Home » Bollettino Europa »Rubriche » Sulle orme di Marco Polo con la “Via della Seta” ferroviaria:

Sulle orme di Marco Polo con la “Via della Seta” ferroviaria

maggio 9, 2016 Bollettino Europa, Rubriche

La libera circolazione delle merci, delle persone e delle idee entro i confini comunitari è uno dei principi sui quali si basa la costruzione dell’Unione Europea, messo a dura prova, oggi, dalle sfide del terrorismo internazionale, dell’immigrazione di massa e di trattati controversi come l’ormai famoso TTIP.

Questa visione, declinata nel mondo dei trasporti, ha preso il nome di  TEN-T (Trans-European Networks – Transport), una fitta rete con nove corridoi, di cui è previsto il completamento entro il 2030: sette riguardano gli storici itinerari Nord-Sud, cioè le direttrici lungo le quali si è consolidato lo sviluppo nel dopoguerra; poi ci sono due corridoi Est-Ovest, con il Corridoio Mediterraneo tra la penisola iberica e l’est europeo passando per la Pianura Padana. L’Italia è toccata da tre di questi canali, il Corridoio Mediterraneo, dal Portogallo all’Ungheria, attraverso la linea Torino-Trieste, quello Rhône-Alpes, che collega il porto di Genova ai porti del Mare del Nord come Rotterdam e Anversa e il corridoio Scandinavo-Mediterraneo, che va da Helsinki a La Valletta, passando per La Spezia, Napoli e Palermo.

Ma nelle ambizioni UE c’è di più, si punta a potersi spingere fino all’estremo oriente e unire ben due Continenti, l’Europa e l’Asia, secondo una rivisitazione in chiave ferroviaria della “Via della Seta”, l’itinerario storico di Marco Polo.

In concreto, si tratta del prolungamento a Est del Corridoio Mediterraneo. Il progetto in questione si chiama “Metro of the Metr” (Middle Est, Europe, Turkey, Russia) e si propone di realizzare una vera e propria “metropolitana” intercontinentale via binario e ad alta velocità fino a Pechino. 223 città-stazione su un totale di 87.700 km.

Recentemente è stata la città di Torino a promuovere un’azione rivolta ai sindaci dei centri abitati che verrebbero toccati dalla grande opera. Il progetto di sviluppo dei corridoi dell’Alta Velocità tra Europa e Asia (con traguardo al 2050) è stato tracciato, per la prima volta, nel Libro Bianco, dopodiché è nato il Forum delle “Città della nuova via ferroviaria della seta”, voluto dall’Italia o e arrivato a trenta aderenti, con una prima sede inaugurata il 5 maggio nel capoluogo piemontese e altre due che apriranno a Pechino e Mosca, nei prossimi mesi.

Il piano si pone l’obiettivo di promuovere lo sviluppo di nuovi corridoi ferroviari euroasiatici, in grado di connettere e integrare la rete ad alta velocità europea e quella cinese in un unico grande network di trasporto intercontinentale. L’idea che si sta definendo è quella di una grande “metropolitana della pace”, come l’ha definita qualcuno. Un sistema di trasporto che permetta spostamenti rapidi via treno tra le città principali che ne diventano le fermate. Dal 2050, partendo da Milano al mattino, si potrà arrivare a Teheran per la cena, o viaggiare da Mosca a Pechino in meno di un giorno. Per spostare merci e persone nell’ottica della cooperazione e dell’abbattimento di barriere e confini.

Accanto ai fronti caldi dell’Alta velocità ferroviaria europea, con il corridoio mediterraneo e la Torino-Lione ci sono le linee in territorio russo e cinese. Mosca e Pechino stanno, infatti, per formalizzare l’accordo di finanziamento della tratta Mosca-Kazan, uno dei tasselli fondamentali della Nuova via della Seta.

Il progetto potrebbe sembrare piuttosto visionario, ma il primo viaggio di un treno merci di un operatore cinese partito da Wuhan è arrivato qualche settimana fa a Lione, dopo 11.300 chilometri attraverso Cina, Kazakistan, Russia, Bielorussia, Polonia, Germania e Francia percorsi in 15 giorni. L’Italia, per adesso, è tagliata fuori, ma con l’inaugurazione del tunnel del Gottardo, e poi con la Torino-Lione (prospettiva 2019 per la prima parte, 2027 per completamento dello scavo e 2029 per attrezzare la galleria, salvo complicazioni), potrà entrare a far parte della nuova rotta “della seta”, consentendo di accorciare il percorso generale di 1.500 chilometri.

Per concretizzare questa visione restano dunque ancora migliaia di chilometri di rotaie da costruire e un’importante interruzione da superare in Medio Oriente, dove Metr si propone di progettare una nuova linea, con la sfida di inserirla in un contesto molto critico di equilibri geopolitici.

Piero Fassino, il sindaco di Torino e attuale presidente ANCI ha però voluto indirizzare un messaggio fiducioso (visti anche i tempi di campagna elettorale) ai suoi omologhi delle città euroasiatiche: “In un mondo globalizzato le città sono ancora un punto di riferimento e oggi, insieme al patrimonio storico che rappresentano, si va riscoprendo il loro ruolo fondamentale di simbolo di territori e garanti delle comunità. Tocca alle città costruire da protagoniste il proprio futuro assumendo una funzione trainante nelle politiche di sviluppo e di attrazione degli investimenti promuovendo in prima persona progetti che immaginino nuovi scenari per il futuro dei trasporti e disegnino la mobilità delle persone e delle merci in una prospettiva di scambio tra popoli”.

Il prossimo appuntamento del Forum sarà il 3 giugno a Sochi, in Russia, dove firmeranno la loro adesione i sindaci delle città cinesi e russe e dove sarà presentato il secondo Libro Bianco, dedicato proprio alle Città lungo la futura Via della Seta su rotaia.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende