Home » Rubriche »Very Important Planet » Stefano Unterthiner, la voce dura e pura della Val d’Aosta:

Stefano Unterthiner, la voce dura e pura della Val d’Aosta

settembre 5, 2014 Rubriche, Very Important Planet

Stefano Unterthiner, valdostano, classe 1970, è uno dei più noti fotografi naturalisti a livello mondiale. Zoologo, da oltre dieci anni viaggia in tutto il pianeta per ritrarre gli animali selvatici. I suoi lavori sono pubblicati sulle più importanti riviste internazionali, tra cui National Geographic e Airone. Oltre che per il suo talento, nelle ultime settimane Unterthiner ha fatto parlare di sé anche per una chiara presa di posizione contro le politiche ambientali dell’amministrazione regionale valdostana. “Amanti della natura, delle passeggiate in montagna, della fotografia naturalistica. Non venite in Valle d’Aosta. Qui vi prendono in giro”, ha scritto sulla sua pagina Facebook il fotografo il 25 agosto. In un lungo post, ha criticato alcuni degli ultimi interventi della Regione, dagli zoo – “Li chiamano “Parc Animalier”, perché come sapete qui c’è il bilinguismo e quando fa comodo si ricordano di usarlo” – alla caccia aperta di domenica, fino alla “decisione di abbattere 4.500 ghiandaie (ma anche gazze, cornacchie nere e grigie), nei prossimi cinque anni, per “proteggere” i meleti della Valle”. E ancora Unterthiner ha denunciato le politiche per il turismo invernale: “Nel piccolo comprensorio del Col di Joux (1600 metri di quota, innevato per pochi mesi all’anno, quando l’inverno si ricorda di arrivare) si stanno abbattendo circa mille alberi per allargare la pista da sci. (…) Nella valle vicina, quella di Ayas, a essere minacciato è l’ultimo versante ancora intatto del Monte Rosa, quello del vallone delle Cime Bianche. In questa zona selvaggia di straordinaria bellezza (inserita tra l’altro tra i SIC, i siti di interesse comunitario) è in corso uno studio di fattibilità per un mostruoso collegamento sciistico fra la Valtournenche e la Val d’Ayas”. Per non parlare dell’eliski: “E’ l’ultima follia valdostana. Basta pagare e la Valle d’Aosta è ai vostri piedi”.

D) Unterthiner, nel suo post ha criticato duramente l’amministrazione valdostana, scrivendo che “questa non è una regione che protegge la natura. Chi governa la regione, della natura se ne frega. La regione vuole soltanto i soldi dei turisti, niente altro”. Da quando le politiche hanno iniziato ad andare nella direzione sbagliata secondo lei?

R) La politica ambientale valdostana ha radici nel passato. Gli errori fatti anni fa potevano essere giustificati fino a un certo punto: d’altra parte è il turismo di massa ad aver reso la Valle d’Aosta quello che è oggi, anche se, per esempio per quanto riguarda l’edilizia, si poteva essere più accorti prendendo esempio da alcuni cantoni svizzeri, che invece di costruire ex novo hanno spesso privilegiato la ristrutturazione. La mia polemica però guarda avanti, a dove vogliamo andare. Negli ultimi sei mesi, la Regione ha fatto diverse scelte rispetto al progetto di turismo sostenibile VIVA, di cui io stesso sono stato testimonial.

D) Cosa l’ha spinta a prendere posizione pubblicamente?

R) La decisione sull’uccisione delle ghiandaie è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Sono zoologo e so che questo intervento è una “porcheria” inutile. I corvidi torneranno. L’amministrazione dice che non ci sono state proposte alternative, ma questo è falso.

D) L’assessore al Turismo Marguerettaz ha definito pubblicamente la sua denuncia “un’azione censurabile e lesiva dell’immagine” della Valle d’Aosta. Ha parlato con l’assessore?

R) No, l’assessore non mi ha chiamato, purtroppo non c’è volontà di dialogo, né la capacità di guardare al futuro. Spero che nei prossimi anni vadano al governo della Regione persone dotate di quella “follia visionaria” che permette di avere una prospettiva di medio-lungo termine.

D) La sua polemica, diceva prima, guarda al futuro. Come dovrebbe essere la Valle d’Aosta nei prossimi anni nella sua visione?

R) Bisognerebbe andare verso l’eccellenza, puntare sulla capacità di distinguersi, su quello che rende unica questa regione. Ogni valle dovrebbe avere una sua specificità, valorizzando competenze e prodotti nel rispetto dell’ambiente. La mia idea di protezione non è quella di non toccare niente, ma di far fruttare quello che abbiamo senza distruggerlo.

D) Purtroppo la Valle d’Aosta non è un caso isolato. In Svizzera c’è il progetto di costruire una seggiovia per portare i turisti sul ghiacciaio dell’Eiger nel più breve tempo possibile, mentre in Abruzzo, sul Gran Sasso, dovrebbe essere costruito un nuovo impianto di risalita. Che sta succedendo sulle montagne?

R) Ci sono tante persone che sfruttano la scusa della crisi per far tornare in auge progetti rimasti nel cassetto. Così, le speculazioni vengono fatte passare per ricette per combattere la crisi. Ma in quelle regioni in cui la richeista principale dei turisti è l’ambiente, rovinarlo è come rovinare il futuro.

D) Lei viaggia molto in tutto il mondo: ci sono territori in pericolo di cui in Italia sappiamo ancora troppo poco?

R) Nei tropici nel Sudest asiatico, aree con un alto livello di biodiversità,  la situazione è più che drammatica. Il capitalismo viaggia a velocità doppia rispetto a qua e l’ambiente è sotto minaccia costante. Nel Borneo, per esempio, negli ultimi vent’anni la maggior parte delle foreste è stata distrutta per far parte alle coltivazioni di palme da olio, mentre in Thailandia è rimasto solo un mosaico di foreste. In Vietnam si continua a cacciare qualunque cosa si muova: io stesso ho trovato trappole nella foresta.

D) A luglio, dopo sette anni, ha anche lasciato la International League of Conservation Photographers, denunciando “l’ipocrisia di questa fotografia contemporanea”. Cosa non va nella fotografia naturalistica di oggi?

R) Ad un certo livello, anche nella fotografia naturalistica la competizione si fa sporca. C’è molta voglia di apparire, di avere riconoscimenti. Secondo me, invece, prima di essere conservation photographers, bisogna essere conservation persons: la conservazione della natura deve essere il tuo obiettivo sempre, il fotografo naturalista deve avere un’etica anche fuori dalla macchina fotografica.

D) Quali sono i suoi prossimi progetti?

R) Ho in programma di partire per fotografare un primate per conto di National Geographic. È una specie che ha bisogno di essere portata sotto i riflettori e si tratta di un progetto a cui tengo molto: penso che in molti casi il ruolo del fotografo sia anche quello di fare da trait d’union tra il grande pubblico e i ricercatori impegnati ogni giorno sul campo. Inoltre, uscirà presto un mio libro sul Parco nazionale del Gran Paradiso, che mostrerà anche ai valdostani qual è la montagna che predico e vorrei vedere realizzata sempre.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende