Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Susanna Magistretti, la donna che ha portato la bellezza del verde nel carcere di Bollate:

Susanna Magistretti, la donna che ha portato la bellezza del verde nel carcere di Bollate

ottobre 4, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche
Una “giardiniera” del verde, con laurea in storia moderna e 10 anni nel mondo della pubblicità come copy, che oggi dialoga con sociologi, botanici e psicoanalisti per portare il bello in carcere. Missione riuscita e suggellata dal riconoscimento del premio Terres Des Femmes, assegnato dalla Fondazione Yves Rocher alle donne che, a livello internazionale, si distinguono nella tutela dell’ambiente e della salute. Lei è Susanna Magistretti, presidente di Cascina Bollate, la cooperativa sociale che ha fondato nel 2007 per il reinserimento dei detenuti del carcere di Bollate.

Susanna è una donna che ha seminato bene e con coraggio. Ha abbandonato terrazze e giardini milanesi per rigenerare spazi urbani “gestiti” da tossicodipendenti in cura e poi, come dice lei, ha iniziato “a bazzicare galere”. Correva l’anno 1998. Tanta pratica preceduta dalla teoria, merito della formazione offerta in un corso della Fondazione di Francia, Jardin d’aujord’hui.

“Ero stufa dell’aspetto estetico di terrazze e giardini – ci racconta – e ho iniziato a studiare un fenomeno più estremo: il reinserimento sociale di alcolisti e tossicodipendenti. Era il 1997. Ho approfondito le conoscenze con sociologi, botanici e psicanalisti. Un tema estremamente formativo”. Magistretti varca di nuovo la frontiera francese e ritorna a casa ricca di idee: “In Italia ho pensato di fare delle proposte, una è passata: ho iniziato a lavorare all’interno di un SerT (Servizi per le Tossicodipendenze, NdR) di Milano, anche perché il responsabile della struttura mi conosceva per il mio lavoro precedente di copy sul tema Aids. Ho iniziato a titolo volontario con i tossicodipendenti che andavano al SerT a prendere il metadone. Un giardinetto minuscolo, ma al centro di Milano”.

In queste poche zolle di terra il vento gonfia le vele di questo rivoluzionario progetto. Funziona. Il giardino conquista pure “la sciura che chiede le bustine dei semi”. “Detta così sembra una cosa folcloristica – spiega Susanna – ma è stato un passaggio molto profondo. Un posto assolutamente marginale da cui si girava alla larga è diventato un luogo dove si coltivava il bello! Davanti alla bellezza le persone se ne fregavano dei tossici. Andava bene così“. Un esempio concreto di rigenerazione urbana, in anni in cui il termine non era ancora di moda tra urbanisti, architetti e funzionari della pubblica amministrazione e tantomeno tra i politici.

Prima di quella trasformazione con forbici, guanti e pollice verde il SerT era solo una desolante “distesa di boccettine di metadone“. Il progetto di Susanna rigenera non solo il luogo ma anche le persone: “Persone che avevano perso tutto o forse non avevano avuto tutto dalla vita…”. Susanna non si ferma e da quel momento migra verso vari carceri. “Nel 2004/5 sono andata a Bollate dove ho visto delle improbabili serre con ciclamini e cipolle di Tropea. Sono stata chiara fin da subito: se volete sviluppare lavoro per i detenuti sappiate che i ciclamini li vendono più belli all’Esselunga, idem per le cipolle di Tropea!”.

Il progetto, sotto la sua guida, prende quindi un sentiero diverso, orientato ad erbacee perenni e rose antiche. “Ho lavorato con amici vivaisti, ho sputato sangue, ne sputiamo ancora (ma molto meno). Solo fiori ed arbustiVendiamo l’infinita varietà possibile in natura. Il concept risponde al tentativo di aprire una relazione amichevole tra uomo e natura, non seguire il fiorire continuo, come il modello mucca da latte”. E l’orto? “E’ stata una catastrofe, bello ma non c’era sincronia commerciale. Avevamo i pomodori, ma non c’era nessuno che li voleva a fine luglio e non avevamo neanche il frigo per lo stoccaggio”.

Botanica sociale, dunque? “Il tema del sociale in agricoltura, come il biologico, è una relazione forte ed amichevole. Una strada da percorrere sempre, in generale, e in particolare con persone in difficoltà. Il verde fa bene ma quando c’è un’idea di bellezza: Io che sono stato sfigato - pensa il detenuto – ho una parte buona in me, che mi viene riconosciuta perché coltivo il bello ed il buono. Un’idea che non è semplicemente estetizzante”.

Il futuro per Susanna è già oggi e le basta. “Intendo perpetuare il presente, non ho progetti di allargamento – anche perché non tira aria politica buona verso i detenuti. Manteniamo il presente…”.

Sul riconoscimento di Terres Des Femmes ci tiene a dirci che si era sbagliata: “Mi ha colpito, ho pensato all’inizio che fosse la solita marchetta aziendale, invece sono molto seri. La responsabilità ambientale in un ‘azienda così grande mi ha stupito ed è un’esperienza, al di là dei quattrini, di cui sono molto grata.” I 10.000 euro del premio li ha utilizzati infatti per la ristrutturazione del Giardino Didattico del carcere, dove ora i detenuti apprendono il mestiere del giardiniere.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende