Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » “Sulla via dell’orso”: un avvincente viaggio verso la wilderness, tra uomo e natura:

“Sulla via dell’orso”: un avvincente viaggio verso la wilderness, tra uomo e natura

ottobre 18, 2016 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Pubblicato a due anni dal caso dell’orsa Daniza – che ha riaperto il dibattito sulla convivenza tra l’uomo e il grande carnivoro reintrodotto vent’anni fa  - “Sulla via dell’orso” (Idea Montagna Editore, pp. 208, 15,00 €), di Anna Sustersic e Filippo Zibordi, è un avvincente viaggio nella “wilderness” del Trentino Alto Adige, alla scoperta di una realtà unica ed emblematica nel panorama della conservazione ambientale europea. Paura, bellezza, imprevedibilità, forza, ferocia: l’orso incarna simboli e significati profondi che l’uomo ha cercato, nel corso della storia, di eradicare dal proprio ambiente e dalla propria anima, ma che oggi sente la necessità di recuperare. L’opera di Sustersic e Zibordi, vincitrice del XXXIV Premio Gambrinus “Giuseppe Mazzotti” (nella sezione Ecologia), è un racconto che tesse frammenti di realtà, raccoglie le voci di chi l’orso lo ha reintrodotto, di chi ci convive quotidianamente, di chi lo interpreta dal punto di vista psicologico, antropologico (anche religioso), di chi lo teme, ma anche di chi lo cerca con passione. Un percorso alla ricerca del senso complesso che la convivenza con le altre specie ha per l’uomo di oggi. Per la rubrica “Racconti d’Ambiente” pubblichiamo un estratto dell’Introduzione.

Mi fermo. Uscita dall’angusto e opprimente passaggio che separa il Canale di Brenta dalla Valsugana, ho bisogno d’aria e di sgranchirmi un po’. Sono in viaggio da oltre tre ore, spese a ripercorrere nel dettaglio le ragioni che mi hanno spinta a intraprendere questo viaggio, che dal mare mi porta al regno delle Dolomiti.

Arrivo da una zona di confini: geografici, culturali, religiosi. Sono partita dalla regione dove l’imponente nervatura della penisola balcanica, le Alpi Dinariche, tocca il margine sudorientale delle Alpi, con il Carso che fa da cuscinetto tra l’Europa occidentale e la sorella orientale.

Arrivo da un paesaggio di mare, e di cime erose e smussate di calcare pallido che affiora ovunque, di terreni magri dove stentano ornielli, carpini e roverelle, da un sottosuolo di misteriose bellezze, in parte esibite e in parte custodite da una chimica gelosa. Ho lasciato le Prealpi slovene, dove la parola gozd, “foresta”, conserva intatto il suo significato, dove orsi e lupi non hanno mai smesso di popolarne le notti e contendersi con l’uomo il territorio. Paesaggi differenti da quelli che mi trovo di fronte ora, la cui evoluzione ha seguito e ancora segue percorsi differenti.

Lasciata l’aria tiepida del mare, sono immersa in una frizzante mattina di maggio: ormai la primavera tarda ad arrivare, quanto l’autunno a sbiadire i fianchi delle montagne. Alzo gli occhi risalendo con lo sguardo i versanti alla mia sinistra; in alto, intuisco, si apre quello che Paolo Rumiz ha definito un mondo a sé col suo labirinto di pascoli lontani dal mondo. Il confine boscoso che separa Veneto e Trentino: l’antico regno dei Cimbri, custodito dalle imponenti foreste che coprono l’altopiano di Asiago, i Sette comuni. Dal lato opposto della valle fra antichi castagni, faggi e abeti troneggia la torre di Castel Telvana, elegante sentinella medioevale che vigila sul via vai della valle. Sono in Trentino, meta e principio del mio viaggio. […]

[…] Recita il Servizio Forestale degli Stati Uniti: la natura selvaggia è sia una condizione geografica, sia uno stato d’animo; fa parte dell’eterno anelito alla verità che spinge l’uomo alla continua ricerca di se stesso e del suo creatore. È un termine che accoglie gli estremi: pace e agitazione, paura e fiducia, aggressività, mitezza, ferocia, tenerezza. L’essere selvaggio è il rappresentare la vita per quello che è: un’inquietante, perfetta accozzaglia di opposti che possono esprimersi in un paesaggio, in un solo essere vivente o anche nello spirito umano in quella porzione che, confondendo il controllo con la sicurezza, l’uomo ha metodicamente cercato di smussare da se stesso.

Ed è proprio di questo che sono venuta alla ricerca qui in Trentino: di quello che ha l’aspetto di un nebuloso desiderio, di mancanza fisica di qualcosa che è andato perduto. Una wilderness sì, ma non quella magnifica e aspra delle cime del Lagorai, ma una dimensione di “selvaggio” più sottile e meno dichiarata che può esprimersi anche in un solo animale che, a sostituzione dello spazio ne incarna tutte le qualità, o nello spirito dell’uomo, in quella sua parte ripudiata e recisa, quella dimensione rara e coraggiosa, sbiadita al limite dell’oblio, che oggi queste valli hanno deciso di recuperare. […]

Anna Sustersic* e Filippo Zibordi**

*Anna è nata a Trieste ma nel 2013 si è trasferita in Trentino dove si occupa, come freelance, di racconti di natura e paesaggio; collabora con realtà del territorio quali musei, comuni, case editrici, e con diversi blog tematici. Di ambiente e natura si è occupata da studente, laureandosi a Trieste in Scienze Ambientali, da educatore, lavorando in Riserve Naturali di mare e di monte, da volontario essendo membro della Commissione Tutela Ambiente Montano della SAT di Trento e professionalmente come giornalista pubblicista.

**Filippo, nato a Milano, dove si è laureato in Scienze Naturali, si è trasferito in Trentino per occuparsi di fauna e divulgazione ambientale (oltre che per vivere tra i monti). Da più di un decennio collabora con enti e organizzazioni, soprattutto aree protette alpine, nell’ambito di progetti di ricerca e conservazione degli animali delle Alpi e della natura in generale. Giornalista pubblicista, affianca l’attività tecnica a quella di divulgazione in campo scientifico ed ambientale.

 


 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende