Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Spring Color: dai prodotti agricoli pitture e malte per la bioedilizia:

Spring Color: dai prodotti agricoli pitture e malte per la bioedilizia

maggio 27, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Uova, latte, olio di lino cotto, e poi pigmenti di origine vegetale come carbone, mallo di noce, guado. Nelle etichette delle vernici e malte della Spring Color, azienda della provincia di Ancona pioniera della bioedilizia, ci sono solo ingredienti di origine naturale. Zero petrolchimica, zero metalli pesanti. Risultato di un percorso iniziato nel 1992 che ha portato a una riconversione completa delle linee di produzione, con un abbandono della chimica in favore dell’innovazione applicata al recupero di antichi saperi.

L’azienda di Castelfidardo viene fondata nel 1958 dalla famiglia Mosca, che nella Spring Color fa confluire l’esperienza di generazioni di restauratori, ebanisti, decoratori, abituati a prodursi da soli colori e vernici. Il cambio di passo arriva poi negli primi anni Novanta, quando Roberto Mosca, di fronte alle malattie professionali del nonno e del padre, decide di puntare sulla bioedilizia. “Roberto ha fatto molte ricerche su antiche ricette, e piano piano, sperimentando, ha messo insieme negli anni una vasta gamma di prodotti. Quando ci siamo conosciuti, circa venti anni fa, io lavoravo per Greenpeace e insieme abbiamo convertito la produzione”, spiega Gloria Ristic, antropologa, diventata ad dell’azienda dopo la recente scomparsa del marito. Una strategia di riduzione dell’impatto ambientale che dà i suoi frutti: nel 2005 l’impresa viene inserita dal ministero del Lavoro tra i trenta casi di eccellenza nella responsabilità sociale d’impresa.

Il punto di forza della Spring Color è stato aver trovato un modo per conservare le vernici naturali, basandosi su processi di acidificazione e alcalinizzazione con aceti, oli essenziali, acidi citrici, borati, sali, calce, propoli che stabilizzano il ph e la carica batterica. “Il sistema di conservazione è coperto da tre o quattro brevetti. Prima le vernici si preparavano per utilizzarle subito, mentre per noi c’era bisogno di conservarle in barattolo per mesi. Così, abbiamo recuperato le ricette della tradizione, e studiato metodi per mantenere le prestazioni dei colori anche a distanza di tempo”.

Nella formulazione di pitture senza chimica, l’aspetto più difficile è stata la sostituzione di leganti sintetici con sostanze naturali: “Usiamo cera d’api, uova e latte fresco, provenienti quando possibile dal nostro territorio. Siamo riusciti anche a realizzare una pittura naturale in polvere, da miscelare con l’acqua, grazie alla quale nel 2011 abbiamo vinto il premio per lo Sviluppo sostenibile”. Malte in polvere a base di calce e pitture murali formulate con leganti naturali e pigmenti vegetali, che garantiscono un’alta traspirabilità e sono stati usati anche per numerosi restauri di monumenti. “La lista è lunga e comprende le Scuderie del Quirinale e il complesso di Santa Cecilia a Roma, il duomo di Foligno, la Villa d’Este a Tivoli”, continua Gloria Ristic.

La gamma dei prodotti Spring color comprende anche vernici per il legno. “I componenti di questi oli protettivi impregnanti sono da ricercarsi fra l’olio di lino cotto senza piombo, la trementina naturale di pura gemma, il terpene d’arancio, l’aceto di vino, l’alcool, il propoli, la cera d’api. I pigmenti sono normalmente terre naturali e ossidi”, spiegano dall’azienda.

Gli ultimi arrivati sono i colori di Madre Natura: tempere ecologiche per bambini realizzate con ingredienti naturali e atossici. “E’ una linea di prodotti su cui puntiamo molto, perché è dai più piccoli che può partire il vero cambiamento”, aggiunge l’amministratrice.

Oggi l’azienda commercializza i propri prodotti, oltre che in Italia, anche in Francia, Germania, Danimarca, Stati Uniti, Australia, Israele. Le prospettive future sono tante e spaziano anche in ambiti diversi dall’edilizia: “Mio marito ci ha lasciati con molti progetti di innovazione nel cassetto. Stava lavorando per ottenere un lucido ecologico per scarpe, formulare inchiostri naturali, riuscire a produrre la calce dai gusci d’uovo per ridurre le estrazioni nelle cave. Tutti progetti a cui continuiamo a lavorare, insieme anche allo sviluppo di altri prodotti per bambini: Roberto aveva già sperimentato una colla atossica a base di latte”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende