi di euro di finanziamenti della politica di coesione che saranno investiti per la strategia dell’Unione dell’Energia e il passaggio ad un’economia a basse emissioni di carbonio in tutti i settori“, ha detto il Commissario UE alle politiche regionali Corina Cretu. La quale ha aggiunto che questa cifra “rappresenta più del doppio dei finanziamenti previsti a questo scopo nel periodo precedente“.

In primo luogo, infatti, l’idea della piattaforma è quella di contribuire alla strategia dell’”Unione dell’Energia”. Coordinando e allineando al meglio le attività nel campo energetico a livello nazionale, regionale e locale. Un’ occasione per incentivare lo sviluppo sostenibile in tutte le regioni del Vecchio Continente.

La piattaforma intende, quindi, dare la possibilità agli Enti Locali di condividere le loro esperienze e conoscenze sugli investimenti dedicati all’energia sostenibile e in particolare nella diffusione delle tecnologie innovative che “tagliano” le emissioni di CO2.

Attraverso questa iniziativa la Commissione UE auspica un aumento della competitività e della crescita economica delle Regioni, assicurando forniture di “energia sostenibile”.

Un altro incentivo agli investimenti green arriva dalla revisione della legislazione sugli aiuti di Stato. Cioè tutti quei finanziamenti a favore di imprese provenienti direttamente dallo Stato o da imprese pubbliche. Nell’Unione Europea sono sostanzialmente vietati perché danneggiano la concorrenza all’interno del mercato comune. Ecco il motivo per cui sono controllati dalla Commissione che li autorizza in deroga.

La nuova modifica è già stata approvata dall’Autorità di Vigilanza dell’Associazione Europea di Libero Scambio (EFTA) e prevede l’introduzione di una nuova disciplina “a favore dell’ambiente e dell’energia 2014-2020″. L’Autorità ha stabilito le condizioni alle quali gli aiuti a favore dell’energia e dell’ambiente possono essere considerati “compatibili” con il funzionamento dell’accordo sullo Spazio Economico Europeo, individuando una serie di aiuti compatibili. A partire da quelli intesi a realizzare un livello di tutela dell’ambiente superiore a quello assicurato dalle norme dell’Unione o a innalzarlo in assenza di norme dell’Unione (inclusi gli aiuti per l’acquisto di nuovi veicoli adibiti al trasporto). Gli aiuti per l’adeguamento anticipato a future norme dell’Unione; quelli dedicati agli studi ambientali e quelli per il risanamento di siti contaminati. Le risorse impiegate a favore dell’energia da fonti rinnovabili; gli aiuti a sostegno di misure di efficienza energetica, compresi cogenerazione, teleriscaldamento e teleraffreddamento. Rientrano nella lista anche gli aiuti per l’uso efficiente delle risorse e, in particolare, per la gestione dei rifiuti. Presi in considerazione anche quello per la cattura, il trasporto e lo stoccaggio di CO2, inclusi singoli elementi della catena del sistema di cattura e stoccaggio di CO2. Gli sgravi e le esenzioni da tasse ambientali; gli aiuti sotto forma di riduzione dell’onere di finanziamento a sostegno della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Le sovvenzioni per le infrastrutture energetiche; aiuti per l’adeguatezza della capacità di produzione; aiuti sotto forma di autorizzazioni “scambiabili” (questo punto non è chiaro); aiuti per il trasferimento di imprese.

La disciplina indica però anche delle eccezioni. Non si applica, per esempio, alla concezione e alla fabbricazione di prodotti, di macchine o di mezzi di trasporto ecologici al fine di ridurre l’impiego di risorse naturali, né alle azioni intraprese all’interno di stabilimenti o altri impianti produttivi al fine di migliorare la sicurezza o l’igiene. Così come è escluso il finanziamento di misure di tutela dell’ambiente relative alle infrastrutture del trasporto aereo, stradale, ferroviario, marittimo e lungo vie navigabili interne.

È interessante notare, poi, che, nel nuovo documento vengono esaminati, inoltre, gli impatti negativi delle sovvenzioni dannose per l’ambiente tenendo conto dei “necessari compromessi” tra settori e politiche diversi.

L’EFTA invita, tuttavia, ad adottare un approccio comune basato sul rafforzamento del mercato interno, promuovendo una maggiore efficacia della spesa pubblica mediante un migliore contributo degli aiuti di Stato al perseguimento di target di interesse comune tra cui una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, tenendo conto degli obiettivi di politica ambientale.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende