Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Sulla Sila, alla scoperta delle rare e stupefacenti sequoie del Sud:

Sulla Sila, alla scoperta delle rare e stupefacenti sequoie del Sud

giugno 4, 2013 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Proseguono i racconti della serie “Giona degli Alberi“, scritti in esclusiva per Greenews.info da Tiziano Fratus, il cercatore di alberi in viaggio alla ricerca degli alberi monumentali italiani. La nona puntata, terza parte di un reportage sui grandi alberi della Sila, in Calabria, è dedicata alle sequoie di Aprigliano. L’editore Kowalski ha intanto pubblicato l’ultimo libro di Fratus, il “Manuale del perfetto cercatore d’alberi”, una guida pratica e “filosofica” per tutti coloro che vogliono coltivare quella tensione alla ricerca della natura che alberga in ciascuno di noi.

Dopo aver visto in una manciata di ore la Sila innevata, il sole, la pioggia, il vento, aver assaggiato le gustose ricette a base di patata silana, aver incontrato i pini larici di Fallistro e di altri boschi vetusti, il grande castagno di San Francesco (da Paola), raggiungo la sede del parco, dove incontro il direttore, Michele Laudati, un uomo, come si dice, “come quelli di una volta”, gentile ma dal polso fermo ogni qual volta serva.

E gestire un parco così grande in un territorio per anni ostile o indifferente richiede carattere e determinazione, passione e capacità. I suoi precedenti incarichi supportano la credibilità di cui gode, essendo stato direttore generale dell’Azienda Forestale della Calabria dal ’98 al 2005, nonché dirigente del Dipartimento Agricoltura e Foreste per la Regione Calabria. Insomma una vita lavorativa e non soltanto spesa per valorizzare il patrimonio naturalistico e forestale dei questo lembo estremo d’Italia. E’ grazie a lui, ad esempio, che sono stati realizzati il centro visita del Cupone, dove è stata restaurata la falegnameria storica e dove è stato realizzato il museo che ho visitato. Ed è grazie alle sue competenze e alle sue esperienze che qui fra Ente parco e Forestali esiste piena e fattiva collaborazione. Ora però è arrivato il giorno di visita agli alberi che mi hanno richiamato dal mio profondo nord, come le Sirene che tentavano Ulisse: le sequoie di Aprigliano.

Nei libri che custodisco, dedicati ai grandi alberi d’Italia, compaiono le sequoie soltanto nel libro del Cagnoni, pubblicato dalla De Agostini, Grandi alberi d’Italia: due sequoie della specie gigante di 25 e 30 metri di altezza, accanto ad un abete greco monumentale. La distribuzione di sequoie secolari nel sud Italia è ben ridotta rispetto a quanto ho incontrato nelle regioni del nord e centro-nord. Qui sono più rare e le uniche concentrazioni – gli americani li chiamerebbero “groves” – si trovano in Sardegna, sul Monte Limbara che sovrasta la città di Tempio Pausania, sull’altipiano di Vallicciola, dove sono state messe a dimora nel 1934 e appunto qui ad Aprigliano. Altre sequoie sparse dovrebbero essere presenti nel parco di Villa Piercy, a di Baddesàlighes, nel comune di Bolotana in provincia di Nuoro, piantata negli anni  Ottanta dell’Ottocento – ma mi mancano conferme al riguardo, giovani esemplari sulle Madonie, in Sicilia, mentre alcune sono ben descritte dal curatore del Museo di Storia Naturale del Vulture, Renato Spicciarelli, che in un documento rintracciabile su internet si è dedicato alle sequoie della Basilicata: esemplari della specie “gigante” nei comuni di Ripacandida, Melfi e Campomaggiore Vecchio, una sempervirens nel parco di Palazzo Corrado a Lagonegro.

Sotto la neve che cade imperturbabile in questa fine inverno reiterato arrivo all’ingresso della Foresta di Lardone, comune di Aprigliano. L’ingresso non è libero a tutti ma sono accompagnato da un gentilissimo Forestale. Si transita vicino alle reti che delimitano una zona di ripopolamento di animali un tempo selvatici, poi si apre un viale a castagni, davvero curioso, con un paio di esemplari notevoli. Quindi un edificio rettangolare, appena restaurato, e al fondo gli alberi che sto cercando. La nebbia è bassa e rende l’atmosfera suggestiva. E avvicina l’ambiente di queste “Alpi” fuori posto a quello naturale, d’origine delle sequoie, che però le valli e le foreste della Sierra Nevada non le hanno mai toccate.

Altezza superiore ai 30 metri, folte chiome abbondanti, tronchi possenti. Ramificazioni ampie, i due tronchi colossali e rossastri, e a terra una quantità di grossi coni, ne ho raccolti in tutta Italia e di solito arrivano ai 6-7 centimetri di lunghezza, mentre questi sono numerosi e ben più grossi, quasi uova di struzzo. Ne prendo uno e lo soppeso. Fanno una bella impressione in mano. Mai visti così sviluppati, le sequoie del nord Italia non ce la fanno, anche quelle più cresciute e meglio conservate. Otto centimetri per sei, non male davvero. Diversi sono verdi, anche questa una rarità perché in generale ne trovavo pochissime verdi. Dalla casetta dei custodi escono due signori molto simpatici, che mi parlano in dialetto ma capiscono in fretta che non li capisco. Allora si fermano, prendono la rincorsa e parlano seriosamente in italiano, così ci capiamo. Poi mi offriranno un caffè che invece parlava tutto calabrese, e per fortuna! Chiedo se posso misurare i tronchi, tirano fuori una rotella metrica e prendiamo le misure: la maggiore 800 cm di circonferenza, a petto d’uomo, la seconda “soltanto” 730 cm. Non ho più dubbi: sono le maggiori sequoie del sud Italia.

E’ emozionante guardare in alto e vedere le geometrie raggianti delle ramificazioni superiori che partono dal tronco, avvicinarmi e accarezzare la corteccia morbida che ricopre questi alberi monumentali. Quasi non degno di attenzione l’altro secolare che gli respira accanto, invero uno splendido esemplare di abete del Caucaso o abete greco ancora più alto, intorno ai 35 metri, con un tronco che si apre in tre branche primarie che corrono e si duplicano nella chioma. La sua circonferenza del tronco è pari a 620 cm. Non un alberello insomma. Non esiste una documentazione che definisca l’anno o il decennio esatto di messa a dimora per le due sequoie, ma si stima che siano state piantata fra la fine dell’Ottocento e l’inizio del XX secolo. E confrontando misure del tronco e sviluppo con le sequoie viste in Liguria, in Piemonte, in Lombardia e in Trentino Alto Adige direi che si tratta di un’ipotesi assolutamente plausibile.

Tiziano Fratus


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende