Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Star bene con poco”. I consigli pratici del Dr. Frusi, medico ISDE:

“Star bene con poco”. I consigli pratici del Dr. Frusi, medico ISDE

marzo 21, 2017 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Per “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo oggi un estratto del nuovo saggio “Star bene con poco. Teoria e pratica per il benessere quotidiano” (Graphedit Edizioni, pagg. 136, euro 14,80) di Mario Frusi, medico specializzato in “medicine complementari” e Presidente di ISDE (i Medici per l’Ambiente) della provincia di Cuneo. Un simpatico “manuale di facile consultazione per rimediare ai piccoli e medi malanni in modo efficace (e nella comodità di casa propria)” – disponibile anche in versione e-book, con contenuti multimediali aggiuntivi, sul sito Noosoma.it. Nel capitolo “La ruggine delle cellule: l’ossidazione che ci invecchia” il Dr. Frusi introduce il tema fondamentale di una sana alimentazione, proponendo una provocazione: dovremmo diventare tutti vegani? A voi la risposta…

Anche materiali solidissimi non sfuggono alla regola universale dell’interscambio con l’ambiente circostante. Accade così che una padella in ferro interagisca con le molecole d’ossigeno presenti nell’aria fino a incamerarle nella propria struttura, che risulta non più liscia e nero-bluastra bensì corrugata e rossiccia: è la ruggine, nient’altro che “ossido di ferro”. Il fenomeno si può ripetere in scala centuplicata, e senz’apparenti inconvenienti. Infatti a volte intere montagne hanno l’aspetto arrugginito ma non per questo “vecchio”: al contrario di noi viventi, mantengono le loro caratteristiche pressoché  invariate nel corso delle ere geologiche. E allora come mai, una volta concepiti, gli umani e gli altri esseri animati non sono immortali?

La teoria al momento più avvalorata per tentare di spiegare il decadimento degli organismi si basa proprio sul concetto di “ossidazione”. I meccanismi che permettono alle cellule di esistere, produrre eventi, interagire a livelli di complessità via via maggiori, richiedono continue reazioni chimiche le quali a loro volta esigono un prezzo biologico: il sistema gradualmente si usura, cioè si ossida e “accumula ruggine” fino a quando il processo degenerativo non interrompe il flusso vitale.

Questa regola, come si diceva, è onnicomprensiva. Ma in qualche caso, e per un tempo limitato, il decadimento strutturale NON significa decadimento di prestazioni: per esempio, il sistema nervoso centrale inizia molto rapidamente a perdere cellule vive (i “neuroni”), ma specializza le restanti in modo che sappiano svolgere un lavoro più accurato ed efficiente rispetto ai neuroni giovani, soprattutto attraverso la migliorata capacità di interconnessione cioè scambio di segnali. Dal momento che l’etimologia latina di “intelligenza” suggerisce il concetto di sviluppare collegamenti, di “inter-legare” fra loro più entità senzienti, non è sbagliato affermare che il cervello ben allenato di un uomo a sessant’anni di vita è più intelligente di quello stesso cervello a vent’anni!

Arriva comunque il momento in cui la Natura presenta il conto, ritira la licenza d’uso e richiama i materiali costitutivi per restituirli al pianeta, in un incessante lavoro di riciclaggio. È possibile rallentare il processo? Le risposte affermative sono almeno tre, più un’altra ancora che deve ricevere ulteriori conferme: occorre introdurre nella propria dieta grandi e costanti quantità di sostanze chimiche in grado d’invertire il processo ossidativo. La moda degl’integratori si appoggia in buona misura proprio su quest’assunto, ma gli antiossidanti sono presenti nei nostri cibi più salutari: i vegetali – freschi di stagione, biologici e trasportati per brevi distanze, cioè sottoposti al minor carico stressante – dovrebbero costituire la base dell’alimentazione di qualunque individuo e latitudine. Anche il caffè ha importanti effetti antiossidanti, che si rivelano particolarmente efficaci quando viene assunto in via atipica: se ne parla nel capitolo “Ca-go-fé”.

Una certa quota di antiossidanti è presente anche in qualche alimento di origine animale, come le uova e il latte, mentre le carni (intese soprattutto come muscoli, non come interiora) ne sono del tutto prive. Questo conferma l’opinione, scientificamente attendibile, che gli umani siano vegetariani o meglio ancora vegani, destinati cioè a introdurre cibi di natura esclusivamente vegetale. Non sto proponendo una forzata conversione al veganismo di tutta l’Umanità, in particolare quella occidentale che con il proprio stile di vita forzato si autoprovoca malattie sempre più invalidanti e costose; ma certamente sarebbe bene farci un serio pensierino…-

L’abuso biologico è da considerare anche sul piano quantitativo: ridurre  l’apporto  alimentare  significa,  ovviamente,  affaticare meno il motore e quindi permettergli di girare a ritmo di crociera per un tempo maggiore e con minore usura. Una certa sobrietà nell’introduzione di cibi, non imposta da norme medico-igieniche terroristiche ma consapevolmente scelta e adottata, sarebbe molto salutare. Naturalmente, per scegliere questa via occorre aver spianato i conflitti legati alla “fase orale” della vita psichica (secondo il gergo coniato da nonno Sigmund): il cibo,cioè, NON deve continuare a rappresentare la simbolica compensazione per il mancato nutrimento esistenziale.

La quarta risposta viene trattata nell’apposito capitolo seguente perché il tema va dipanato con completezza…

Mario Frusi*

* Medico esperto di “medicine complementari” e Presidente ISDE Cuneo

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende