Home » Off the Green »Rubriche » Storie di chiese e di misfatti. Il significato simbolico di Immerath e Poggioreale:

Storie di chiese e di misfatti. Il significato simbolico di Immerath e Poggioreale

gennaio 10, 2018 Off the Green, Rubriche

Ecco serviti, all’inizio dell’anno, due modi opposti di trattare una chiesa, che sembrano due simboli delle possibili strade per il futuro che ci attendono al bivio: un’inversione a U verso la speculazione, l’inquinamento, l’insensibilità alla cultura e al paesaggio e, dall’altra, un cammino in salita, ma verso il recupero dell’esistente, la cura del territorio e la solidarietà. La prima chiesa è quella di San Lamberto a Immerath in Germania, abbattuta l’altro ieri dalla mano dell’uomo per fare spazio ad un deposito di carbone. La seconda, quella di Sant’Antonio a Poggioreale antica, in Sicilia, distrutta cinquant’anni fa dal terremoto del Belice e ora candidata alla ricostruzione grazie alle generose donazioni degli emigrati poggiorealesi in Australia.

A Immerath, nonostante le proteste degli attivisti di Greenpeace, l’8 gennaio le ruspe hanno abbattuto – con piena autorizzazione delle autorità – un’antica cattedrale neoromanica sconsacrata nel 2013. Secondo quanto riportato da un sacerdote anglicano espatriato in Germania, la parrocchia locale, a corto di fedeli, si sarebbe trovata in grave difficoltà economica per i costi di mantenimento della chiesa e prontamente la RWE, multinazionale dell’energia da 120 milioni di clienti nel mondo, invece di offrire una bella donazione da appuntare con orgoglio nel proprio report di sostenibilità, avrebbe avanzato un’offerta di acquisto dei terreni e dell’edificio, alla quale la parrocchia non ha saputo rinunciare.

Ma non era Trump l’unico cattivo del mondo che voleva portare il carbone alla Befana? La saggia cancelliera Angela Merkel aveva invece promesso di rispettare l’obiettivo tedesco di riduzione del 40% delle emissioni di CO2 entro il 2020 – possibile solo con il bando del carbone e non certo autorizzando un colosso nazionale a inaugurare nuovi depositi di lignite in sfregio all’architettura, al paesaggio e alla cultura di una piccola comunità.  E pensare che Rolf Martin Schmitz, il CEO dell’azienda, nel report di CSR del 2016 aveva dichiarato che “la conduzione etica del business è il fondamento per la costruzione delle nostre prospettive future. RWE è fortemente impegnata nella propria responsabilità verso l’ambiente, i propri dipendenti e la comunità”. Le immagini della demolizione, che abbiamo voluto pubblicare al termine di questo articolo, parlano da sole. E il video è ancor più straziante. Solo qualche pazzo sanguinario dell’ISIS potrebbe considerarle un simbolo del futuro.

Ma, a volte, la storia e le decisioni degli uomini prendono altre pieghe. E’il caso di Poggioreale antica, il comune nella Valle del Belice, che il 14 gennaio del 1968 venne devastato da un terremoto di magnitudo 6,4. La scelleratezza dei governanti dell’epoca (insieme a qualche influenza “pesante”) portò alla costruzione di una nuova Poggioreale, una new town senz’anima e priva di calore umano che, dopo aver perso gli abitanti (ne sono rimasti 1.494 dai 4.000 di un tempo), perde già, per ammissione dell’attuale sindaco, i pezzi dei marciapiedi e delle tubature.

Oggi però, a pochi giorni dalle celebrazioni del cinquantenario del terremoto – alle quali parteciperà anche il Presidente della Repubblica Mattarella -  un messaggio di speranza è arrivato dai poggiorealesi emigrati in Australia (più di 5.000 in tutto), che attraverso l’Associazione Sant’Antonio da Padova, hanno raccolto quasi due milioni di euro per ricostruire proprio la chiesa dedicata al santo patrono, nel centro della ghost town abbandonata.

Non è una partita dei mondiali, non si tratta di Italia-Germania 1-0, ma di simboli universali di due modi antitetici di intendere il futuro rapportandosi con l’antico, l’esistente, la cultura, la tradizione. Mi auguro fortemente che prevalga il modello Poggioreale.

Andrea Gandiglio

 


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende