Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Sullalbero: la bioedilizia sale tra le foglie:

Sullalbero: la bioedilizia sale tra le foglie

marzo 12, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Davide Torreggiani da piccolo aveva una casa sull’albero. Un giorno, quando era già diventato manager del settore marketing, ha deciso di costruirsela di nuovo nel suo giardino. Ma non è riuscito a trovare un’azienda italiana che potesse realizzarla. Questo è stato il germoglio da cui poi è nata Sullalbero. “Mi sono detto: come è possibile che non ci sia un’impresa che fa case sull’albero? Così ho deciso di provarci io”. Davide si è licenziato, e con i soldi che aveva messo da parte ha ricominciato da capo. Oggi Sullalbero ha già installato una cinquantina di case, mentre molte altre sono in fase di progettazione e autorizzazione.

Tutte sono costruite seguendo i criteri della bioedilizia: legno certificato, isolanti termici e acustici naturali, impianti di riscaldamento e raffreddamento alimentati quando possibile a energia fotovoltaica.

All’inizio, l’attività comincia sotto forma di falegnameria e tra il 2009 e il 2010 vengono installate le prime case. “Ci siamo però resi conto che era necessaria una vera e propria impresa di costruzioni, visto che si trattava di case con impianti e serramenti”. Così, nel 2012, a Ferno, in provincia di Varese, nasce Sullalbero. “La risposta è stata da subito molto buona. Avere una casa sull’albero è il sogno di tutti, coinvolge molto le persone dal punto di vista emotivo. Riceviamo costantemente telefonate  di persone che ci chiamano per raccontarci i loro progetti”, continua Torreggiani, che l’anno scorso è stato tra i vincitori del Premio Capitani dell’Anno 2013, attribuito dalla società di revisione contabile Baker Tilly Revisa alle migliori idee imprenditoriali.

Ma il successo di Sullalbero non deriva solo da un’idea vincente, che ha risposto ad una domanda fino a quel momento insoddisfatta. La scelta di costruire in bioedilizia e nel pieno rispetto delle piante ha avuto fin da subito un ruolo importante nel business dell’azienda. “Ogni progetto nasce coniugando i desideri del cliente con le caratteristiche degli alberi. Ingegnere, architetto e agronomo mettono a punto un  pre-progetto, da cui poi parte il lavoro”. La stessa progettazione della casa tiene conto dell’ambiente in cui la costruzione andrà ad inserirsi: “Ci piace sempre parlare di architettura organica: è il paesaggio a guidare l’architettura. Per progettare le case, ci ispiriamo di volta in volta ai colori e alle forme dell’ambiente dove saranno installate”.

Anche le tecniche costruttive sono a basso impatto ambientale: “Usiamo legno lamellare o massiccio certificato proveniente da riforestazione. Per la coibentazione, utilizziamo pannelli di sughero o materassini di lana. Niente smalti e vernici, ma solo oli colorati a base di cera d’api e limonene”.

L’albero rappresenta un enorme pilastro naturale le cui radici diffondono il carico a terra come un plinto di fondazione. I più adatti sono querce, frassini, faggi, olmi, tigli, castagni, ma anche grandi conifere come cedri, abeti o pini. Gli alberi dovranno essere ovviamente sani, robusti e di buone dimensioni.  Il solaio della casa viene messo in relazione con l’albero con dei veri e propri “appendimenti” alle parti superiori dell’albero, realizzati mediante l’utilizzo di “tiranti” in acciaio inox e fasciature. Le strutture possono essere aperte o chiuse, e hanno anche impianti di illuminazione, riscaldamento e raffrescamento: “Ove possibile, sono alimentati da impianti fotovoltaici a isola, corredati da batterie di accumulo. Utilizziamo luci a LED a basso consumo, pannelli radianti in fibre di carbonio e carbon boiler a basso consumo energetico”.

Le case vanno dai 10 ai 40 metri quadrati, con un costo che va dai 15.000 ai 50.000 euro, e si possono adattare alle diverse esigenze.  “I privati ce le chiedono per avere uno spazio in giardino, oppure la stanza giochi di un bambino, che continua ad utilizzare anche quando diventa grande, oppure una dependance, una libreria, un ufficio”. Nel caso di enti pubblici, “ne abbiamo realizzata una nel giardino di una scuola, un’altra in un parco pubblico di Biella, dove funge da punto di osservazione”. Le strutture ricettive stanno scoprendo questa soluzione per dare ai propri clienti un’esperienza nuova, “nell’ottica del glamping, il glamour camping, destinato anche alle persone che non andrebbero mai in campeggio in tenda. Ne abbiamo già costruita una per un campeggio sul Lago Maggiore, e altre 20 sono in fase di autorizzazione amministrativa”.

Oggi per Sullalbero lavorano una ventina di persone e il fatturato cresce ogni anno del 50%. Dopo l’Italia, l’azienda punta all’estero: “Abbiamo già uffici commerciali in Svizzera e in Spagna. Al Salone del Mobile di Milano, ad aprile, presenteremo un progetto realizzato con un partner di prim’ordine per portare le case sull’albero in tutto il mondo”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende