Home » Bollettino Europa »Rubriche » Sugli OGM il Vecchio Continente si spacca in due. Ma vince il fronte del “no”:

Sugli OGM il Vecchio Continente si spacca in due. Ma vince il fronte del “no”

ottobre 5, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

La modifica, e relativa promulgazione a marzo scorso, della Direttiva comunitaria sugli Organismi Geneticamente Modificati che consente agli Stati Membri di vietare o limitare sul proprio territorio nazionale la coltivazione di OGM – anche quelli autorizzati a livello comunitario o con una domanda pendente – comincia a far vedere i suoi effetti. E ci riconsegna l’immagine di un Continente sostanzialmente spaccato in due. Assetto che sottolinea, se ancora ce ne fosse bisogno, quanto il tema degli OGM metta i Paesi UE tutt’altro che d’accordo.

A oggi, secondo la Commissione Europea, il numero di Stati che hanno presentato formale richiesta per escludere le proprie terre, o parte di esse, dalla coltivazione degli organismi geneticamente modificati sarebbero 18. Assieme all’Italia, che ha provveduto da pochi giorni, ci sono Austria, Belgio (per la regione della Vallonia), Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Francia, Grecia, Germania (ad eccezione degli usi per la ricerca), Gran Bretagna (per Galles, Irlanda del Nord e Scozia), Lettonia, Lussemburgo, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Slovenia e Ungheria. A conti fatti, il fronte del no raccoglie circa il 70% della popolazione dell’UE e il 70% delle superfici coltivabili. Le domande di esclusione verranno poi inoltrate alle aziende produttrici, inclusi i colossi del biotech come Monsanto, Dow, Syngenta e Pioneer, che hanno un mese per reagire e dare il loro assenso. A questo proposito Battere Spath, il direttore del gruppo industriale di Europabio, ha dichiarato polemicamente: “Il divieto sancito dalla nuova legislazione UE, permettendo lo stop della coltivazione agricola OGM invia un segnale negativo a tutti i settori innovativi che hanno intenzione di investire in Europa”.

Il termine per avvalersi di questa opzione della procedura è ormai scaduto, era infatti sabato 3 ottobre. Tuttavia sarà sempre possibile esercitare l’opt out fornendo alla Commissione europea una serie di motivazioni di prevalente interesse generale, legate per esempio a obiettivi di politica agricola, pianificazione urbanistica o regionale, utilizzo del terreno, impatto socio-economico, utilizzo dei terreni o politica pubblica. Mentre le motivazioni di carattere ambientale o di rischi per la salute rimangono una competenza dell’EFSA, l’autorità europea per la sicurezza alimentare.

Seppure tra le polemiche e le obiezioni sollevate dai più intransigenti verso gli OGM – che volevano l’esclusione totale dell’Intero territorio UE dalla loro coltivazione attraverso una legislazione obbligatoria a livello comunitario – l’avere lasciato liberi gli Stati di scegliere ha quantomeno due vantaggi. Il primo, quello di avere bloccato una situazione che stagnava da anni, e sulla quale mai si sarebbe arrivati a mettere d’accordo tutti i 28, trascinando all’infinito la questione. Questa soluzione ha poi avuto il merito di fare uscire allo scoperto i diversi Governi obbligandoli a prendere una posizione. Una specie di “operazione trasparenza” utile un po’ a tutti i livelli. Da quello politico, dove oggi si sa in che direzione lavorare nel caso si volesse aumentare il numero di Paesi favorevoli alla messa al bando degli OGM, fino a quello dei consumatori che potranno scegliere con più consapevolezza i prodotti da mettere sulle loro tavole.

Un’opinione condivisa anche dalle ONG europee, le quali hanno accolto con favore la volontà della maggioranza dei Paesi UE, di vietare la coltivazione di OGM sul loro territorio. “Si tratta di un movimento di massa, sia politico che cittadino, che mostra che un numero crescente di Stati Membri non si fidano delle valutazioni condotte dall’Unione Europea e agiscono, a ragione, per proteggere la loro agricoltura e l’alimentazione”, ha detto Anaïs Pourest di Greenpeace Francia.

“Non c’è mai stato un segnale tanto chiaro che le colture geneticamente modificate, e le aziende che producono OGM, non sono i benvenuti in Europa”, aggiunge Mute Schimpf di Friends of the Earth Europe. “Ora la decisione democratica dei Paesi di vietare le colture geneticamente modificate deve essere rispettata dal settore della biotecnologia”.

Eppure, la questione degli OGM in Europa è tutt’altro che risolta. In particolare, il tema delle “zone cuscinetto” da mettere in atto per evitare la contaminazione al confine tra un Paese favorevole alle colture transgeniche e il suo vicino che vi si oppone è, infatti, ancora aperto. Inoltre, la revisione delle procedure di valutazione e autorizzazione, richiesta ormai da anni dai Ministri dell’Ambiente europei, è ancora in corso.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende