Home » Bollettino Europa »Rubriche » Taglio (insufficiente) di CO2 e tante biciclette. Il Parlamento UE ripensa i trasporti:

Taglio (insufficiente) di CO2 e tante biciclette. Il Parlamento UE ripensa i trasporti

maggio 6, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Il taglio alle emissioni di CO2 delle nuove auto proposto dal Parlamento Europeo mostra, ancora una volta come la politica UE sia tenuta sotto scacco da interessi contrastanti che obbligano i decisori a scegliere vie di mezzo che finiscono, inevitabilmente, per scontentare tutti.

Nel testo di legge approvato dalla Commissione Ambiente dell’Europarlamento, si fissano a 95 grammi per chilometro le emissioni di CO2 per le auto fino al 2020, come proposto dalla Commissione UE. Tuttavia, a partire dal 2025 si dovrà tagliare ancora, a 68-78 grammi, mentre possibilmente dal 2017 dovranno essere sostituiti gli attuali test con altri più realistici per verificare la performance ambientale di un’auto.

Il limite attuale di emissioni medie massime di CO2 è di 130 grammi per chilometro. A fianco di queste riduzioni gli Eurodeputati hanno però introdotto un sistema di “super crediti” per compensare la produzione di vetture inquinanti con quelle “pulite”. I super crediti ponderano in modo vantaggioso le auto “green” e, di fatto, permettono ai costruttori di raggiungere gli obiettivi fissati producendo meno auto “pulite”. Queste ultime, infatti, peseranno nella ‘bilancia’ dei costruttori l’equivalente di 3,5 vetture nel 2013, per scendere a 1,5 nel 2016 e a 1 dal 2024. Tuttavia sono stati fissati dei limiti a questo sistema. In primo luogo il divieto di trasferire i crediti inutilizzati dai costruttori da un anno all’altro. Oltre al tetto di 2,5 grammi per l’aumento degli obiettivi di emissione per ogni costruttore legati al sistema dei super crediti. Escluse dalle nuove norme, invece, le aziende che producono meno di mille vetture l’anno.

“Questi sono standard politici” sostiene lACEA, l’associazione dei produttori di auto europei. La quale aveva invitato l’Aula a basarsi invece, su prove scientifiche, giudicando un”segnale preoccupante per il futuro dell’industria in Europa”. “Purtroppo – continua Ivan Hodac, Segretario Generale ACEA - le vendite e i posti di lavoro nel settore sono in calo da oltre sei anni e il primo trimestre di quest’anno conferma l’andamento fortemente negativo. In questo difficile contesto economico, considerando che la pressione normativa in Europa è già di gran lunga superiore a quella a cui sono sottoposti i nostri principali concorrenti, l’esito del voto in Commissione è un segnale preoccupante per il futuro del settore in Europa“.  Il principale timore di ACEA è il rischio di un aumento dei costi di produzione, che creerebbe uno svantaggio competitivo per il Continente europeo e metterebbe a repentaglio la capacità dell’industria di mantenere il suo vantaggio tecnologico e ambientale. ACEA sostiene anche che con questa decisione gli Eurodeputati hanno trascurato gli impegni assunti per il settore nel programma CARS 2020 che prevedeva una regolamentazione basata su valutazioni d’impatto dei provvedimenti.

Per Greenpeace, invece, se da un lato è positivo aver fissato un tetto per le emissioni per il 2025, questo è però ancora troppo alto per incentivare veramente gli investimenti nel settore dei biocarburanti i delle energie rinnovabili. Bocciato anche il sistema dei “super crediti”, considerata una trappola dei produttori auto in cui, puntano il dito gli ambientalisti, sono caduti gli eurodeputati. La prossima fase prevede ora l’apertura dei negoziati con il Consiglio per cercare di raggiungere un’intesa sulla proposta.

All’ordine del giorno del Parlamento Europeo non ci sono state però solo le automobili, ma anche le biciclette. Un gruppo di Eurodeputati ha, infatti, adottato la Visione dell’Associazione Europea dei Ciclisti che ha come punto cardine quello di raddoppiare il ciclismo sul territorio del Vecchio Continente entro il 2020. L’obiettivo è sulla buona strada per essere adottato come politica UE entro la fine dell’anno. Questa è la prima volta che la posizione dell’ECF viene formalmente adottata in un piano d’azione dell’UE ed è una tappa fondamentale che pone le basi per liberare miliardi di euro per il ciclismo nel prossimo bilancio UE. La proposta di includere un “obiettivo ciclismo” raddoppiato all’interno del Settimo programma di azione ambientale (2013 – 2020) è stato sostenuto dai maggiori blocchi politici dell’UE. Ciò significa che è probabile che tutto ciò si realizzi veramente.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende