Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Spin8 e la ricarica veloce: il futuro della mobilità elettrica si gioca sul fattore T:

Spin8 e la ricarica veloce: il futuro della mobilità elettrica si gioca sul fattore T

aprile 13, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Auto elettrica? Eppur si muove. In Olanda in Parlamento si discute la proposta di bandire dal 2025 le auto con alimentazione a benzina e gasolio per aprire la strada ai veicoli ad emissioni zero, alcune (non tutte) case automobilistiche lanciano nuovi modelli. E ‘ il caso della Tesla, che ha conquistato, oltre ogni previsione, decine di migliaia di automobilisti mondiali in corsa per le prenotazioni della nuova Model 3. Ma non sono tutte rose e fiori, resta il problema delle stazioni di ricarica veloce. Non mancano promesse e annunci, ma ci sono anche  programmi e sperimentazioni che fanno ben sperare. Una “scossa” arriva da una start up, Spin8, nata dall’incontro tra un soggetto privato, Resnova, e il gruppo di ricerca di Economia Aziendale e Ingegneria Industriale dell’Università della Tuscia.

Dal pensiero all’azione, dal progetto alla strada, con l’inaugurazione, lo scorso 15 dicembre, in centro a Milano nel garage di via Ariberto, di una colonnina fast charge. Buoni i risultati: 14mila km elettrici ricaricati nel primo trimestre. Un’ esperienza positiva per Karin Fischer, CEO della start up, che pensa positivo, in base ai numeri. “In tre mesi di attività la colonnina fast charge ha ricaricato oltre 110 ore, permettendo di percorrere 14mila chilometri completamente elettrici, con un risparmio di 1.706 kg di CO2 non emessa nell’aria”. Si respira aria buona e ottimismo in casa Spin8: “Questi primi mesi hanno dimostrato come sia possibile cambiare realmente le abitudini di guida e di ricarica, gli automobilisti si adattano molto rapidamente alle nuove opportunità“.

Servono tecnologie dunque, ma anche tanto sano marketing che non si traduce solo in campagne pubblicitarie, ma nel trovare la soluzione giusta alle esigenze del cliente. In questo caso è determinante il fattore tempo: ” I nostri stili di vita sono cambiati, i minuti necessari per la carica devono essere recuperati dal consumatore. Per questo motivo noi abbiamo pensato ad una localizzazione che garantisca l’offerta di servizi integrati che creino, a loro volta, valore per il territorio”, spiega Karin Fischer. “Permettere al cliente di fare shopping mentre l’auto ricarica. Un tema che interessa il settore degli hotel, dei supermercati, dei centri commerciali naturali come dimostrano le esperienze estere”. In altri termini e pur con una sintesi estrema: quando l’auto ricarica, si può andare a far la spesa, dal parrucchiere o dall’estetista.

Un altro esempio rende bene l’idea. “Abbiamo sperimentato un viaggio elettrico, direzione Monaco di Baviera. Lungo il percorso, in Austria, avevamo necessità di ricaricare e con il navigatore abbiamo individuato il punto. Una deviazione di una decina di chilometri fino ad un ristorante dove il proprietario aveva installato 20 Kw, tempo necessario 1 ora e mezza – ricorda la manager – quello necessario per un buon pranzo. Senza il servizio non saremo mai andati in quel locale!”. Una piccola storia molto illuminante, che conferma la possibilità, se si pensa in modo globale, di incrementare e potenziare la rete nazionale.

Qualcosa però si muove, come dimostra l’annuncio del Comune di Milano, in partnership con Nissan e A2A, sulla mobilità elettrica. Sono in arrivo altre 12 colonnine di ricarica rapida, previste per fine maggio, che permetteranno una ricarica dell’80% della batteria in massimo 30 minuti. Milano si eleva a “capitale” italiana della mobilità elettrica: il numero maggiore di infrastrutture per singola città, il totale delle colonnine veloci pubbliche supera quello dell’intero territorio nazionale dove al momento si contano solo 10 fast charge. Ma Torino, la capitale storica dell’auto non sta a guardare e va avanti con il car sharing elettrico del Gruppo Bolloré.

Tutta concorrenza per Spin8 che però plaude sportivamente alle iniziative, con un comunicato stampa dedicato, che amplia il mercato: “Noi abbiamo smosso le acque e si sono mossi i grandi– sottolinea Karin Fischer – Siamo lieti che in pochi mesi un primario player dell’automotive abbia manifestato tanto interesse e capacità di investimento per accelerare questo sviluppo. Queste colonnine saranno un forte stimolo per i cittadini”. Naturalmente c’è necessità di un sistema che permetta di avere più giocatori in campo. Quelli di Spin8 intanto hanno già iniziato a scaldare i muscoli.

Gian Basilio Nieddu


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende