Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Sullalbero: la bioedilizia sale tra le foglie:

Sullalbero: la bioedilizia sale tra le foglie

marzo 12, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Davide Torreggiani da piccolo aveva una casa sull’albero. Un giorno, quando era già diventato manager del settore marketing, ha deciso di costruirsela di nuovo nel suo giardino. Ma non è riuscito a trovare un’azienda italiana che potesse realizzarla. Questo è stato il germoglio da cui poi è nata Sullalbero. “Mi sono detto: come è possibile che non ci sia un’impresa che fa case sull’albero? Così ho deciso di provarci io”. Davide si è licenziato, e con i soldi che aveva messo da parte ha ricominciato da capo. Oggi Sullalbero ha già installato una cinquantina di case, mentre molte altre sono in fase di progettazione e autorizzazione.

Tutte sono costruite seguendo i criteri della bioedilizia: legno certificato, isolanti termici e acustici naturali, impianti di riscaldamento e raffreddamento alimentati quando possibile a energia fotovoltaica.

All’inizio, l’attività comincia sotto forma di falegnameria e tra il 2009 e il 2010 vengono installate le prime case. “Ci siamo però resi conto che era necessaria una vera e propria impresa di costruzioni, visto che si trattava di case con impianti e serramenti”. Così, nel 2012, a Ferno, in provincia di Varese, nasce Sullalbero. “La risposta è stata da subito molto buona. Avere una casa sull’albero è il sogno di tutti, coinvolge molto le persone dal punto di vista emotivo. Riceviamo costantemente telefonate  di persone che ci chiamano per raccontarci i loro progetti”, continua Torreggiani, che l’anno scorso è stato tra i vincitori del Premio Capitani dell’Anno 2013, attribuito dalla società di revisione contabile Baker Tilly Revisa alle migliori idee imprenditoriali.

Ma il successo di Sullalbero non deriva solo da un’idea vincente, che ha risposto ad una domanda fino a quel momento insoddisfatta. La scelta di costruire in bioedilizia e nel pieno rispetto delle piante ha avuto fin da subito un ruolo importante nel business dell’azienda. “Ogni progetto nasce coniugando i desideri del cliente con le caratteristiche degli alberi. Ingegnere, architetto e agronomo mettono a punto un  pre-progetto, da cui poi parte il lavoro”. La stessa progettazione della casa tiene conto dell’ambiente in cui la costruzione andrà ad inserirsi: “Ci piace sempre parlare di architettura organica: è il paesaggio a guidare l’architettura. Per progettare le case, ci ispiriamo di volta in volta ai colori e alle forme dell’ambiente dove saranno installate”.

Anche le tecniche costruttive sono a basso impatto ambientale: “Usiamo legno lamellare o massiccio certificato proveniente da riforestazione. Per la coibentazione, utilizziamo pannelli di sughero o materassini di lana. Niente smalti e vernici, ma solo oli colorati a base di cera d’api e limonene”.

L’albero rappresenta un enorme pilastro naturale le cui radici diffondono il carico a terra come un plinto di fondazione. I più adatti sono querce, frassini, faggi, olmi, tigli, castagni, ma anche grandi conifere come cedri, abeti o pini. Gli alberi dovranno essere ovviamente sani, robusti e di buone dimensioni.  Il solaio della casa viene messo in relazione con l’albero con dei veri e propri “appendimenti” alle parti superiori dell’albero, realizzati mediante l’utilizzo di “tiranti” in acciaio inox e fasciature. Le strutture possono essere aperte o chiuse, e hanno anche impianti di illuminazione, riscaldamento e raffrescamento: “Ove possibile, sono alimentati da impianti fotovoltaici a isola, corredati da batterie di accumulo. Utilizziamo luci a LED a basso consumo, pannelli radianti in fibre di carbonio e carbon boiler a basso consumo energetico”.

Le case vanno dai 10 ai 40 metri quadrati, con un costo che va dai 15.000 ai 50.000 euro, e si possono adattare alle diverse esigenze.  “I privati ce le chiedono per avere uno spazio in giardino, oppure la stanza giochi di un bambino, che continua ad utilizzare anche quando diventa grande, oppure una dependance, una libreria, un ufficio”. Nel caso di enti pubblici, “ne abbiamo realizzata una nel giardino di una scuola, un’altra in un parco pubblico di Biella, dove funge da punto di osservazione”. Le strutture ricettive stanno scoprendo questa soluzione per dare ai propri clienti un’esperienza nuova, “nell’ottica del glamping, il glamour camping, destinato anche alle persone che non andrebbero mai in campeggio in tenda. Ne abbiamo già costruita una per un campeggio sul Lago Maggiore, e altre 20 sono in fase di autorizzazione amministrativa”.

Oggi per Sullalbero lavorano una ventina di persone e il fatturato cresce ogni anno del 50%. Dopo l’Italia, l’azienda punta all’estero: “Abbiamo già uffici commerciali in Svizzera e in Spagna. Al Salone del Mobile di Milano, ad aprile, presenteremo un progetto realizzato con un partner di prim’ordine per portare le case sull’albero in tutto il mondo”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende