Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Sumus: il sacchetto in carta riciclata per la raccolta dell’organico:

Sumus: il sacchetto in carta riciclata per la raccolta dell’organico

marzo 25, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

Lo slogan preferito di Davide Lolli, ad di Sumus Italia, è “usare un rifiuto per raccogliere un rifiuto”. La sua società ha acquisito nel 2013 la start up che ha inventato e brevettato Sumus, il sacchetto compostabile in carta riciclata per la raccolta dei rifiuti organici, pensato per risolvere tutte le criticità delle buste in bioplastica.

“Sumus è robusto, ha un’alta resistenza meccanica e al calore. Rispetto alla bioplastica, la carta fa respirare i rifiuti, evitando così che questi inizino a marcire e si formino liquidi con cattivo odore. L’umidità dello scarto è assorbita dalla carta e il sacchetto ha un fondino rinforzato, con una capacità di oltre due chili. Inoltre, il nostro sacchetto non ha data di scadenza, basta conservarlo all’asciutto”. A questo, dice Lolli, si aggiunge il fatto che “negli impianti di compostaggio la carta si degrada in meno tempo della bioplastica, permettendo di ottenere un compost di maggiore qualità”.

Sumus, certificato FSC e CIC (Consorzio italiano di compostaggio), è prodotto in un’area di 10 chilometri, nel distretto del packaging padovano, a Carmignano di Brenta. “La società è controllata dalle due aziende che producono materialmente Sumus: una cartiera e un sacchettificio. In questo modo riusciamo a controllare tutta la filiera, concentrata in uno spazio molto piccolo. Anche il macero viene dal territorio: farlo arrivare da troppo lontano, oltre a non essere sostenibile, costerebbe troppo”.

Oltre ai vantaggi ambientali di un sacchetto ottenuto con carta riciclata, ci sono i benefici economici: “Evitando la formazione di liquidi, Sumus assicura un rifiuto più leggero e dunque costi minori per la società di gestione dei rifiuti, che per conferire l’organico ai centri di compostaggio pagano dagli 85 ai 95 euro a tonnellata”. Per i consumatori privati, “Sumus ha un prezzo un po’ più alto del sacchetto in bioplastica, ma consente comunque di risparmiare perché ha una durata più lunga. In un anno, una famiglia utilizza 120-150 sacchetti Sumus, contro gli oltre 300 in bioplastica”. Per approfondire l’impronta ecologica del prodotto, l’azienda sta completando un’analisi del ciclo di vita di Sumus per ottenere la certificazione PEF (Product Environmental Footprint), in collaborazione con la Scuola superiore Sant’Anna di Pisa e l’Università Bocconi.

Oltre a Sumus, l’azienda produce anche sacchi in carta riciclata per la raccolta differenziata del verde e della carta. “Stanno andando molto bene, perché permettono di non separare il contenuto dal sacco. Non ha senso utilizzare una busta in plastica per la raccolta differenziata della carta”, continua Lolli. La novità del 2015 è il telo da pacciamatura in carta riciclata, di cui si sta completando la fase di industrializzazione: “Arriverà sul mercato nel secondo semestre dell’anno, speriamo di poterlo presentare già a Expo. Il telo è  spalmato con una sostanza di origine naturale che inibisce la crescita delle erbacce. I vantaggi sono molti: il telo non va tolto, perché si degrada nel terreno, tra l’altro concimandolo grazie alla lignina. Il prodotto è disponibile in vari colori, perché in base al tipo di coltura esso deve assorbire o riflettere i raggi solari”.

Oggi Sumus Italia ha rapporti di fornitura con una ventina di municipalizzate, con le quali realizza l’85% del proprio fatturato. Dopo essere approdata in Austria e Francia, si sta preparando ad arrivare anche sui mercati di Germania, Norvegia e Svizzera. Inoltre, da aprile Sumus si potrà acquistare anche nella grande distribuzione. “Quando abbiamo acquisito l’azienda, la quota di mercato di Sumus era pari allo 0,5%, noi l’abbiamo raddoppiata”. Il resto del mercato dei sacchetti per la raccolta dell’umido è composto per il 49% dalle buste in bioplastica e per il restante 50% da sacchetti diversi, senza certificazioni e non sempre regolari: “Abbiamo davanti a noi un settore con buone potenzialità e spazi di crescita”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende