Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Spin8 e la ricarica veloce: il futuro della mobilità elettrica si gioca sul fattore T:

Spin8 e la ricarica veloce: il futuro della mobilità elettrica si gioca sul fattore T

aprile 13, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Auto elettrica? Eppur si muove. In Olanda in Parlamento si discute la proposta di bandire dal 2025 le auto con alimentazione a benzina e gasolio per aprire la strada ai veicoli ad emissioni zero, alcune (non tutte) case automobilistiche lanciano nuovi modelli. E ‘ il caso della Tesla, che ha conquistato, oltre ogni previsione, decine di migliaia di automobilisti mondiali in corsa per le prenotazioni della nuova Model 3. Ma non sono tutte rose e fiori, resta il problema delle stazioni di ricarica veloce. Non mancano promesse e annunci, ma ci sono anche  programmi e sperimentazioni che fanno ben sperare. Una “scossa” arriva da una start up, Spin8, nata dall’incontro tra un soggetto privato, Resnova, e il gruppo di ricerca di Economia Aziendale e Ingegneria Industriale dell’Università della Tuscia.

Dal pensiero all’azione, dal progetto alla strada, con l’inaugurazione, lo scorso 15 dicembre, in centro a Milano nel garage di via Ariberto, di una colonnina fast charge. Buoni i risultati: 14mila km elettrici ricaricati nel primo trimestre. Un’ esperienza positiva per Karin Fischer, CEO della start up, che pensa positivo, in base ai numeri. “In tre mesi di attività la colonnina fast charge ha ricaricato oltre 110 ore, permettendo di percorrere 14mila chilometri completamente elettrici, con un risparmio di 1.706 kg di CO2 non emessa nell’aria”. Si respira aria buona e ottimismo in casa Spin8: “Questi primi mesi hanno dimostrato come sia possibile cambiare realmente le abitudini di guida e di ricarica, gli automobilisti si adattano molto rapidamente alle nuove opportunità“.

Servono tecnologie dunque, ma anche tanto sano marketing che non si traduce solo in campagne pubblicitarie, ma nel trovare la soluzione giusta alle esigenze del cliente. In questo caso è determinante il fattore tempo: ” I nostri stili di vita sono cambiati, i minuti necessari per la carica devono essere recuperati dal consumatore. Per questo motivo noi abbiamo pensato ad una localizzazione che garantisca l’offerta di servizi integrati che creino, a loro volta, valore per il territorio”, spiega Karin Fischer. “Permettere al cliente di fare shopping mentre l’auto ricarica. Un tema che interessa il settore degli hotel, dei supermercati, dei centri commerciali naturali come dimostrano le esperienze estere”. In altri termini e pur con una sintesi estrema: quando l’auto ricarica, si può andare a far la spesa, dal parrucchiere o dall’estetista.

Un altro esempio rende bene l’idea. “Abbiamo sperimentato un viaggio elettrico, direzione Monaco di Baviera. Lungo il percorso, in Austria, avevamo necessità di ricaricare e con il navigatore abbiamo individuato il punto. Una deviazione di una decina di chilometri fino ad un ristorante dove il proprietario aveva installato 20 Kw, tempo necessario 1 ora e mezza – ricorda la manager – quello necessario per un buon pranzo. Senza il servizio non saremo mai andati in quel locale!”. Una piccola storia molto illuminante, che conferma la possibilità, se si pensa in modo globale, di incrementare e potenziare la rete nazionale.

Qualcosa però si muove, come dimostra l’annuncio del Comune di Milano, in partnership con Nissan e A2A, sulla mobilità elettrica. Sono in arrivo altre 12 colonnine di ricarica rapida, previste per fine maggio, che permetteranno una ricarica dell’80% della batteria in massimo 30 minuti. Milano si eleva a “capitale” italiana della mobilità elettrica: il numero maggiore di infrastrutture per singola città, il totale delle colonnine veloci pubbliche supera quello dell’intero territorio nazionale dove al momento si contano solo 10 fast charge. Ma Torino, la capitale storica dell’auto non sta a guardare e va avanti con il car sharing elettrico del Gruppo Bolloré.

Tutta concorrenza per Spin8 che però plaude sportivamente alle iniziative, con un comunicato stampa dedicato, che amplia il mercato: “Noi abbiamo smosso le acque e si sono mossi i grandi– sottolinea Karin Fischer – Siamo lieti che in pochi mesi un primario player dell’automotive abbia manifestato tanto interesse e capacità di investimento per accelerare questo sviluppo. Queste colonnine saranno un forte stimolo per i cittadini”. Naturalmente c’è necessità di un sistema che permetta di avere più giocatori in campo. Quelli di Spin8 intanto hanno già iniziato a scaldare i muscoli.

Gian Basilio Nieddu


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende